Maggiorana – Origanum majorana

maggiorana-origanum

La maggiorana è una pianta aromatica proveniente dall’Asia e dall’Africa coltivata in vaso e in piena terra per il suo delicato sapore.

maggiorana-fiori

Caratteristiche generali Maggiorana

La maggiorana, Origanum majorana, come il comune origano appartiene alla famiglia delle Labiate ed è originaria dell’Asia e dell’Africa dove viene coltivata come perenne.

maggiorana-erbacea-aromatica


Leggi anche: Maggiorana: una pianta leggendaria

La pianta di maggiorana presenta radici fascicolate molto sottili che si approfondano nel terreno solo per qualche centimetro.

La parte aerea ha portamento cespuglioso ed è composta da numerosi steli ramificati, eretti e quadrangolari ricoperti da una fitta peluria.

maggiorana-foglie

Le foglie sono opposte e pelose, di forma ovale o ellittica, molto piccole ed allungate, di dimensioni non superiori ai 35 mm, di color verde glauco. Sono aromatiche ed emanano un odore intenso, penetrante e delicato allo stesso tempo.

fiore-maggiorana

I fiori  sono di colore bianco-rosato e sono riuniti in racemi terminali di forma globosa- ovoidale portati all’apice dei rami secondari. La corolla è bilabiata con petali di colore bianco all’inizio della fioritura, poi in seguito tendono al giallastro. L’impollinazione è di tipo entomogama, cioè avviene grazie alle api e altri insetti impollinatori.

I frutti sono tetracheni ovvero capsule ovali  contenenti numerosi semi.

I semi sono piccolissimi e leggeri; hanno forma sferica, consistenza liscia e colorazione marrone.
I semi maturi sono fertili e se ben conservati germinano anche dopo 2-3 anni dalla raccolta.


Potrebbe interessarti: Pianta del caffè d’appartamento – Coffea arabica

Fioritura

La maggiorana fiorisce da luglio a settembre.

maggiorana-fioritura

Coltivazione Maggiorana

Esposizione

E’ una pianta aromatica che ama  il clima caldo e l’esposizione soleggiata. Non sopporta il freddo e quindi viene coltivata come annuale.

Terreno

La Maggiorana è una pianta che cresce bene nel comune terreno da orto o da giardino fertile, ben drenato e soprattutto asciutto.

Annaffiature

E’ una pianta che ama il terreno asciutto quindi va annaffiata poco e spesso, senza inzupparlo per  evitare pericolosi ristagni idrici. Richiede frequenti annaffiature durante la fase di crescita e soprattutto durante la fioritura.

Concimazione

La maggiorana è una pianta rustica pertanto non richiede una concimazione particolare. Il terreno va arricchito al momento dell’impianto un fertilizzante bilanciato in azoto, fosforo e potassio.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

maggiorana

Maggiorana: coltivazione in vaso

Come le altre piante aromatiche anche la Maggiorana si può facilmente coltivare in vaso
sul balcone, prediligendo l’esposizione a sud nei mesi primaverili e a mezz’ombra nei mesi estivi. Per evitare il surriscaldamento delle radici il vaso deve essere di colore chiaro e riempito con terreno soffice e ben drenato, anche sul fondo.

Rinvaso

La pianta di Maggiorana coltivata come annuale si rinvasa in primavera utilizzando un contenitore più gande del precedente e nuovo terriccio fertile.

Moltiplicazione della Maggiorana

La pianta si riproduce facilmente per seme, per talea e mediante la divisione dei  cespi.

Poichè i semi sono molto piccoli e leggeri prima di effettuare la semina in semenzaio o in piena terra, è meglio mescolarli a sabbia per una distribuzione omogenea.

Semina della maggiorana in semenzaio

La semina della maggiorana si effettua in semenzaio protetto verso l’inizio della primavera distribuendo i semi in una composta formata in parti uguali di terriccio fertile e sabbia. Il semenzaio va posto all’ombra coperto con un foglio di plastica (che quotidianamente andrà rimosso ed asciugato) a temperatura di circa ai 12-15°C. Il terriccio va mantenuto umido fino alla germinazione che generalmente richiede da due a quattro settimane. Quando i semi germogliano si toglie il foglio di plastica e si sposta il semenzaio in un luogo luminoso. Quando le piante sono abbastanza grandi si possono trapiantare e trattare come piante adulte.

terreno-semina

Semina della maggiorana in piena terra

La semina in pieno campo si effettua nel mese di aprile distribuendo i semi in file parallele nel terreno soffice e ben lavorato. I semi vanno interrati a pochi mm di profondità e dopo la germinazione le piantine vanno diradate a distanza di circa 30-50 cm sia sulla fila sia tra le file.

Moltiplicazione per talea

La moltiplicazione per talea della maggiorana si va nel mese di giugno. Si tagliano talee lunghe 8-10 cm dai germogli basali non fioriferi e si piantano in un composto di torba e sabbia, vanno poi tenute in una serra fresca (circa 10°C) fino a al momento della radicazione, poi si trapiantano e si trattano come piante adulte.

Propagazione per divisione dei cespi

La moltiplicazione della maggiorana per divisione dei cespi si effettua in marzo o in ottobre.

Le giovani piantine ottenute con questa tecnica di propagazione agamica vanno tenute in un luogo fresco fino a quando non hanno attecchito e successivamente, in tarda primavera o ad inizio estate, si  trapiantano a dimora definitiva.

calorie-maggiorana

Impianto o messa a dimora Trapianto della maggiorana

Il trapianto delle piantine di maggiorana va effettuato nella tarda primavera o all’inizio dell’estate nel terreno sciolto e ben drenante, con una buona dose di sostanza organica, compost domestico o humus di lombrico. Le piantine si trapiantano a distanza di almeno 40 cm  tra le file e a 25-30 cm di distanza sulle file.

maggiorana-raccolta

Raccolta  della Maggiorana

La raccolta della maggiorana si pratica in estate nel periodo che va da luglio a settembre, tagliando gli steli a livello del suolo. Se si usa fresca si raccolgono i rametti all’occorrenza. I semi si raccolgono a maturazione completa verso la fine di settembre.

Maggiorana-parassiti

Parassiti e malattie della Maggiorana

E’ una pianta rustica abbastanza resistente alle malattie fungine come la ruggine, l’oidio è, invece, sensibile al marciume delle radici e all’attacco dei coleotteri.

maggiorana

Conservazione della maggiorana

Si consiglia di conservare la maggiorana in vasetti di vetro dopo aver fatto essiccare i rametti e i fiori in appositi locali ben arieggiati.

origano-essiccazione

Cure e trattamenti

Frequenti annaffiature dopo la semina o il trapianto e continue scerbature dalle erbe infestanti.

Varietà di maggiorana

Maggiorana dolce o bianca

Conosciuta anche come Maggiorana dei giardini è una pianta erbacea che in pieno sviluppo vegetativo forma un piccolo cespuglio di steli eretti con foglie glauche ricoperte da una fitta peluria di cui sono rivestite. I fiori che sbocciano in estate, ,nei mesi di luglio e agosto, sono riuniti in piccole infiorescenze tondeggianti; i semi sono piccoli, lisci, sferici e di color marrone. Viene coltivata come annuale, in quanto non resiste al gelo. La maggiorana dolce è la varietà più  utilizzata a scopo alimentare, fitoterapico o aromatico per il suo aroma fresco, penetrante e leggermente canforato e per il suo sapore molto più delicato di quello dell’origano comune.

Maggiorana nera

Conosciuta come Maggiorana comune è una pianta erbacea  più vigorosa con steli lignificati alla base e foglie vellutate di color verde-pallido. Viene coltivata come perenne in quanto resiste al freddo e al gelo.

erbe-aromatiche

Calorie della maggiorana

1 cucchiaino di maggiorana fresca oppure essiccata apportano sono 2 Calorie.

Usi della maggiorana

I rametti di questa piccola pianta erbacea vengono impiegati per aromatizzare arrosti, insalate, sughi e il suo olio, ricavato per distillazione, viene usato per la preparazione di liquori e per la preparazione di creme.

In fitoterapia, viene consigliata perle sue proprietà digestive, antispasmodiche e rilassanti. La tisana di maggiorana e gli infusi sono efficaci contro i dolori mestruali, la colite, l’insonnia, l’ansia e la cefalea.

L’olio essenziale viene consigliato in caso di disturbi digestivi e si possono usare 4-5 gocce di olio essenziale di maggiorana con un cucchiaio di miele per 3 volte a giorno.

maggiorana-significato

Linguaggio dei fiori

La maggiorana fin dai tempi antichi è il simbolo della bontà e del conforto. Per il suo portamento rivolto sempre verso il cielo è considerata anche della pianta contemplazione e della spiritualità.

Curiosità

L’Origanum Majorana è stata importato in Europa dai crociati.

Galleria foto Maggiorana

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica