Semina annuali a fioritura estiva


Quali piante da fiore si seminano in gennaio, febbraio e marzo per avere piante fiorite e fiori in estate? Quando ed in che modo bisogna seminare le piante a fioritura estiva? Tipi di semina e come seminare in piena terra e in semenzaio protetto nei mesi invernali.

semina-vivaio

Siamo nei mesi freddi di gennaio e febbraio, mesi ideali per la semina delle piante fiorifere che abbelliranno fioriere, vasi e giardini nelle bella stagione.

Ecco quali sono le piante da seminare in questi mesi sia in serre che semenzai soleggiati e riparati dal freddo e vediamo come effettuare la semina.

semina-piante-estive


Semina delle piante a fioritura estiva

Nelle zone con clima mite è il momento giusto per effettuare la semina di numerose piante ornamentali quali:

tagete

  • tagete, che con la loro stupenda fioritura regalano macchie di vivaci colori ad aiuole e fioriere e nello stesso tempo effondono gradevoli e acri profumazioni.

verbena

  • verbena, pianta adatta per fioriere che si ricopre di infiorescenze dall’estate fino all’autunno.

zinnia-viola

  • zinnia, pianta a portamento cespuglioso con bellissimi e grandi fiori simili a margherite.

celosia

  • celosia una piantina che produce fiori spettacolari nelle diverse tonalità di colore.

Semina-cassette

Come seminare in piena terra

  1. Procurarsi delle cassette adatte alla semina; riempirle con terriccio da semina universale misto a sabbia nelle proporzioni di 3:1.
  2. Con un dito tracciare dei solchi paralleli piccoli e superficiali distanti tra loro circa  8 – 10 cm tra le file.
  3. Sistemare i semi a distanza di 5 cm sulle file. Ricoprire  i semi con un leggero e soffice strato di terriccio e annaffiare con un nebulizzatore.
  4. Dopo la semina collocare i semenzai in serre fredde, proteggerli con lastre di vetro o con teli in polietilene trasparente fino alla germinazione dei semi.

seminare-fiori-piante

Come seminare in semenzaio

semina-semenzaio

  1. La semina in semenzaio protetto si effettua a partire dal mese di febbraio utilizzando del terriccio universale ricco e fertile che va livellato in appositi contenitori forati o cassette di semina.
  2. In ciascun foro vanno messi 2- 3 semi ricoperti da un sottile strato di terriccio sempre umido e fertile.
  3. Le cassette di semina vanno poi messi in un luogo a temperatura costante di 18° C, temperatura ideale che favorisce la germinazione dei semi.
  4. Il tempo necessario alla germinazione dei semi varia in relazione al tipo si pianta che si vuole riprodurre e alla conformazione stessa dei semi.
  5. Quando i teneri germogli saranno abbastanza sviluppati è consigliabile liberarli dalle protezioni durante le ore più calde della giornata.
  6. In generale le nuove piante nate da seme vanno protette dal freddo della notte fino a quando non avranno emesso almeno 3 – 5 foglie.
  7. Per finire, quando le piantine saranno alte circa 10 cm e in primavera quando le gelate notturne sono del tutto scongiurate si diradano e si mettono a dimora definitiva.
  8. Nel maneggiarle bisogna fare attenzione a non rompere il pane di terra che avvolge le radici ancora troppo fragili e poco sviluppate.
  9. Dopo la messa a dimora in buche profonde quando le dimensioni del pane di terra (si lascia il colletto libero), si annaffiano abbondantemente e si trattano poi con le stesse cure della piante madri.
  10. Il terreno destinato ad accogliere le piante deve essere ben lavorato, soffice e soprattutto idoneo alla coltura. Ogni pianta necessita di un adeguato substrato con valori di pH ben precisi.
  11. Le ortensie, le calle, la clivia, la vinca per esempio richiedono un terreno specifico per piante acidofile mentre altre piante ornamentali dette calcicole come l’oleandro, necessitano di un substrato con valori di pH superiori a 7.

Pervinca-foto

Leggere anche: Semina guida e tipi

Galleria foto semina delle piante a fioritura estiva

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta