Grappa al dragoncello

Laura Bennet
  • Dott. in scienze biologiche
Grappa al dragoncello

Sommario

Ricetta della grappa al dragoncello o estragone: un ottimo liquore digestivo da servire a fine pasto: ingredienti, dosi , preparazione e calorie.

Tempo di preparazione:
20 minuti
Tempo di cottura:
5 minuti
Quantità:
10

Ingredienti Ricetta

  • Rametti di dragoncello 3
  • Grappa 500 ml
  • Zucchero 300 gr
  • Acqua 250 ml

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 ml
  • Calorie 290 kcal

La ricetta di oggi prevede la preparazione di un digestivo dal gusto e dal profumo insolito. Per la preparazione di questo distillato, nello specifico una grappa, abbiamo bisogno di un bel po’ di rametti di dragoncello fresco. Si tratta di una pianta aromatica dal profumo intenso, si usa in cucina per la preparazione di carne o pesce e ben si sposa con moltissime altre pietanze. Nella nostra versione insolita come digestivo, abbiamo adoperato questa erba aromatica per realizzare un profumato digestivo adatto come fine pasto o da gustare con ghiaccio durante una calda giornata estiva. Vediamo come preparare la Grappa al dragoncello nella nostra ricetta passo passo.

Procedimento della Grappa al dragoncello

  1. Se non coltivate il dragoncello in vaso, cosa tra l’altro molto facile, procuratevi dei rametti freschi provenienti da agricoltura biologica per essere certi che non siano stati trattati con antiparassitari o anticrittogamici chimici. Sciacquate i rametti di dragoncello sotto il getto dell’acqua fredda e poi asciugateli ben ben  tamponandoli con un canovaccio pulito o con carta assorbente da cucina.Dragoncello
  2. Staccate una decina di foglie da un rametto e mettetele in un mortaio. Aggiungete  1 o 2 cucchiai di zucchero e poi pestatele. Trasferite il pesto di foglie di dragoncello in un barattolo a chiusura ermetica, copritele con una grappa di buona qualità. Tappate, agitate il barattolo e poi mettetelo in un luogo fresco e buio e lasciate macerare le foglie per 2 mesi. Di tanto in tanto ricordatevi di agitare l’infuso scuotendo il barattolo.Jar
  3. Trascorso il tempo di macerazione preparate lo sciroppo: prendete un pentolino, versatevi lo zucchero, aggiungete l’acqua e fatelo sciogliere a fiamma moderata per 5 minuti. Quando lo zucchero sarà completamente sciolto, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare lo sciroppo. Nel frattempo filtrate il macerato di dragoncello con un colino a rete fitta. Unite il macerato di dragoncello allo sciroppo e mescolate bene bene con un cucchiaio di legno per far amalgamare gli ingredienti.Pentola, Cottura
  4. Coprite il recipiente con un tovagliolo pulito e lasciate riposare per 2 giorni. Filtrate di nuovo, poi imbottigliate il liquore e mettete nella bottiglia i rametti di dragoncello. Fate attenzione che siano completamente ricoperti dal liquore. Tappate e conservate il liquore di dragoncello in un luogo fresco.Dragoncello

Usi della Grappa al dragoncello

Potete utilizzare la grappa al dragoncello anche come antisettico della cavità orale, per combattere il mal di gola: diluite 50 ml di liquore in un bicchiere di acqua tiepida e fate dei gargarismi.Dragoncello

Altre cose utili da sapere sul dragoncello:

Dragoncello

Grappa al dragoncello foto e immagini