Valeriana rossa – Centranthus ruber


Centranthus-ruber-fiore

Il Centranthus ruber meglio conosciuto come Valeriana rossa o Lattarola è una pianta erbacea rustica coltivata per la sua splendida fioritura nei giardini rocciosi e nelle  bordure di aiuole miste.

Centrantus-foto


Caratteristiche generali Centranthus ruber

La Valeriana rossa, Centranthus ruber, è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Valerianaceae, molto diffusa in tutta l’Europa, in numerose regioni asiatiche e nord- africane.

La pianta alta circa 70 cm e coltivata come annuale, si presenta sotto forma di fitto cespuglio composto da steli cavi ed eretti talvolta arcuati di colore verde intenso. In inverno la parte aerea della pianta si dissecca per poi rinverdirsi in maniera rigogliosa nelle primavera successiva.

Le foglie opposite, ovate o lanceolate, sono leggermente coriacee e di colore verde grigiastro.

Centranthus-ruber-foglie

In primavera inoltrata all’apice dei fusti sbocciano piccoli fiori a stella, riuniti in racemi ad ombrello o semisferici, di colore rosa acceso, rosso o anche bianco.

Valeriana rossa-Centranthus ruber

I fiori che sbocciano numerosi agli apici degli steli, sono riuniti in racemi ad ombrello e, come quelli delle Pentas, hanno la forma stellata-tubolare  con corolla composta da petali di colore bianco, rosa e rosso intenso.

I frutti sono piccoli acheni muniti di pappo che vengono disseminati dal vento anche a distanza del luogo di produzione.

Valeriana-Centranthus-ruber-fiori

Fioritura del Centranthus ruber

La Valeriana rossa fiorisce da  giugno a ottobre e con i suoi bellissimi fiori che persistono sugli steli anche per settimane regala bellissime macchie di colore anche nelle zone più desolate del giardino.

Centranthus-ruber-albus

Coltivazione della Valeriana rossa o Centranthus ruber

Esposizione

La valeriana rossa predilige i luoghi soleggiati o al massimo parzialmente in ombra nelle regioni caratterizzate da un clima troppo caldo. la pianta coltivata all’ombra stenta a crescere e a produrre fiori. E’ una pianta rustica adatta anche per le regioni con inverni molto rigidi in quanto non teme il freddo. Resiste bene a vento, pioggia e salsedine.

Terreno

E’ una pianta erbacea perenne molto rustica che si adatta a qualsiasi tipo di terreno sabbioso, arido e roccioso purchè ben drenato in quanto non tollera minimamente i ristagni idrici. Il substrato ottimale soprattutto per la coltivazione in vaso  è un miscuglio di terriccio universale, torba e sabbia grossolana per assicurare un corretto drenaggio dell’acqua delle annaffiature.

Annaffiature

E’ una pianta erbacea che allo stato spontaneo cresce nei terreni aridi e nelle crepe dei muri e quindi è poco esigente di acqua e generalmente si accontenta delle piogge. Gli apporti di acqua vanno fatti solo nei periodi di prolungata siccità soprattutto se le piante sono giovani o sono state impiantate da poco tempo. Le annaffiature devono essere moderate anche nel caso in cui la valeriana rossa viene coltivata in vaso.

Concime-granulare

Concimazione

Per stimolare la ripresa vegetativa della valeriana rossa e ottenere fioriture abbondanti e durature,  ogni mese del concime liquido per piante da fiore diluito nell’acqua delle annaffiature, In alternativa, ogni 3 mesi e fino all’autunno, somministrare alla base dei cespi del concime granulare a lenta cessione. Durante il periodo invernale le concimazioni vanno sospese e riprese poi nella primavera successiva.

Centranthus ruber-Valeriana rossa

Valeriana rossa: coltivazione della valeriana rossa

Il Centranthus è una pianta facile da coltivare anche in vaso sempre esposta al pieno sole e in contenitori abbastanza capienti e soprattutto profondi contenenti terreno preferibilmente calcareo e ben drenato che va annaffiato almeno una volta a settimana ma comunque senza eccessi.

Rinvaso

Si effettua in primavera prima della ripresa vegetativa. Si utilizza un vaso più grande del precedente e nuovo terriccio sempre ben drenato.

Valeriana rossa -moltiplicazione

Moltiplicazione della Valeriana rossa

La Valeriana rossa si moltiplica per seme e autosemina in primavera, oppure per divisione dei cespi in autunno.

Moltiplicazione per seme

La semina si effettua in primavera direttamente a dimora interrando i semi a circa 0,5-1 cm di profondità.

moltiplicazione delle piante di lattarola per ottenere nuovi esemplari avviene per seme nella stagione primaverile, seminando direttamente a terra, senza bisogno di predisporre un semenzaio dove far germogliare le nuove piantine, oppure per divisione dei cespi in autunno, da porre direttamente a dimora, data la grande rusticità e resistenza di questo tipo di pianta.

Propagazione per divisione dei cespi

Questo tipo di propagazione agamica va fatta in autunno. I cespi, estratti dal terreno, vanno divisi delicatamente e trapiantati subito per evitare di traumatizzare le radici.

Centranthus_angustifolius

Potatura e cimatura della Valeriana rossa

Si cimano man mano gli steli fioriti, Per favorire l’incespimento e l’irrobustimento dell’apparato radicale, prima dell’arrivo dell’inverno, si  tagliano i fusti a livello del terreno.

Guida alla Cimatura

Impianto del Centranthus

La messa a dimora in piena terra va fatta in marzo-aprile o in autunno piantando le piante in buche distanti tra loro circa 30 cm.

Abbinamenti

Le piante di valeriana rossa si abbinano perfettamente con Achillea, Coreopsis, Nepeta, Rosmarino e Veronica.

Afidi-neri

Parassiti e malattie della valeriana rossa o Centranthus ruber

La rusticità conferisce a queste pianta una buona resistenza alle malattie fungine ma talvolta a causa dell’eccessiva umidità ambientale subisce l’attacco degli afidi.

Soffre il marciume radicale causato dai ristagni idrici.

Cure e trattamenti della Valeriana rossa

ima della ripresa vegetativa è possibile intervenire con l’impiego di prodotti specifici per un trattamento insetticida preventivo ad ampio spettro, così da garantire una giusta protezione alle piante. Se si nota la presenza di parassiti è possibile anche impiegare un preparato d’acqua in cui è stato fatto bollire dell’aglio, da vaporizzare sugli esemplari colpiti.

Contro gli afidi è efficace anche il piretro un antiparassitario naturale utilizzato anche per le piante orticole o un antiparassitario all’aglio facile da preparare in casa e che no è tossico per gli insetti utili. I trattamenti a scopo preventivo mediante l’uso di prodotti chimici ad ampio spettro vanno fatti a scopo preventivo prima della ripresa vegetativa della pianta.

Antiparassitario-piretro

La valeriana rossa è velenosa?

Questa pianta non rientra nella lista delle piante velenose per cani e gatti ed è commestibile anche per l’uomo.

Valeriana rossa- Lattarola

Usi

In giardinaggio il Centranthus ruber è una pianta utilizzate per realizzare aiuole fiorite, tappezzare muretti e pareti verticali grazie alla capacità di idratazione del suo robusto apparato radicale

La Valeriana rossa viene utilizzata in fitoterapia come ansiolitico naturale, contro l’affaticamento mentale, per combattere lo stress e i gonfiori premestruali.

In cucina a valeriana rubra può essere consumata in insalata.

Curiosità

La valeriana rossa è chiamata comunemente anche pianta lattarola e pianta parafulmini.

Anticamente con i suoi semi venivano preparati unguenti utilizzati per imbalsamare i morti.

Galleria foto Centranthus

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta