Russelia coltivazione


Russelia coltivazione

La Russelia è piccolo arbusto sempreverde originario dell’America centrale coltivato a scopo ornamentale sui balconi in ampie fioriere o in panieri sospesi, in piena terra anche nei giardini rocciosi e lungo i muri di recinzione.

Russelia- pianta di petardo


Caratteristiche della Russelia – Pianta di petardo

La RusseliaRusselia equisetiformis, è una  pianta erbacea della famiglia delle Scrophulariaceae, originaria dell’America meridionale diffusa allo stato rustico soprattutto in Messico, Brasile e Columbia. In Europa ed in Italia la Russelia viene coltivata facilmente nelle zone con clima temperato.

Russelia-steli-fiori

La pianta si presenta con la parte aerea sempreverde formata da tantissimi esili fusti filiformi e carnosi di colore verde intenso a portamento cascante e tappezzante che si estendono in larghezza e in altezza per circa 1 metro.

Russelia-pianta

Sugli steli sono sono inserite piccolissime foglie lanceolate di colore verde prato.

Russelia-fiori

I fiori, che sbocciano numerosi dall’inizio della primavera fino al tardo autunno, sono piccoli, di forma tubolare e di colore arancione – rosso.

Fioritura

La Russelia produce fiori in abbondanza dalla primavera fino all’estate. Nelle zone a clima mite la fioritura si prolunga anche fino all’autunno.

Russelia

Coltivazione della Russelia – Pianta di petardo

Esposizione

La Russelia preferisce il clima temperato, i luoghi soleggiati o semiombrosi ma riparati dal vento; non tollera  le temperature al di sotto dei 10°C e pertanto le piante allevate in vaso richiedono ricoveri nel periodo autunno – inverno. Nelle zone con estate eccessivamente calde, si consiglia di piantare questa bellissima pianta in una zona non esposta ai raggi del sole per evitare serie ustioni delle foglie.

Terreno

predilige terreni umidi,  soffici, sciolti, ricchi di sostanza organica e ben drenati. Si consiglia prima del travaso o nelle messa a dimora in piena terra di inserire su fondo delle buche uno strato di argilla espansa per evitare il ristagno idrico che è causa del marciume delle radici.

Annaffiature

Dalla ripresa vegetativa in poi le piante di Russelia richiedono costanti e regolari annaffiature soprattutto nei mesi estivi; le annaffiature vanno diradate o sospese del tutto durante il periodo riposo vegetativo della pianta, autunno-inverno.

Concime-granulare

Concimazione

Dalla primavera e fino al termine della fioritura concimare le piante almeno 1 volta al mese con concime liquido specifico per piante da fiore, diluito secondo le dosi consigliate all’acqua delle annaffiature; in alternativa concimare le piante ogni 3-4 mesi con un concime a lenta cessione da somministrare ai piedi delle piante.

Russelia-moltiplicazione

Moltiplicazione della Russelia

La Russelia si moltiplica per seme, autosemina, per talea e per divisione dei cespi in primavera.

Moltiplicazione per seme

La propagazione per seme richiede tempo e viene poco praticata in quanto le piante sono geneticamente diverse dalla pianta madre. Le piante di Russelia ottenute con la semina impiegheranno anni prima di potere produrre fiori.

Moltiplicazione per talea

In primavera si prelevano delle talee dai rami apicali lunghe circa 12 15 c. Si asportano le foglie alla base del taglio (si lasciano 3-5  foglie all’estremità opposta) e si interrano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali. Il contenitore si copre con un foglio di plastica trasparente che va rimosso nelle ore più calde della giornata e il terriccio va mantenuto sempre umido fino alla comparsa di nuove foglie, segnale dell’avvenuta radicazione. Quando compaiono i nuovi germogli, si rimuove il foglio di plastica, si lasciano irrobustire le nuove e solo successivamente potranno essere a dimora definitiva in piena terra o in in vasi singoli ed allevate con le stesse cure della pianta madre.

Moltiplicazione per divisione dei cespi

La divisione dei cespi, come la propagazione per talea, è una riproduzione agamica che consente di ottenere  piante di Russelia identiche  in tutto e per tutto alla pianta madre in quanto non vi è ricombinazione genetica. Si estrae la pianta dal vaso o dal terreno e con un coltello ben affilato si divide la radice in più porzioni provviste singolarmente di robuste radici. Le parti, ottenute in tal modo, vanno messe a radicare in singoli contenitori e in substrato misto di argilla e sabbia fino a completo attecchimento delle radici.

Russelia-potatura

Potatura della Russelia

Per ottenere una fioritura più abbondante, per conferire un portamento armonioso alla chioma e stimolare l’emissione di nuovi getti è consigliabile accorciare gli steli della pianta di circa un terzo della loro lunghezza. sempre utilizzando attrezzi ben affilati e disinfettati si potano di netto gli steli secchi e quelli danneggiati dal freddo o dall’attacco della cocciniglia. Il periodo migliore per effettuare la potatura è l’inizio della primavera prima che la pianta si risveglia dal riposo vegetativo.

russelia-rinvaso

Impianto o messa a dimora

Le piante di Russelia si impiantano in piena terra in buche ben lavorate, arricchite di nutrienti in dispensabili per il corretto sviluppo e per la produzione dei fiori. Per favorire il drenaggio dell’acqua piovana e di quella delle annaffiature e scongiurare il rischio del marciume delle radici si consiglia di stratificare sul fondo delle buche un po’ di argilla espansa.

Russelia-rinvaso

Rinvaso della Russelia

La Russelia coltivata in vaso va rinvasata mediamente ogni 2 anni oppure quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua delle annaffiature. Il rinvaso va effettuato in primavera utilizzando nuovo terreno ricco e fertile e un vaso più largo e profondo di qualche centimetro rispetto al precedente. Anche in questo caso si consiglia di inserire su fondo del vaso uno strato di argilla espansa o della sabbia mista a pietrisco grossolano per evitare che le radici siano a contatto diretto con l’acqua di sgrondo delle annaffiature.

Russelia

 Parassiti e malattie della Russelia

La Russelia pur essendo una pianta rustica abbastanza resistente alle malattie fungine come il mal bianco o oidio ma  teme il marciume delle radici se il terreno di coltivazione non è ben drenato.

Tra i parassiti animali teme:

  • l’attacco degli afidi che formano folte colonie sugli steli e sui boccioli floreali;
  • le infestazioni da cocciniglia, un parassita animale che come negli agrumi ed altre piante ornamentali forma dei fiocchi cotonosi ed appiccicosi soprattutto sui rametti più teneri.

cocciniglia-foto

Cure e trattamenti

Nel periodo della ripresa vegetativa  è consigliabile effettuare un trattamento fungicida ad ampio spettro per la difesa della pianta contro le malattie fungine utile, trattamento che va effettuato sempre quando nel giardino non sono presenti fioriture. Le cocciniglie che infestano le piante allevate in vaso possono essere rimosse anche manualmente con batuffoli di cotone intrisi in una soluzione alcolica.

Russelia-malattie

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori la Russelia è il simbolo dell’eleganza e della grazia.

Usi

La Russelia è una pianta adatta per realizzare macchie di colore nei giardini costieri in quanto resistente alla salinità dei venti marini. Essendo specie frugale e resistente ai venti marini viene spesso utilizzata insieme ad altre essenze arbustive per creare macchie di colore in aiuole miste, negli spazi verdi prospicienti il mare, ma, perché la si noti veramente, occorre metterne più esemplari vicini. Perfetta anche in vaso soprattutto nei panieri sospesi.

Consiglio

Se volete attirare nel vostro giardino farfalle dai colori variopinti coltivate in punti diversi delle piante di Russelia.

Curiosità

La Russelia equisetiformis per la forma e le dimensioni ridotte delle foglie somiglia all’Equiseto, Equisetum arvens.

La pianta o meglio il genere porta il nome in onore  di Alexander Russel Wallace un famoso medico e naturalista inglese autore di Island life e ricordato per essere come Darwin sostenitore e scopritore della selezione naturale.

La Russelia, come la Ruellia, viene chiamata comunemente Pianta di petardo per il il fatto che i suoi frutti o capsule  scoppiettano quando vengono a contatto con l’acqua.

Galleria foto Russelia

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta