Vaniglia coltivazione


vanilla-fiori

La Vanilla conosciuta comunemente come vanigliavanillina è una varietà di orchidea aromatica apprezzata per la spezia ricavata dai suoi lunghi baccelli e come tutte le altre varietà di orchidea è facile da coltivare anche in vaso.


Caratteristiche della pianta di Vaniglia – Vanilla planifolia

Il genere Vanilla, famiglia delle Orchidaceae, comprende numerose specie di piante originarie delle foreste tropicali umide del Messico dove sono diffuse allo stato spontaneo nel sottobosco.

Tra le poche specie fruttifere la più coltivata al mondo a scopo commerciale è la Vanilla planifolia.

La Vanilla planifolia è varietà di orchidea e come le altre specie è una pianta epifita che si abbarbica sugli alberi grazie alle radici avventizie di cui è provvista.

La pianta è provvista di steli cilindrici e coriacei poco ramificati che, come lunghissime liane flessibili, si sviluppano verticalmente.

vanilla-pianta

Le foglie, disposte in maniera opposta lungo i rami, sono ellittiche, piatte, larghe circa 10 cm e di colore verde brillante e lucide. Le foglie quando si spezzano liberano un succo irritante per la pelle.

vanilla-planifolia-fiore

I fiori, riuniti in gruppi di 8-10, sembrano tante orchidee, sono profumati e di colore bianco oppure giallo verde. I fiori, sono di breve durata infatti si aprono al mattino e dopo poche ore si chiudono per non aprirsi più.

I frutti che si originano dalla fecondazione dell’ovaio, sono baccelli verdi, inodori, lunghi circa 20 cm e nel loro interno racchiudono moltissimi semi scuri.

I semi sono minuscoli e vengono disseminati nel sottobosco con l’apertura dei baccelli maturi.

vanilla-baccelli

Fioritura della Vanilla planifolia

La pianta di vaniglia fiorisce nel periodo autunno – inverno a cavallo tra settembre – gennaio a seconda della zona di coltivazione e, generalmente, la fioritura dura circa un mese.

La Vaniglia planifolia inizia a fiorire solo quando la sua liana ha raggiunto i 3 metri di altezza.

vanilla-coltivazione

Coltivazione Vaniglia planifolia

Esposizione

E’ una pianta che ama il luoghi luminosi ma riparati dai raggi diretti del sole. La temperatura ottimale di coltivazione è compresa fra 15 e 25 °C. È una pianta bisognosa di spazio: in vaso, da adulta può misurare fino a 4 m di lunghezza, e i tralci vanno fatti arrampicare su un robusto e lungo tutore, ripiegandoli e fissandoli a esso.

Terreno

Come le altre varietà di orchidee, la Vanilla planifolia per crescere forte e rigogliosa necessita di un substrato specifico composto da sfagno (muschio leggero e permeabile) o corteccia di piante non resinose e fibra di osmunda (radice di felce).

Annaffiature

La Vaniglia planifolia allevata in vaso va annaffiata con acqua piovana o demineralizzata almeno 2 volte a settimana. Per assicurare il giusto grado di umidità ambientale alla pianta, soprattutto se l’ambiente è troppo secco, sono necessarie almeno 2 nebulizzazioni giornaliere con acqua non calcarea. In inverno invece le annaffiature vanno ridotte al minimo indispensabile.

Concimazione

E’ una pianta che necessita di un costante apporto di nutrienti e pertanto dalla ripresa vegetativa e per tutto l’estate va fertilizzata ogni 15 / 20 giorni con un concime specifico per orchidee bilanciato in azoto, fosforo e potassio, ma anche con una piccola percentuale di ferro, zinco, rame, manganese.
A fine fioritura si evita di concimare per un paio di mesi e dopo questo periodo di riposo, si riprende a concimare regolarmente.

vanilla-frutti

Moltiplicazione Vanilla o vaniglia

Nei luoghi di produzione la Vanilla planifolia si riproduce per seme i quanto i fiori vengono naturalmente fecondati da un piccolo insetto presente solo in Messico.

Da noi, per ottenere i baccelli, bisogna fecondare i fiori facendo ricorso all’impollinazione manuale operando nel seguente modo.

La mattina presto (i fiori di vaniglia si aprono solo per poche ore), quando i fiori sono completamente aperti, si stacca il cappuccio che avvolge gli stami; si strofina un pennellino sul polline e poi lo si passa sul pistillo.

Moltiplicazione della Vanilla per talea

La moltiplicazione della Vanilla può essere praticata più facilmente per talea una tecnica di propagazione sicura e che produce piante con le stesse caratteristiche genetiche della pianta madre.

Dopo la fioritura, si prelevano sempre utilizzando forbici ben affilate e disinfettate, porzioni di rami lunghi circa 15 -18 cm. Le talee si trattano con un ormone radicante e successivamente messe a radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali. Per favorire il radicamento, il semenzale va posto in un luogo a temperatura costante di circa 25° C e mantenuto costantemente umido fino alla comparsa dei nuovi germogli che generalmente compaiono dopo 1 mese.

Le piante di vaniglia che hanno emesso le radici dopo 1 anno potranno essere trasferite in vasi singoli ed allevate in esse fino al momento della messa a dimora definitiva.

Vanilla-impianto

Impianto della Vanilla

Si tratta di una pianta caratterizzata da una crescita molto veloce che richiede molto spazio pertanto va impiantata in buche a distanza di 1 metro sulla fila e circa 2 tra le file. Ogni pianta va sorretta da un tutore per far arrampicare i suoi lunghi tralci.

Se la vanilla viene coltivata in vaso bisogna fornirle un contenitore molto spazioso e profondo per consentire un regolare sviluppo sia dell’apparato radicale sia della parte aerea.

vaniglia-baccelli-essiccati

Raccolta dei baccelli di vaniglia

Nei luoghi di produzione, i frutti della vaniglia raccolti ancora verdi, dopo un lungo e difficile periodo di essiccazione, diventano neri e acquistano il loro inconfondibile profumo aromatico. Generalmente la raccolta dei baccelli inizia dopo tre anni dalla semina.

Dopo la raccolta i frutti si fanno essiccare all’aria in un luogo aerato ed ombroso.

Dopo l’essiccazione i baccelli si conservano interi in barattoli di vetro e riposti in un luogo buio e fresco.

cocciniglia-neadi

Parassiti e malattie della Vaniglia

E’ una pianta sensibile al marciume delle radici se il substrato di crescita non è ben drenato. Soffre gli attacchi della cocciniglia e degli afidi che di solito si annidano nelle intersezioni fogliari.

Pacciamatura-foto

Cure e trattamenti

Si consiglia di svuotare il sottovaso dopo le annaffiature e per prevenire gli attacchi parassitari effettuare trattamenti specifici. Per proteggere le radici dal freddo coprire la base della pianta di Vaniglia con un leggera pacciamatura di paglia o di foglie secche.

Varietà e specie di vaniglia

Le specie di vaniglia più apprezzate sono:

Vanilla Tahitensis

E’ una varietà ibrida ottenuta dall’incrocio di vaniglia planifolia e vaniglia odorata. Ha steli a zig-zag; foglie ellittiche strette e lunghe. Produce fiori di colore verde-giallastro e mazzi di baccelli simili a fagioli, corti, larghi e carnosi di colore marrone scuro con aroma caldo e fruttato misto ad una nota di anice.

 Vanilla Bourbon

Originaria dell’isola Reunion è una specie che produce baccelli con aroma intenso e delicato che  vengono impiegati soprattutto nella preparazione di vari tipi di dolci. La vaniglia Bourbon si sposa perfettamente con la cannella, l’anice, il chiodo di garofano, lo zenzero e il cardamomo.

Vaniglia Tahiti

Una specie che produce baccelli di colore marrone scuro, spessi, carnosi e lunghi 15–18 cm. I baccelli della vaniglia Tahiti hanno un delicato profumo speziato misto a una nota fruttata alla prugna. La produzione mondiale di questa specie è molto limitata e ciò giustifica l’elevato prezzo dei suoi baccelli.

Bavarese al cioccolato e alla vaniglia

Usi della Vaniglia

In cucina questa deliziosa spezia aromatica viene utilizzata nelle preparazioni di dolci e liquori, per aromatizzare creme, cioccolato e come ingrediente principale del famoso e gustoso strudel di mele.

strudel-mele-foto

I pasticcieri usano la vanilla per coprire il sapore di lievito e l’odore delle uova.

La vanillina o vaniglina è il principio o meglio una molecola aldeide aromatica che attribuisce alla vaniglia il suo odore caratteristico.

In 1 seme di vaniglia abbiamo una concentrazione fino al 4 % di vanillina.

In medicina la vaniglia viene consigliata per le sue benefiche proprietà per la cura di varie infezioni e per combattere lo stress e l’insonnia.

Vaniglia-calorie

Calorie della vaniglia

100 g di estratto di vaniglia apportano circa 290 Calorie, 0,06 g di Grassi, 12,65 g di Carboidrati,  0,06 g di Proteine.

Significato della Vaniglia

Il nome Vaniglia deriva dello spagnolo vainilla che deriva a sua volta dal latino vagina che significa baccello, guaina.

Vaniglia-baccelli-curiosità

Curiosità

La Coca-Cola ha commercializzato una bevanda al gusto di vaniglia: la Coca-Cola Vaniglia che piace tantissimo ai francesi e agli inglesi.

Galleria foto Vanilla planifolia

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta