Piante aromatiche coltivazione

Erbe aromatiche informazioni generali, quali sono, varietà annuali, biennali e perenni, schede e consigli sulla coltivazione.

erbe-aromatiche-coltivazione

Pianta Aromatica definizione e utilizzo

Con il termine di pianta aromatica vengono indicate tutte quelle piante ricche di oli essenziali che contengono sostanze dall’odore gradevole (aromi).

Le erbe aromatiche hanno una funzione biologica di stimolanti del metabolismo vegetale, di difesa dagli insetti fitofagi, di difesa dagli erbivori e stimolano nei fiori l’attrazione degli insetti pronubi.

Le sostanze aromatiche di queste piante o erbe possono essere distribuite in zone localizzate o in tutta la pianta come ad esempio:

  • Bulbi o Radici: cipolla, aglio ecc.
  • Foglie: tabacco, tè ecc.
  • Semi: caffè, vaniglia, pepe, anice ecc.
  • Legno: canfora, sandalo ecc.

aromatiche-tabacco

Le piante aromatiche hanno anche proprietà officinali e medicinali quindi possono essere utilizzate:


Leggi anche: 10 piante da balcone perenni: un’affascinante fioritura

  • Per insaporire i cibi e per conservarli il più a lungo possibile.
  • Per la preparazione e la produzione di amari e liquori
  • Per la produzione artigianale di pomate, creme e profumi in generale.
  • Per la preparazione di bevande dissetanti o infusi.

Ricordiamo che le piante aromatiche sono molto utilizzate dalle industrie chimiche che hanno il compito di estrarne le essenze per poi rivederle ad industrie cosmetiche, farmaceutiche ed alimentari.

aromatiche-aglio

Piante aromatiche perenni

Di piante aromatiche perenni ne esistono un’infinità e rientrano in questa categoria anche alcuni ortaggi.

Scopriamo quali sono le piante perenni più comuni:

  • Melissa
  • Rosmarino
  • Menta
  • Aglio
  • Salvia
  • Rabarbaro
  • Rafano
  • Asparago
  • Topinambur
  • Carciofo
  • Timo
  • Erba cipollina

aromatiche-carciofo

Erbe aromatiche coltivazione

Come coltivare le erbe aromatiche consigli!

Coltivare piante aromatiche in vaso come basilico, timosalvia, menta, maggiorana e via dicendo richiede piccoli accorgimenti.

Per chi si appresta a tale pratica per la prima volta si consiglia verificare le schede di coltivazione di cui parleremo in ultimo per assicurarsi delle esigenze colturali ad incominciare dall’esposizione fino alle cure indispensabili per il loro sviluppo sano e armonico.

aromatiche-rosmarino


Potrebbe interessarti: Piante rampicanti perfette per balcone e terrazzo

Piante aromatiche in vaso

Coltivazione piante aromatiche in vaso è il metodo migliore, più semplice e più efficace.

Vediamo quali sono le piante aromatiche più facili da coltivare in un vaso singolo o in vasi convenzionali:

  • Timo
  • Prezzemolo
  • Erba Cipollina
  • Lavanda
  • Menta
  • Rosmarino
  • Basilico

Per coltivare le piante aromatiche in un solo vaso bisogna reperire una sorta di vaso/fioriera di dimensioni standard (52-39-25) e riempirlo con 75 litri di terriccio e 30 litri di compost.

Per una coltivazione perfetta vi consigliamo di far “coesistere” nello stesso vaso il rosmarino, la salvia, l’erba cipollina e la menta.

Per coltivare le piante aromatiche in più vasi vi consigliamo di utilizzare prima un vaso da 8 cm per poi spostarle in un vaso 20 cm per la crescita definitiva.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Ricordiamo che le piante aromatiche che hanno bisogno di maggiore spazio e, quindi, di un vaso più grande sono le lavanda, la menta e il rosmarino.

origano-raccolta

Erbe aromatiche e spezie elenco

Esistono moltissime piante utilizzate in cucina per aromatizzare i cibi e pietanze, tra queste ricordiamo le principali:

Nome scientifico Nome comune
Acorus calamus Calamo
Allium cepa Cipolla
Allium sativum Aglio
Allium ursinum Aglio orsino
Allium schoenoprasum Erba Cipollina
Anethum graveolens Aneto
Angelica archangelica Angelica
Anthemis nobilis Camomilla romana o Camomilla nobile
Artemisia absinthium Assenzio maggiore
Artemisia vulgaris Artemisia
Camellia sinensis
Citrus aurantium Arancio amaro
Citrus bergamia Bergamotto
Citrus limon Limone
Citrus medica Cedro
Citrus reticulata Mandarino
Citrus sinensis Arancio dolce
Citrus myrtifolia Chinotto
Coffea Caffè
Coriandrum sativum Coriandolo
Crocus sativus Zafferano
Cuminum cyminum Cumino romano
Erythraea centaurium Centaura minore
Eucalyptus globulus Eucalipto
Foeniculum vulgare Finocchio selvatico
Gentiana acaulis Genzianella
Gentiana lutea Genziana maggiore
Glycyrrhiza glabra Liquirizia
Helichrysum italicum Elicriso
Humulus lupulus Luppolo
Hyssopus officinalis Issopo
Iris Giaggiolo
Juniperus Ginepro
Lavandula Lavanda
Matricaria chamomilla Camomilla comune
Melissa officinalis Melissa
Mentha Menta
Myristica fragrans Noce moscata
Myrrhis odorata Finocchiella
Oenanthe aquatica Fellandrio
Nicotiana tabacum Tabacco
Ocimum basilicum Basilico
Origanum majorana Maggiorana
Origanum vulgare Origano
Pelargonium Pelargonio
Petroselinum hortense Prezzemolo
Pimpinella anisum Anice
Piper nigrum Pepe
Rheum palmatum Rabarbaro
Rosa Rosa
Rosmarinus officinalis Rosmarino
Ruta graveolens Ruta
Salvia officinalis Salvia
Salvia sclarea Sclarea
Sinapis Senape
Sassafras albidum Sassofrasso
Tanacetum Tanaceto
Teucrium chamaedrys Camedrio
Thymus Timo
Theobroma cacao Cacao
Valeriana officinalis Valeriana
Vanilla planifolia Vaniglia
Viola Viola
Zingiber officinale Zenzero

maggiorana-foglie

Scheda della coltivazione delle piante aromatiche

Ecco alcuni consigli semplici ed utili per coltivare al meglio le vostre piante aromatiche:

Esposizione

In linea generale, quasi tutte le erbacee aromatiche sono piante rustiche che tollerano abbastanza bene il freddo e il caldo purchè coltivate  in zone al riparo dai venti, soleggiate o all’ombra di piante ad alto fusto.

Terreno

sono piante che si adattano a qualsiasi tipo di terreno soffice e ben drenato in quanto temono il marciume radicale causato dai ristagni idriche si manifesta frequentemente nelle piante in vaso e sottovaso.

Annaffiature

Devono essere scarse nelle aromatiche con fusti semilegnosi come il rosmarino; abbondanti e regolari durante l’estate e nei periodi di prolungata siccità. L’acqua va somministrata a temperatura ambiente o il mattino presto o dopo il tramonto del sole per evitare traumi radicali nelle ore più calde della giornata.

Concimazione

Se si tratta di colture private e non commerciali è bene evitare di concimarle per assaporare al meglio la loro  fragranza e godere della loro genuinità. Se le piantine stentano a crescere somministrare pochissimo concime granulare a lento rilascio oppure concime liquido diluito nell’acqua delle annaffiature (solo una volta).

Moltiplicazione

La riproduzione delle piante aromatiche avviene principalmente per seme fatta ad eccezione della menta che può essere propagata anche per stolone e il rosmarino per talea.  Quasi tutte infatti vengono coltivate come annuali e quindi rinnovate ogni anno.

Semina

Le piante aromatiche vanno seminate in primavera inoltrata direttamente in piena terra oppure in semenzaio protetto a partire dal mese di marzo utilizzando l’apposito terriccio da semina.

Cimatura

E’ importante per lo sviluppo e l’accestimento delle piante.

Si cimano gli apici di circa 10 cm per favorire l’emissione di nuovi getti laterali, l’infoltimento delle piante;  per ottenere aromi più concentrati evitare che le piante fioriscano: tecnica della cimatura.

Melissa-semina-semenzaio

Cure

Le piante aromatiche non necessitano di particolari cure di manutenzione anzi sono facili da coltivare soprattutto in vaso. Quelle coltivate in piena terra vanno periodicamente liberate dalle  piante infestanti che si sviluppano nelle loro vicinanze smuovere il terreno con piccole zappettate o con la paletta per le specie coltivate in vaso.

Galleria foto delle piante aromatiche

 

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica