Pitosforo – Pittosporum tobira

Laura Bennet
  • Dott. in scienze biologiche

Pitosforo-Pittosforo

Il pitosforo o pittosporo è una pianta arbustiva ornamentale ideale per  realizzare recinzioni e siepi profumate, perfetta in vaso per abbellire i terrazzi e i balconi.

pitosforo-coltivazione

Caratteristiche generali dei Pitosforo

Il pitosforo, nome scientifico Pittosporum tobira è un arbusto sempreverde della famiglia delle Pittosporaceae, originario dell’estremo oriente, diffuso allo stato spontaneo in Africa, Asia, Australia e anche alle nostre latitudini come pianta ornamentale.

Il pittosforo è una pianta arbustiva sempreverde che può essere facilmente allevato ad alberello.

L’arbusto, variamente ramificato fin dalla base,  ha rami contorti con corteccia liscia di colore marrone chiaro tendente al grigiastro.

pitosforo-foglie

Le foglie sono oblunghe, opposite e coriacee. La lamina superiore è lucida, verde brillante con una evidente nervatura centrale di colore giallastro quella inferiore  invece è più chiara ed è opaca.

I fiori, riuniti in dense ombrelle terminali molto persistenti La corolla dei fiori è composta da cinque petali lobati di colore bianco-crema che con il loro delicatissimo e gradevole profumo attraggono le api ed altri insetti pronubi.

pitosforo-fiore

I frutti sono delle capsule legnose sferiche che racchiudono nel loro interno piccoli semi con rivestimento resinoso.

pitosforo-fioritura

Fioritura

Il pitosforo fiorisce nel periodo marzo-luglio.

pitosforo-albero

Coltivazione del pitosforo – Pittosporum

pitosforo

Esposizione

Il pittosporo cresce bene anche all’ombra parziale ma per produrre fiori in abbondanza va posto in un luogo soleggiato per molte ore del giorno. Tollera bene anche l’aria salmastra propria delle zone costiere. Teme il gelo e gli inverni molto rigidi.

Terreno

Anche se si sviluppa bene in qualunque tipologia di terreno predilige un miscuglio composto da terra da giardino, sabbia, torba, e ben drenato.

Annaffiature

Il pitosforo è  un arbusto poco esigente di acqua infatti resiste senza problemi anche periodi di prolungata siccità. Tuttavia per favorire un’abbondante e prolungata fioritura  è consigliabile annaffiarlo con regolarità durante il periodo dello sviluppo vegetativo, soprattutto se giovane e messo a dimora da poco tempo.

concime

Concimazione

Non necessita di concimazioni particolari ma nel periodo primaverile è consigliabile somministrare del concime granulare a lento rilascio.

pitosforo-moltiplicazione

Moltiplicazione del pitosforo

Il pitosforo si riproduce per seme e per talea semi-legnosa.

Semina

La semina in cassone freddo deve essere fatta nel mese di marzo.

Talea

Le talee prelevate dalla pianta madre si fanno radicare in un mix di torba e sabbia fino a quando compariranno nuovi germogli.

Impianto del pitosforo

Le piante di pitosforo vanno messe a dimora in piena terra tra aprile-maggio scavando buche dalle dimensioni doppie del vaso. Le piante vanno interrate con tutto il pane di terra che avvolge l’apparato radicale. Dopo l’impianto vanno annaffiate abbondantemente e in seguito con moderazione evitando di inzuppare il terreno.

Abbinamenti

Il Pitosforo è un arbusto che può essere accostato alla Fatsia, al Rosmarino, Lentisco, Agapanto ed anche alle varie specie di Salvia e Lavanda.

pitosforo-potatura

Potatura del pitosforo

La potatura si effettua annualmente da aprile a giugno. Si potano i rami secchi e danneggiati. Si pareggiano quelli troppo lunghi per dare una forma armoniosa e compatta alla pianta.

Il pitosforo governato con opportune potature può assumere anche la forma di alberello globoso.

Pitosforo in vaso

Pitosforo: coltivazione in vaso

Le piante di Pittosforo si coltivano facilmente anche in vaso purchè di dimensioni adeguate allo sviluppo delle radici e della chioma. Il terreno deve essere sciolto, specifico per piante da fiore e ben drenato. Le  piante allevate in vaso, vanno annaffiate indipendentemente dal periodo dell’anno,  attendendo che che il terreno sia asciutto tra un’annaffiatura e l’altra.

rinvaso

Rinvaso del Pitosforo

  1. Le piante di Pitosforo allevate in vaso vanno rinvasate in un contenitore più grande quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua delle annaffiature.
  2. La pianta va estratta con il suo pane di terra e rinvasata utilizzando nuovo terriccio.

Pitosforo-afidi

Parassiti e malattie del pitosforo

Il pitosforo è una pianta che teme gli attacchi degli afidi neri minuscoli parassiti animali che formano fitte colonie sotto le foglie e anche sui fiori ancora in boccio. Le  foglie sono anche soggette all’attacco delle cocciniglie che generalmente formano densi ammassi polverosi biancastri  tra le inserzioni fogliari. Tra le malattie fungine è sensibile alla fumaggine e se il terreno è poco permeabile all’acqua soffre il marciume delle radici.

 

Cure e trattamenti

I trattamenti antiparassitari  o antifungini vanno fatti a scopo preventivo irrorando la chioma nelle ore più fresche della giornata. Per non ammazzare anche gli insetti utili si consiglia di utilizzare  prodotti biologici come:

Pittosporum

Varietà di Pitosforo

Pittosporum tenuifolium

Il pitosforo tenuifolium, conosciuto anche con il nome tawhiwhi, è un arbusto sempreverde a crescita lenta originario della Nuova Zelanda. Ha fusti quasi neri, con foglie ovate di colore verde chiaro brillante. Nel mese di agosto produce  grappoli di fiori campanulati di colore porpora scuro, con un delicato profumo di vaniglia. Questa specie preferisce l’esposizione a mezzombra, soffre la siccità, il caldo molto intenso il gelo e le temperature invernali molto basse. E’ una pianta ideale per la coltivazione in vaso.

Pittosporum heterophyllum

Questo pitosforo, originario della Cina, è un arbusto sempreverde a portamento compatto, alto e largo circa 2 metri.  Ha fusti con piccole foglie verdi obovate e lucide. In primavera produce densi grappoli di fiori di colore giallo-crema. gradevolmente profumati. Ama l’esposizione al pieno sole: cresce bene in qualunque tipo di terreno, purchè con buon drenaggio e, tra i Pittosporum, è quello che resiste meglio al freddo e al gelo. E’ adatto alla coltivazione sia in piena terra che in vaso ed è perfetto per siepi, ma anche per macchie isolate, profumatissime e decorative.

Pittosporum tobira Nanum

Pittosporum tobira Nanum

Il pitosforo nano è un arbusto sempreverde originario della Cina, Taiwan e Giappone. E’ una specie a crescita lenta alta 70-90 cm, con chioma tondeggiante larga circa 1 metro. Ha foglie ovali oblunghe e lucide di colore verde scuro. In primavera produce mazzetti di fiori bianchi e profumati. Il Pitosforo nano cresce bene al pieno sole e a mezz’ombra in climi temperati. Resiste alla siccità, al freddo fino ai -10°/-5° C; tollera bene la salsedine e lo smog. Viene utilizzato per realizzare bordure e siepi basse. Viene coltivato anche in vaso come pianta ornamentale da balcone o terrazzo. Gli ibridi di questa specie hanno le foglie con variegature di colore grigio-verde e con bordi bianco-gialli.

Pittosporum crassifolium

Il Pittosporum crassifolium è una specie  di grandi dimensioni originaria della Nuova Zelanda. Cresce fino a circa 5 metri di altezza e ha foglie coriacee grigio-verde scuro. In primavera  produce grappoli di piccoli fiori rosso-viola  a cui fanno seguito baccelli con semi appiccicosi.

Pittosporum undulatum

Il Pittosporum undulatum noto anche come pitosforo dolce, è  un albero a crescita rapida che può raggiungere anche i 50 metri di altezza. Produce foglie sempreverdi lanceolate, con margini ondulati. In primavera si copre di mazzetti di fiori bianchi e profumati e in estate porta numerosi  frutti legnosi arancioni  che persistono per diversi mesi dopo la fioritura.

Usi

Il pitosforo è una pianta apprezzata in giardinaggio per la creazione di siepi, barriere di recinzione. E’  perfetta l’arredo urbano grazie alla sua resistenza all’inquinamento, allo smog, alla siccità e al freddo.

Tossicità del Pitosforo

Il pitosforo non è velenoso ma per ingestione provoca disturbi gastrointestinali nell’uomo e anche nei cani e nei gatti.

Curiosità

Il nome Pittosporum deriva dall’unione di due parole  greche: pitta (pesce), sporos (seme) e fa riferimento al rivestimento vischioso che ricopre i semi.

Galleria foto del pitosforo