Duranta coltivazione


Duranta-repens

La Duranta repens è una pianta ornamentale che produce stupendi grappoli di fiori il cui colore varia dal blu elettrico al viola intenso. La pianta facile da coltivare in vaso e in piena terra è ideale ricoprire le mura del giardino per il suo design allegro e colorato.

Duranta


Caratteristiche della Duranta

La Duranta, pianta sempreverde proveniente dall’America centrale, appartiene alla famiglia delle Verbenaceae come la comune Verbena e la Verbena officinalis.

Alta mediamente più di un metro questa pianta a portamento rampicante o ricadente, presenta lunghi steli steli cilindrici che da semilegnosi alla base diventano via via erbacei alle estremità e dal grigio chiaro assumono un colore verde pallido.

Gli steli sono ricoperti da numerose foglie perenni di colore verde chiaro che tendono a cadere solo nelle regioni caratterizzate da un clima freddo.

duranta-repens

Le foglie, disposte in maniera opposta sui rami, sono ellittiche-lanceolate con margini dentellati.

I fiori, riuniti in vistosi e decorativi racemi penduli, sono gradevolmente profumati. La corolla  è formata da 5 petali  di colore blu o viola chiaro con margini bianchi leggermente orlati.

I frutti che generalmente compaiono in autunno subito dopo la fioritura sono bacche di colore giallo-oro riunite in pannocchie penduli molto decorative.

Duranta-fioritura

Fioritura

La Duranta produce fiori in abbondanza dalla primavera inoltrata fino al tardo autunno.

Per fare in modo che la fioritura della Duranta sia abbondante e ricca di fiori bisogna assicurare a questa pianta un minimo di ore di luce diretta, possibilmente non nelle ore più calde della giornata. La posizione ideale per questa pianta è quindi una zona del giardino che riceve sole diretto solo per qualche ora al giorno, magari al mattino o alla sera. Se la luce è troppo poca o eccessiva la fioritura sarà scarsa o assente.

Le consigliamo per quanto riguarda la sua Duranta di provare a coltivare la pianta in un’altra posizione che abbia le caratteristiche climatiche ottimali per questa specie descritte sopra.

Duranta-foto

Coltivazione Duranta

Esposizione

La duranta è una pianta che predilige i luoghi soleggiati o al massimo semiombreggiati nelle regioni a clima molto caldo. Per ottenere una fioritura ricca ed abbondante la pianta deve godere di sole diretto per almeno 4 – 5 ore di sole diretto. In ombra totale la duranta produrrà solo foglie a discapito della fioritura. Teme il caldo intenso e le temperature minime invernali troppo rigide. Nelle regioni con inverni molto rigidi è consigliabile allevare la pianta direttamente in vaso in modo da poterla trasferire in un luogo riparato prima che le gelate notturne possano arrecare seri danni all’apparato radicale e alle foglie.

Terreno

E’ una pianta che pur adattandosi al comune terreno da giardino, cresce forte e vigorosa in quello soffice, ricco di sostanza organica e ben drenato. Nei terreni compatti o argillosi la pianta soffoca.

Annaffiature

La duranta è una pianta che necessita di regolari e costanti irrigazioni dalla primavera all’autunno, e con maggiore frequenza in estate per sostenere la fioritura. Le annaffiature vanno praticate quando il terreno è completamente asciutto. Nei mesi invernali, le annaffiature vanno evitate soprattutto se la pianta è coltivata direttamente a dimora.

Concime

Concimazione

Per assicurare i nutrienti indispensabili alla ripresa vegetativa della pianta e alla successiva produzione dei fiori, somministrare una volta al mese, del concime liquido specifico per piante da fiori opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature. In alternativa fornire ogni 2 mesi del concime granulare a lento rilascio ben bilanciato di macroelementi e arricchito anche da microelementi.

Duranta-moltiplicazione

Moltiplicazione della Duranta

La Duranta si moltiplica per seme e per talea.

Moltiplicazione per seme

La semina si effettua in primavera utilizzando terriccio specifico, soffice e ricco di nutrienti. quando le piantine saranno abbastanza robuste da poter essere maneggiate potranno essere impiantate in piena terra o in vasi singoli e coltivate come le piante adulte.

Propagazione per talea

Nel caso in cui si vogliono ottenere piante di duranta identiche a quella originale si può far ricorso alla propagazione agamica o asessuata per talea. Le talee vanno prelevate prelevate nel mese di marzo utilizzando delle cesoie ben affilate e disinfettate alla fiamma o con la candeggina. Dopo aver eliminato le foglie dalla parte dell’estremità recise, le talee si mettono radicare in un miscuglio di sabbia e torba mantenuto costantemente umido fino a quando non compaiono le nuove foglioline.

Le nuove piante vanno lasciate attecchire ben bene e successivamente allevate singolarmente in contenitori più grandi fino al momento della messa a dimora definitiva.

Trapianto o messa a dimora

L’impianto in piena terra delle piante di Duranta va fatto  quando il periodo delle gelate tardive e notturne è del tutto scongiurato. possono essere messe a dimora in piena terra.

Duranta-potatura

Abbinamenti

La duranta si abbina perfettamente con altre piante arbustive come ad esempio Plumbago o gelsomino celeste, Buddleja o albero delle farfalle.

Potatura della Duranta

La pianta di Duranta va potata nel tardo inverno, durante il riposo vegetativo, oppure tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Si recidono i rami incrociati, deboli o disordinati per conferire un’armonia di forma alla chioma e per favorire l’arieggiamento delle parti più interne mentre per stimolare l’emissione di nuovi getti si consiglia di recidere gli steli di circa 1/3 della loro lunghezza.

Duranta

Rinvaso della Duranta

Le piante coltivate in vaso vanno rinvasate quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua di scolo, mediamente ogni 3 anni. Il terriccio va rinnovato del tutto e deve essere ben drenante e composto da una parte di terriccio universale e una di terra mista a foglie.

Duranta-malattie

Parassiti e malattie della Duranta

La Duranta è sensibile agli attacchi degli acari o afidi e delle cocciniglie che si annidano sotto le  foglie, lungo gli steli e, nel tempo a causa della fuoriuscita della melata, diventano appiccicose. Tra le malattie fungine o crittogame è sensibile al marciume delle radici causato dai ristagni idrici nel terreno o nel sottovaso nel caso in cui la pianta viene coltivata in vaso o fioriera. Se il clima è troppo umido o piovoso, la duranta viene attaccata anche dall’oidio o mal bianco.

Pacciamatura-foto

Cure e trattamenti

La Duranta è una pianta sensibile al caldo e al freddo e pertanto va protetta sia in estate sia in inverno con una leggera pacciamatura di foglie secche. Nelle regioni settentrionali la pianta va protetta dal freddo coprendola con un telo di agritessuto oppure riparata in serra fredda  se coltivata in vaso. I rami più lunghi necessitano di un sostegno.

I parassiti possono essere prevenuti o debellati con trattamenti specifici ad ampio spettro o facendo ricorso ad antiparassitari biologici che rispettano l’ambiente e gli insetti utili come l’antiparassitario all’ortica, al piretro o quello all’aglio pratici, economici e facili da preparare al bisogno. Per prevenire invece il marciume delle radici sarà sufficiente assicurare un terreno drenante ed evitare la formazione dei ristagni idrici nel sottovaso.

Duranta erecta

Varietà e specie di Duranta

Duranta erecta

E’ una specie arbustiva a sviluppo vigoroso  con rami eretti color verde chiaro ricoperti da foglie lobate di colore verde verde brillante. Dall’estate all’autunno inoltrato produce grappoli pendenti e vistosi composti da numerosi fiorellini azzurri o bianchi. Può essere coltivata anche nelle regioni in cui la temperatura invernale si aggira intorno ai -5°C.

Usi della Duranta

E’ una pianta ornamentale che viene coltivata come elemento singolo o in gruppi nei giardini privati, nei parchi pubblici, su spalliere e in vasi singoli.

La duranta è velenosa?

Le bacche sono velenose per l’uomo, ma sono commestibili per gli uccelli.

Duranta repens_usi

Curiosità

La Duranta repens conosciuta anche come Duranta ellisia, fu classificata per la prima volta da Carlo Linneo e porta il nome in onore di Castore Durante, un grande botanico del ‘500.

Galleria foto Duranta

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta