Cedrina coltivazione


Cedrina

La cedrina o limoncina, Lippia citriodora, Aloysia citrodora, originaria del Sud America è una pianta arbustiva coltivata in vaso e in giardino per il delizioso profumo di agrumi emanato dalle sue foglie.


Caratteristiche generali della cedrina

La cedrina chiamata anche limoncina, e comunemente erba Luisa o erba Luigia, da non confondersi con l’ erba cedrina comunemente chiamata erba cedronella o citronella o melissa, è una pianta perenne fittamente ramificata con steli legnosi, foglie lanceolate, ruvide al tatto di colore verde chiaro e intensamente profumate.

I fiori, riuniti in spighe ascellari, sono  piccoli e di colore bianco – viola.

Fioritura

La cedrina fiorisce da Giugno ad Agosto inoltrato.

Cedrina-foglie

Coltivazione della Cedrina o limoncina

Esposizione

L’erba cedrina cresce bene in vaso e in piena terra nei climi temperati e  in luoghi soleggiati. Terreno: ama i terreni umidi e ben drenati.

Annaffiature

Necessita di annaffiature abbondanti durante i periodi di prolungata siccità.

Concimazione

Fornire periodicamente, ogni 3 – 4 mesi, del concime granulare a lenta cessione specifico per piante verdi.

Cedrina-coltivazione

Moltiplicazione della cedrina

La cedrina o limoncina si riproduce per seme, per talea e per margotta.

La semina si effettua  in primavera in luoghi riparati dal freddo.

La germinazione avviene tre settimane dopo.

Una volta che le piantine si sono formate vanno trapiantate in vasetti e, solo dopo due anni, saranno pronte per la messa a dimora in piena terra.

La talea di germogli apicali va effettuata in primavera, a maggio, oppure in estate.

Le talee vanno messe a  radicare in ambienti ombreggiati in un substrato di sabbia e torba; trascorso un anno le piantine sono pronte ad essere allevate in vaso o in piena terra.

La margotta, tecnica poco usata, invece si pratica in primavera.

Rinvaso-piante

Rinvaso della cedrina

Il rinvaso va fatto quando le radici fuoriescono dal foro di drenaggio dell’acqua.

Potatura della cedrina

Potare i rami secchi e danneggiati in primavera e cimare i capolini fioriti ed essiccati  dopo la fioritura.

20140505_175552

Raccolta della cedrina

La raccolta dei fiori e delle foglie va fatta in estate: dopo l’essicamento in luoghi ventilati e asciutti, vanno conservati in barattoli a chiusura ermetica o in sacchetti di tela.

Malattie, Parassiti e cure

La cedrina non soffre particola particolari malattie fungine. Tra i parassiti animali anche se raramente e quando il clima è particolarmente umido, teme l’attacco di afidi e cocciniglie.

Le cure periodiche prevedono l’eliminazione degli steli secchi e danneggiati.

Usi e proprietà

In cucina le foglie vengono impiegate per aromatizzare l’aceto, l’olio, macedonie, liquori e marmellate.

In fitoterapia si sfruttano le benefiche proprietà della cedrina, preparando ottimi infusi.

Curiosità sulla cedrina

Deve il suo nome, Lippia citriodora alla dedica che Linneo fece nel 1700 all’esploratore Augusto Lippi.

Il profumo emanato dalle foglie può durare anni, fattore che la rende indicata come elemento per i pot-pourri.

Galleria foto della cedrina

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

  • francobollo - - Rispondi

    Vorrei sapere se la cedrina teme il gelo

    • LauraB - - Rispondi

      La Cedrina chiamata anche limoncina per il caratteristico èprofumo emanato dalle sue foglie non tollera le basse temperature e per questo motivo nelle zone dove le temperature invernali scendono al di sotto degli 0°C, va coltivata in vasi post in zone soleggiate e riparate dai venti freddi.

  • geraldine - - Rispondi

    Ciao,ho una pianta di cedrina in casa dal mese di giugno, fino a pochi giorni fa era rimasta fuori sul balcone, il motivo per cui l’ho rientrata è perché non nascevano più foglie! Ora però sono cadute tutte e così è rimasto solo un piccolo arbusto con i suoi rami tutti sfogliati!Rimarrà così per sempre o potrà rinascere in primavera?

    • LauraB - - Rispondi

      La cedrina o limoncina è una pianta perenne con foglie decidue in questo periodo come tutte le piante spoglianti va in riposo vegetativo per poi risvegliarsi in primavera.I rami spogli vanno accorciati con cesoie ben affilate e durante l’inverno è meglio ripararla in un luogo protetto mantenendo il terreno leggermente umido. In primavera ricompariranno le nuove foglie.

  • Raffaele - - Rispondi

    Siamo situati sull’Appennino, a 800 metri di altitudine. Abbiamo una pianta in giardino da oltre un anno e, ben coperta, ha già passato un inverno. Ora ho notato una fioritura tardiva. Mi domando: possiamo in questa stagione raccogliere foglie e fiori? E, se si, che uso farne?

    • LauraB - - Rispondi

      La Lippia Citriodora, chiamata volgarmente Cedrina,possiede numerose proprietà: viene usata per la preparazione di un ottime liquorehttp://www.casaegiardino.it/cucina/ricette/liquori-e-cocktails/liquore-di-cedrina.php;
      per bagni gradevolmente profumati, per la pulizia dei denti e delle gengive per deodorare l’alito.

      L’infuso di foglie di erba cedrina è ottimo come tonico naturale per la pelle del viso, per lenire il gonfiore delle palpebre e il mal di denti.
      L’erba cedrina si può utilizzare anche come scrub viso, per brufoli e imperfezioni.

      Con i fiori si preparano infusi digestivi.

  • Maria Rosa - - Rispondi

    Oggi mi è arrivata una piccolissima piantina di Cedrina (appena 20 cm con tutto il vasetto 10 cm, e per riparala dal freddo e dalla neve, per il momento l’ho messa in casa in un punto che riceve abbastanza luce e calore giusto,spero di aver fatto bene.

  • marco - - Rispondi

    Comprata una piantina da supermercato e subito rinvasata in vaso maggiore. nei giorni successivi l’ho innaffiata tutti i giorni perchè era al sole e per 4 gg erano presenti anche 40 gradi. Passato il caldo ( e diminuite le innaffiature) , dopo una settimana ha iniziato a perdere moltissime foglie al giorno, che prima sembrano “bruciarsi ” e divenire marrone e poi cadono. sospetto una malattia da fungo , ( stessi sintomi ) anche perchè persino gli steli sono diventati maculati. Ho provato a innaffiare meno, a non lasciarla al sole, a entrarla a casa, ma perde sempre foglie, sembra condannata. cosa devo fare?

Lascia una risposta