Nuova Guinea – Impatiens Nuova Guinea

Laura Bennet
  • Dott. in scienze biologiche

Impatiens -Nuova Guinea

L’Impatiens Nuova Guinea è una pianta erbacea da fiore facile da coltivare in vaso e a dimora nelle aiuole dei giardini, apprezzata per le splendide fioriture dai colori vivaci che regala a profusione dalla primavera all’autunno.

Caratteristiche generali dell’Impatiens Nuova Guinea

L’Impatiens Nuova Guinea è una pianta della famiglia delle Balsaminaceae, originaria dell’Africa, dove cresce come spontanea nei terreni freschi producendo arbusti sempreverdi e fiori  quasi tutto l’anno. Alle nostre latitudini questa bella pianta ornamentale viene coltivata come perenne in casa e come annuale a dimora poichè difficilmente sopravvive a temperature sotto i 5° C.

L’Impatiens Nuova Guinea in pieno sviluppo vegetativo forma un grazioso cespuglio alto  40 cm e largo circa 25 cm con chioma tondeggiante composta da numerosi fusticini succulenti variamente ramificati e ricoperti da un fogliame molto decorativo e persistente.

Le foglie sono foglie ellittiche-lanceolate a margini lievemente dentati, con pagini opache e di colore verde scuro.

I fiori prodotti a profusione, sono speronati con corolla semplice o doppia formata da grandi petali ovati-cuoriformi con colorazioni che vanno dal bianco al rosa, al rosso o screziati.

I frutti sono capsule deiscenti che al minimo tocco si aprono lanciando i semi lontano.

I semi sono neri e, anche se piccolissimi, germinano in poco tempo non appena toccano il terreno dando così vita a tante nuove piantine.

Impatiens-Nuova Guinea-Fiori

Fioritura

La Nuova Guinea fiorisce dalla primavera, marzo ed aprile, fino all’autunno inoltrato.

Nuova Guinea-Impatiens

Coltivazione della Impatiens Nuova Guinea

Esposizione

Va coltivata in un luogo protetto dai raggi solari diretti. Tollera l’ombra e non teme il caldo intenso  infatti è fra le poche piante che non rallenta la fioritura neppure nei mesi più caldi. Non sopporta le correnti d’aria fredda, le temperature inferiori ai 5° C e in particolar modo il gelo che è la causa prima della sua morte.

Terreno

Questa pianta ama il terreno fresco e leggero, soffice, ricco di materia organica mescolato con torba e sabbia per garantire un buon drenaggio dell’acqua poichè è molto sensibile ai ristagni idrici. Se coltivata nel terreno compatto e poco permeabile muore a causa del marciume delle radici, del colletto e dei fusti.

Annaffiature

L’Impatiens Nuova Guinea non sopporta la siccità quindi va innaffiata regolarmente in primavera e abbondantemente e almeno una volta al giorno nei mesi estivi, in modo che il substrato sia sempre umido e facendo attenzione a che l’acqua non ristagni. Le innaffiature vanno ridotte durante il periodo autunno – invernale, in funzione della temperatura ambientale.

Concimazione

Per ottenere nuova vegetazione e fioriture prolungate il terreno di coltivazione va arricchito di nutrienti effettuando frequenti concimazioni con un fertilizzando specifico per piante verdi fiorite. Le concimazioni vanno fatte ogni 10 -15 giorni, per tutto il corso della vita della pianta.

Impatiens – Nuova Guinea-Coltivazione in vaso

Impatiens Nuova Guina: coltivazione in vaso

E’ una pianta che viene solitamente coltivata in vaso come ornamentale d’appartamento vicino a finestre esposte verso nord o est o dei  balconi esposti all’ombra o alla penombra. Si utilizza come substrato un terriccio fertile per piante fiorite, mescolato con torba e sabbia, e ben drenato sul fondo con argilla espansa. La Nuova Guinea  coltivata in vaso va annaffiata con maggiore frequenza ma evitando i ristagni idrici nel sottovaso; va concimata ogni 7-10 giorni per tutto il periodo di vita della pianta, in quanto consuma molta energia per la fioritura. Prima di effettuare le concimazioni è bene inumidire il terriccio, se al tatto risulta asciutto.

Rinvaso

L’Impatiens Nuova Guinea coltivata come perenne va rinvasata ogni anno utilizzando un contenitore più grande di una o due misure in più. Sul fondo del contenitore va messo uno strato di biglie d’argilla espansa per favorire il drenaggio ed evitare ristagni idrici a livello radicale, coperto da nuovo terriccio per piante fiorite.

Moltiplicazione dell’Impatiens Nuova Guinea

Nuove piante di Impatiens Nuova Guinea si possono riprodurre per seme e per talea.

Semina

La semina si può effettuare in due periodi dell’anno: in primavera verso la metà di maggio o in autunno.

Come seminare

All’inizio della primavera o in autunno si mescolano i piccolissimi semi dell’Impatiens Nuova Guinea a un po’ di sabbia e poi si distribuiscono in un semenzaio contenente un substrato specifico. Si nebulizza il terriccio, poi si copre il semenzaio con un foglio di plastica trasparente e lo si colloca in un luogo ombreggiato e a temperatura costante di 20° C. Quando dal terreno spuntano i primi virgulti si elimina il foglio di plastica e gradualmente si sposta il semenzaio alla luce fino a che le piante avranno emesso almeno  foglie e sono abbastanza grandi da poter essere messe a dimora. t

Moltiplicazione per talea

In primavera o in autunno si prelevano le talee lunghe circa 10-15 cm dai rami laterali tagliandole sotto il nodo. Si eliminano le foglie in basso e si interrano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali.  Si mette il contenitore con le talee in una zona semiombreggiata fino alla comparsa delle radici che generalmente si formano dopo 1 -2 settimane. Le talee che hanno radicato vanno poi trasferite in singoli vasi dal diametro di 10 cm, riempiti con un terriccio di ottima qualità.

Per velocizzare la comparsa delle radici, le talee di Nuova Guinea si possono mettere a radicare prima nell’acqua e  poi trasferite in singoli vasi contenenti una composta formata di torba e sabbia fino alla comparsa dei primi germogli.

Impianto o messa a dimora

La messa a dimora va fatta in primavera, in marzo o aprile, o quando il rischio delle gelate notturne  è del tutto scongiurato. Le buche destinate ad accogliere le piantine devono essere leggermente più grandi del pan di terra e ben drenate sul fondo con palline di argilla espansa o vermiculite.

Abbinamenti

Le piante di Impatiens Nuova Guinea possono essere abbinate in vasi e nelle aiuole del giardino con altre piante estive come le altre specie di Impatiens oppure con Coleus, Tagete, Vinca, Torenia, ecc.

Potatura

L’Impatiens non va potata ma solo pulita delle parti secche o cresciute in modo disordinato al fine di mantenere la chioma sempre bella e compatta.

oidio-mal bianco

Parassiti e malattie della Nuova Guinea

E’ una pianta molto sensibile alle malattie fungine e agli attacchi dei più comuni parassiti animali.

Tra le malattie fungine teme:

  • il marciume  delle radici che in breve tempo si estende al colletto provocando un rammollimento brunastro di tutti i fusti e la morte della pianta stessa;
  • l’oidio, un fungo che rallenta la fotosintesi formando depositi di una polvere biancastra sulle foglie;
  • la muffa grigia, una patologia fungina che causa il marciume bruno su foglie e steli quando l’ambiente è troppo umido e afoso;

Tra i parassiti animali come le altre specie di Impatiens soffre:

  • gli afidi, minuscoli insetti verdi o neri che succhiano la linfa dalle foglie soprattutto se ancora piccole e tenere;
  • il ragnetto rosso che provoca il disseccamento delle foglie formando una vistosa puntinatura rossa sulle lamine fogliari.

Cure e trattamenti

La pianta di Impatiens della Nuova Guinea richiede cure continue:  va rinvasata spesso in quanto se troppo costretta si indebolisce e fiorisce poco; necessita di frequenti concimazioni; va spostata in una zona più luminosa  se le foglie si decolorano.
Le malattie fungine e gli attacchi dei parassiti vanno contrastati nebulizzando su tutta la pianta una soluzione formata da insetticidi e anticrittogamici specifici.
Il ragnetto rosso va contrastato anche assicurando alla pianta un ambiente più umido.

impatiens

Usi

L’impatiens Nuova Guinea viene coltivata come ornamentale  adatta a realizzare aiuole o bordure fiorite nei giardini , o in vaso ad abbellire balconi con i colori e le tante sfumature dei suoi bellissimi fiori.

Linguaggio dei fiori

L’ Impatiens Nuova Guinea come le altre specie simboleggia l’intelligenza, l’autosufficienza e l’efficienza nella vita e nel lavoro.

Curiosità

Il nome botanico Impatiens deriva dal latino ed è riferito all’”impazienza” dei semi che appena raggiungono la maturazione schizzano fuori dai fiori come piccoli proiettili in cerca di terreno per germogliare. L’epiteto specifico invece indica il luogo di origine.

Galleria foto Impatiens