Lamponi coltivazione

Laura Bennet
  • Dott. in scienze biologiche

lamponi

I lamponi sono piante da frutto appartenenti alla famiglia delle Rosaceae coltivate nell’orto, in giardino, nei frutteti e anche in vaso a scopo alimentare.

lampone-pianta

Caratteristiche e generalità Lampone – Rubus idaeus

Il lampone, Rubus idaeus, è una pianta cespugliosa di durata biennale con radice rizomatosa costituita da un insieme di polloni  basali con steli eretti aventi una cuticola ricoperta da piccole spine di colore verde chiaro.

lampone-Rubus

Le foglie sono caduche, costituite da 3-5 foglioline ovali, a margini seghettati, con lamine di colore verde scuro.

lampone-fiore

I fiori sono riuniti in racemi portati sugli apici dei fusti. Hanno la corolla pentamera con 5 petali lobati di colore bianco che contornano in numerosi stami del bottone centrale.

lamponi

I frutti, dal sapore leggermente acidulo, sono costituiti da drupeole che nel loro insieme formano la mora o lampone con forma conica per lo più allungata di colore generalmente rosa-rosso rubino.

lampone-fioritura

Fioritura

La fioritura del Lampone, continua o unica, avviene scalarmente nel periodo che va da metà maggio a metà giugno e varia secondo le cultivar.

Rubus-lampone-coltivazione

Potrebbe interessarti Lampone nero – Rubus occidentalis

Coltivazione dei Lamponi

Esposizione

La pianta di lampone anche se tollera la mezz’ombra  predilige le posizioni soleggiate ma riparate dai venti forti.

Terreno

Il Lampone cresce senza problemi in qualunque tipo terreno acido ricco di elementi nutritivi,  fertile e ben drenato. Nei terreni argillosi e compatti, troppo calcarei, che non drenano bene, la pianta muore per asfissia radicale.

Annaffiature

Il lampone è una pianta che necessita di irrigazioni regolari nei periodi siccitosi, subito dopo la messa a dimora della piantine, prima della fioritura e soprattutto durante il periodo di ingrossamento dei frutti, in estate. Dopo la raccolta, specie in autunno, le irrigazioni andranno via via ridotte. La frequenza degli apporti idrici varia in relazione alle condizioni metereologiche e al clima regionale.

Letame

Concimazione

Il terreno di coltivazione va arricchito di nutrienti somministrando compost o del letame in autunno e successivamente concimi minerali organici come: solfato ammonio, nitrato di calcio o
nitrato di urea.

Lampone: coltivazione in vaso

Per coltivare il lampone in vaso bisogna procurarsi un contenitore molto capiente, largo e soprattutto profondo per consentire alle radici di estendersi senza problem. Sul fondo del vaso va posto uno spesso strato di materiale drenante per facilitare lo sgrondo dell’acqua delle annaffiature e poi un terreno acido, con pH compreso fra 6.0 e 6.2, mescolato a del compost, letame maturo. Se si utilizza un vaso dalla capacità di 10 litri si ricorda che si possono piantare 2 piante di lampone a distanza di 3o-40 cm l’una dall’altra. Una volta messa a dimora le piantine di lamponi bisognerà annaffiarle regolarmente, ma con moderazione. Dopo 15 giorni dall’impianto le giovani piantine vanno cimate sopra una gemma, a circa 30 cm dal suolo, per favorire l’emissione di nuovi getti che una volta cresciuti dovranno essere forniti di un graticcio di sostegno. In inverno il vaso va spostato in un luogo riparato dal freddo e per un’ulteriore protezione è fondamentale effettuare una pacciamatura di paglia o di foglie secche.

Rinvaso

Il rinvaso delle piante di Lampone va effettuato in primavera ogni qualvolta le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua delle annaffiature, praticamente ogni anno.

Si utilizza un vaso di almeno 10 cm più grande del precedente e per far crescere la pianta rigogliosa e forte si utilizza del terriccio nuovo preferibilmente la terra proveniente dai boschi di latifoglie composto da strati di residui di foglie e rami secchi.

Lampone-impianto

Impianto dei lamponi

I lamponi si impiantano in filari con distanza di circa 2 m sulle file e circa 70 cm tra le file per favorire l’arieggiamento e permettere alle radici di estendersi senza incontrare ostacoli.  Le piante vanno sostenute con tutori o paletti di sostegno. Prima dell’impianto è bene effettuare in autunno concimazioni di fondo con letame maturo oppure terriccio misto a concime minerale complesso. I lamponi coltivati in vaso possono essere messi a dimora tutto l’anno.

Moltiplicazione dei lamponi

La pianta si propaga per seme e per divisione dei cespi.

Semina

La semina dei lamponi può essere fatta alla fine dell’autunno o nella primavera inoltrata direttamente a dimora mettendo a germinare i semi in buche ben drenate distanziate le une dalle altre di circa 40/50 cm, sulle file e circa 1 metro tra le file.

Propagazione per divisione

Generalmente in campo vegetativo si effettua la divisione dei cespi mettendo a radicare i giovani polloni basali separati dalla pianta madre in un terreno ricco di nutrienti mantenuto umido fino all’emissione di nuovi germogli.

Lampone-potatura

Potatura del lampone

A fine inverno vanno potati al suolo i vecchi tralci e in primavera si procede con il diradamento di quelli nuovi lasciandone solo 6-8 per metro lineare per evitare lo sviluppo della muffa grigia (Botritys cinerea) che attacca i frutti quando questi sono bagnati e le temperature sono alte.

In autunno si potano i rami verdi più grandi a circa 1 – 4,5 m dal terreno; si accorciano anche i rami più deboli e si tagliano raso terra i rami marroni che hanno finito di fruttare.

lampone -raccolta

Raccolta dei lamponi

La raccolta dei lamponi è scalare e viene effettuata con cestelli e dura circa 1 mese nel periodo luglio -agosto.

ruggine-parassita

Parassiti e malattie del lampone

I lamponi come tante altre piante da frutto soffrono malattie micotiche come la Ruggine, la Didimella, la Septoriosi e la Muffa grigia.

Tra i parassiti temono gli acari, il Verme del lampone che danneggia i frutti; la Cecidonia dei fusti, la Sesia del lampone.

Pacciamatura-foto

Cure e trattamenti

Le piante di Lamponi necessitano di molte cure di manutenzione durante tutto il periodo di vegetazione. Di seguito riportiamo quelle basilari ma fondamentali.

Vanno ripulite delle erbe infestanti che crescono sulle file e tra le file.

lampone.pianta-sostegni

I tralci delle piante di lamponi vanno fissate a graticci o ad altri  tutori.

I frutti e le foglie non vanno bagnati per evitare che possano essere attaccati da malattie fungine.

Nelle regioni in cui gli inverni sono molto rigidi , le radici vanno protette con uno spesso strato di pacciamatura a livello del suolo.

lamponi-usi

Usi e proprietà dei lamponi

Freschi o surgelati, i lamponi vengono utilizzati per la preparazione di sciroppi per bibite, marmellate, gelatine, dolci, vino, yogurt, cosmetici, essendo un frutto ricco di proprietà benefiche.

calorie-lamponi

Calorie dei lamponi e valori nutrizionali

100 grammi di lamponi freschi apportano solo 30 Calorie, circa 12 g di carboidrati, 0,6 di grassi, 1,2 g di proteine. Guida alle proprietà, controindicazioni e calorie dei lamponi.

Lamponi

Varietà di lamponi

Tra le varietà a fioritura continua ricordiamo: Heritage varietà “classica”, l’Autumn Bliss, la Polka e l’ Himbo Top.

Tra le varietà a fioritura unica troviamo la Willamette e la Meeker.

Per il consumo fresco ricordiamo la Glen Lyon per la sua precocità e rusticità e la Tulameen per l’elevata qualità del frutto.

Curiosità

Il nome scientifico Rubus idaeus, fa riferimento al colore rosso dei suoi frutti e al fatto che la piante crescevano abbondanti e rigogliose sul monte Ida in Grecia.

Galleria foto Lamponi