Antiafidi consiglio: sapone di Marsiglia

Revisore:
Laura Bennet
  • Docente sc. biologiche
Autore:

Non solo sapone di Marsiglia, ma anche cannella, pomodoro e molto altro: ecco i metodi naturali più efficaci per combattere gli afidi.

aphids-789242_960_720 (1)
afidi neri

Gli afidi sono tra i nemici numero uno di piante e fiori perché in poso tempo sono in grado di rovinare per sempre steli, foglie e petali portando a una sofferenza diffusa la pianta, che spesso rischia di morire. Fino a pochi anni fa per combattere questi parassiti erano disponibili perlopiù soluzioni chimiche che oltre a non risolvere sempre il problema inquinavano non poco l’ambiente.

Oggi esistono diverse opzioni biologiche e naturali per fronteggiare tali emergenze fitopatologiche: dal sapone di Marsiglia alla cannella, passando per agrumi e pomodori, sono molti i metodi efficaci e a impatto zero che possono farci ben sperare. Ecco un elenco dei più funzionali, pratici ed economici antiafidi naturali in gradi di ripristinare la salute delle nostre piante e dei nostri fiori in men che non si dica.

lice-1271992_960_720
afidi su foglia

1. Antiafidi consiglio: sapone di Marsiglia

Tra i sistemi antiafidi naturali più longevi e apprezzati vi è senza ombra di dubbio il sapone di Marsiglia: questa soluzione si rivela sempre efficacissima e performante contro l’attacco parassitario più diffuso tra le piante ornamentali e da appartamento.

Negli ultimi tempi si è affermato in particolar modo lo spray al sapone di Marsiglia: facilissimo da preparare, basterà sciogliere in 500 ml di acqua calda un cucchiaio di sapone liquido o qualche scaglia da una saponetta e miscelare. Calare tuto in un nebulizzatore e irrorare le foglie per bene. Da applicare su zone mirate e a temperatura tiepida della soluzione, meglio ancora fredda per non creare ustioni.

toilet-1132083_960_720
sapone di Marsiglia

2. Antiafidi consiglio: macerato di pomodoro

Una recente novità in tema di antiafidi naturali è rappresentato dal macerato di pomodoro. Paerticolarmente usato nella agricoltura biodinamica e nella cura degli orti urbani, per prepararlo occorre macerare le femminelle e gli scarti delle potature della pianta di pomodoro.

Una volta trascorso il tempo necessario travasare il tutto in uno spruzzino capiente e irrorare le foglie con precisione: il risultato non è immediato ma dopo un paio di trattamenti si vedranno già i primi miracoli. Costo zero e emissioni chimiche, ovviamente, sempre zero.

tomatoes-5356_960_720
pomodori

3. Antiafidi consiglio: olio di Neim

Acquistabile in erboristeria a costi bassi, l’olio di Neim rappresenta uno degli aficidi naturali e biologici più efficaci. Il suo odore acre e intenso risulta poco apprezzato da insetti e patogeni: un naturale disabituante di larve, moschine e afidi neri e bianchi.

Diluite 4 gocce di olio di Neim in 1 litro di acqua e agitate, quindi nebulizzate sul terreno del vaso o su foglie e ripetete dopo 20 gg. Ideale fare il trattamento nelle ore serali a ridosso del tramonto per aumentare l’effetto benefico.

Olio-di-Neem-per-gli-afidi-e-la-cocciniglia-pronto-alluso-1024×1024
preparato Olio di Neim

4. Antiafidi consiglio: aglio e cipolla

Anche preparare decotti con aglio o cipolla può risultare estremamente efficace nella lotta naturale agli afidi delle piante ornamentali. Potete sia porre spicchi di aglio attorno al colletto delle piante, sul terreno, oppure cuocerlo in preparazioni fluide e liquide.

Stessa cosa per la cipolla, anche se essa pare più efficace proprio nella versione decotto: le bucce di cipolla sono adattissime per esser bollite e macerate fino a creare una poltiglia. Unitele a 500 ml di acqua e cuocete per 12 minuti circa, quindi filtrate il tutto.

Otterrete un anti afidi naturale, costo zero e figlio del miglior riciclo botanico: la natura mette le soluzioni a tutto, basta saperle usare. Efficace anche su rose e piante da frutto.

garlic-84691_960_720
aglio per lotta afidi

5. Antiafidi consiglio: cannella

Uno dei più apprezzati metodi naturali per combattere gli afidi di orto e giardino è la cannella o, meglio, il suo olio. Iniziate a lavare le piante con uno spruzzino a base di acqua naturale, eliminando afidi e sporco in eccesso. Ora, preparate la soluzione disinfettante.

Acquistate in erboristeria una boccetta di olio di cannella di Ceylon e riempite un flacone spray con 4 litri di acqua del rubinetto oppure distillata alla quale aggiungerete qualche cucchiaino di olio di cannella. Occhio alla pelle perché esso risulta particolarmente urticante, come il peperoncino.

Fate attenzione alle dosi pe evitare bruciature di foglie o altro: massimo 1% di olio nella soluzione, resto acqua. Irrorate con attenzione e omogeneità le parti malate, in modo da contenere la malattia. Estendete la nebulizzazione se volete anche alle foglie vicine a quelle infestate, in via preventiva.

cinnamon-2215252_960_720
cannella di Ceylon

5. Antiafidi consiglio: peperoncino spray

Eccolo qui, il re della disinfestazione naturale: sua maestà il peperoncino. Ideale se preparato e nebulizzato, vero toccasana per piante infette e essenze attaccate da afidi e parassiti di ogni sorta. Prepararlo è facile ed economico e il risultato non vi deluderà: attenti solo a occhi e mani perché pizzica come pochi!

Frullate per 2 minuti una decina massimo di peperoncini ai quali aggiungete 2 bicchieri di acqua, quindi lasciate riposare per una notte il composto. Il giorno dopo filtrate, diluite con ancora un poco di acqua e mettete in uno spruzzino nebulizzatore. A questo punto irrorate le piante malate nelle ore serali, ripetendo il trattamento sanificante 2 o 3 volte a settimana fino a scomparsa dei sintomi.

chili-pepper-1783761_960_720
peperoncini

Antiafidi consiglio: immagini e foto

Ecco una galleria di antiafidi naturali.