Violetta africana coltivazione


Violetta-africana

La violetta africana o Saintpaulia è una pianta perenne dalle dimensioni ridotte molto apprezzata per abbellire angoli e davanzali delle case, per la sua capacità di produrre fiori per tutto l’arco dell’anno.

Violetta-africana-Saintpaulia


Caratteristiche Violetta africana

La violetta africana o Saintpaulia è una pianta erbacea sempreverde e perenne della famiglia delle Gesneriaceae.

La pianta originaria dell’Africa ha un apparato radicale poco sviluppato; le radici anche se molto fitte sono lunghe solo pochi millimetri.

Violetta-africana-fiore

La parte aerea della violetta africana, invece, è molto sviluppata.

Numerose foglie cuoriformi e carnose di colore verde brillante e ricoperte da peluria fanno da corona a steli portanti fiori composti da 5 petali vellutati di colore blu, viola, rosa, bianco a seconda della specie (circa 20).

I fiori, larghi circa 2 cm e mezzo, possono essere semplici doppi e sono simili a quelli delle viole.

violetta africana

Fioritura: la violetta africana fiorisce in estate ma le piante coltivate in casa fioriscono anche in inverno e in altre stagioni. La fioritura può rinnovarsi diverse volte in uno stesso anno e per molti anni.

violetta-africana

Coltivazione della Saintpaulia o violetta africana

Esposizione: Ama la luce e le posizioni luminose, ma non il sole diretto; temperature non inferiori ai 15 gradi.

Terreno: soffice, torboso e costantemente umido in contenitori piccoli.

Annaffiature: a giorni alterni d’estate, scarse d’inverno utilizzando acqua a temperatura ambiente.

Concimazione: somministrare, ogni 15 giorni, da aprile e ottobre del concime liquido diluito nell’acqua delle innaffiature secondo le dosi indicate sulla confezione.

Talea-violetta-africana

Moltiplicazione della violetta africana

La violetta africana si riproduce:

  • per divisione dei germogli radicali,
  • per semina,
  • per talea di foglie.

Saintpaulia-violetta africana

La Saintpaulia o violetta africana è una pianta ornamentale sempreverde di piccole dimensioni formata da numerose foglie cuoriformi, verdi carnose disposte a formare una rosetta centrale. Tra le foglie ricoperte da una sottilissima peluria chiara, durante tutto l’anno, spuntano fiori a cinque petali il cui colore rosa – violaceo contrasta con il giallo delle antere.

La Saintpaulia, può essere moltiplicata mediante talea fogliare o per immersione di una foglia in acqua.

violetta africana

Riproduzione per talea di foglie

  1. In primavera avanzata si prelevano dalla pianta madre foglie carnose e sane di colore verde brillante con tutto il picciolo che va poi tagliato  a 3-4 cm dall’attacco della foglia con un coltello ben affilato e disinfettato.
  2. Per favorire la radicazione è preferibile trattare il picciolo con un po’ di ormone radicante.
  3. Le talee fogliari vanno poi messe a radicare in un vaso contenente del terriccio misto costituito da torba e sabbia in parti uguali.
  4. Il vaso, coperto con un foglio di plastica trasparente, va posto in un luogo ombreggiato ma caldo fino a completa radicazione delle talee.
  5. Durante tale periodo, bisogna mantenere il terriccio sempre umido mediante la nebulizzazione (evitando di bagnare le foglie) con acqua a temperatura ambiente.
  6. Quando le prime foglioline sono ben sviluppate togliere la protezione
  7. . Per facilitare la crescita delle nuove piantine somministrare un fertilizzante  ricco in azoto (N) almeno una volta la settimana per il primo mese.
  8. Dopo 2 – 3 mesi traferire le piantine di Violetta africana in singoli vasi e curarle come le piante adulte.

Moltiplicazione della Saintpaulia in acqua

  1. Per questa operazione basta un bicchiere di acqua non calcarea e un foglio di alluminio. Coprire il bicchiere con l’alluminio, fare dei piccoli buchi e in ciascuno di essi inserire il picciolo modo che arrivi all’acqua.
  2. Dopo circa un mese spunteranno le radici e piccole foglie.
  3. Quando le nuove piantine avranno una lunghezza di circa 3 cm invasate ogni singola piantina di violetta africana nel suo vaso definitivo e trattatela come una pianta adulta secondo la scheda

rinvaso

Rinvaso della violetta africana

Il rinvaso della pianta va effettuato solo quando le radici hanno occupato tutto il contenitore e fuoriescono dai fori del drenaggio dell’acqua.

Saintpaulia-violetta africana

Parassiti e malattie della violetta africana

La violetta africana teme gli afidi, il ragnetto rosso e alcune malattie fungine come il marciume radicale causato dal ristagno idrico.

La Saintpulia o violetta africana è velenosa?

E’ una pianta commestibile per gli animali domestici quali cani e gatti, quindi non è tossica o velenosa.

Galleria foto Violetta africana

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News


Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta