Plumeria – Frangipani – coltivazione

Plumeria - Frangipani - coltivazione

La Plumeria, chiamata comunemente Frangipani, è una pianta ornamentale esotica coltivata in appartamento per la bellezza delle sue foglie e per le bellissime tonalità di colore dei suoi splendidi fiori.

Caratteristiche generali

La Plumeria o Pomelia, è una pianta appartenente alla famiglia delle Apocynaceae originaria dei paesi tropicali e dell’America centrale.

fiori-plumeria-frangipani

Tutte le specie appartenenti a questo  genere sono provviste di un robusto apparato radicale.

La parte aerea, ben sviluppata, presenta una chioma a sviluppo arbustivo ricca di rami ricoperti da grandi foglie ovali di colore verde scuro.

All’apice dei rami, nel periodo della fioritura, sbocciano grandi fiori decorativi riuniti in grappoli, simili a quelli dell’oleandro, il cui colore varia a seconda della specie dal bianco al rosa, dal giallo all’arancio fino al rosso rubino.


Leggi anche: Piante pericolose e velenose per i bambini conseguenze e cosa fare

A fine fioritura, sulla Plumeria compaiono dei baccelli di colore verde contenenti dei piccoli semi alati e leggeri che per maturare richiedono molti mesi (circa 8).

Fioritura

La Plumeria, se coltivata con le tecniche adeguate, fiorisce dalla tarda primavera (mese di maggio) fino a tutta l’estate.

plumeria

Coltivazione Frangipani – Plumeria

Esposizione

La pianta di Plumeria ama i luoghi luminosi e soleggiati riparati dai venti e dai raggi solari diretti nelle ore più calde dei mesi estivi. Teme il freddo pertanto nelle zone in cui le temperature invernali scendono sotto i 5° C, necessita di un ricovero in un ambiente protetto.

Terreno

La pianta per svilupparsi forte e vigorosa richiede terreno fertile, ricco di sostanza organica, soffice e ben drenato. In generale basta miscelare in parti uguali del terriccio universale a pezzi di corteccia grossolana e sabbia.

fiore-plumeria-foto

Annaffiature

Necessita di annaffiature regolari e costanti dalla primavera all’estate evitando i ristagni idrici nel sottovaso, le cause del marciume delle radici. Le annaffiature vanno effettuate solo quando il terreno è completamente asciutto. Quando le foglie iniziano a staccarsi dai rami gli apportiidrici vanno sospesi.

Concimazione

Dalla ripresa vegetativa della pianta (primavera) e per tutta l’estate somministrare ogni 2-3 settimane, del concime liquido specifico per piante da fiore, diluito, nelle giuste dosi, all’acqua delle annaffiature. Durante periodo della fioritura, la Pomelia va concimata due volte al mese, con un fertilizzante a più alto tenore di fosforo (P). Le concimazioni vanno sospese nei mesi invernali in quanto la pianta entra in dormienza.


Potrebbe interessarti: I 10 fiori più profumati del mondo

Plumeria - Frangipani - coltivazione

Pomelia o Plumeria: coltivazione in vaso

Questa pianta esotica va coltivata in vaso nelle fasce climatiche caratterizzate da inverni rigidi, in modo da poterla trasferire in un luogo protetto.  Il vaso adatto deve avere una capacità minima di 4 litri e preferibilmente in modo che abbia spazio sufficiente per crescere; è meglio scegliere un contenitore di colore nero invece di quelli di argilla, a causa della natura porosa di questi ultimi che fa sì che le radici aderiscano alle pareti e che l’umidità si disperda troppo rapidamente.

Rinvaso

La Plumeria va rinvasata ogni anno nel mese di aprile utilizzando nuovo terriccio e vasi di dimensioni circa il doppio delle dimensioni dell’apparato radicale e preferibilmente quelli di plastica nera.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Moltiplicazione della Pomelia

La Plumeria si moltiplica per talea o per seme.

Semina

La moltiplicazione per seme richiede più tempo e le nuove piante non saranno identiche a quella originale.

Per accorciare i tempi di germinazione i semi di Plumeria vanno tenuti per almeno 24 ore avvolti in un foglio umido di carta da cucina e quando saranno abbastanza gonfi si interrano in i un vaso con del terriccio specifico. I semi si interrano a circa 5 mm di profondità, con la parte più gonfia rivolta sul fondo. Il semenzaio va mantenuto umido e posto in un luogo caldo fino alla comparsa dei germogli che spunteranno dopo circa una settimana o un mese.
Quando le piantine nate da seme raggiungono l’altezza di 7-8 cm, potranno essere trasferite singolarmente in vasi più grandi, facendo attenzione a non danneggiare le fragili radici.

Le nuove piante di Pomelia fioriranno dopo circa 3 anni dalla semina.

Moltiplicazione per talea

La propagazione della Plumeria mediante talea è molto semplice e assicura piante identiche alla specie riprodotta.

Utilizzando cesoie ben affilate e disinfettate si prelevano germogli apicali e si lasciano seccare all’aria i tagli per almeno 2 giorni.

Quando i tagli saranno totalmente asciutti, si impregnano le talee con un ormone radicante e poi si mettono a radicare a 5 cm di profondità in un contenitore pieno di una miscela di torba e sabbia mantenuta sempre umida per tutto il periodo della radicazione. A radicazione avvenuta, si lasciano irrobustire le piante e solo quando saranno facili da maneggiare si potranno trasferire in piena terra o in un vaso di plastica nero aventi dimensioni adeguate alla crescita delle radici.

plumeria-foto

Potatura

La Pomelia non necessita di essere potata con frequenza e generalmente si interviene per eliminare eventuali apici danneggiati dal freddo o per accorciare quelli troppo lunghi al fine di stimolare la produzione di nuovi germogli. La potatura va fatta a fine inverno accorciando i rami di 1/3 della loro lunghezza.

frangipani-pianta

Malattie e parassiti della Plumeria o Pomelia

Il Frangipani soffre l’attacco della cocciniglia cotonosa, del ragnetto rosso e della ruggine. Tra le malattie fungine è soggetta ala marciume delle radici se il terreno di coltivazione non è drenante.

Cure della Plumeria frangipani

  • Eliminazione dei rami secchi e dei fiori appassiti.
  • Pulizia periodica delle foglie, rimozione di quelle eventualmente macchiate e danneggiate dai parassiti.
  • Uso di un antiparassitario biologico.

Varietà di Plumeria – Pomelia

Tra le tante specie ornamentale ricordiamo quelle più coltivate in vaso e in piena terra

Plumeria rubra

Una specie arbustiva alta circa 10 metri. Ha fusti con foglie lanceolate, decidue, disposte a corona all’apice delle ramificazioni. I fiori, molto profumati, sono riuniti in infiorescenze alla base delle ascelle fogliari. La corolla del fiore è composta da 5 a 7 petali bianchi, gialli, rosa o rossi. Fiorisce da giugno a novembre. I rami e le foglie, se spezzati, emettono una lattice biancastro.

Plumeria rubra acutifolia

Se vivete in una zona in cui in inverno le temperature scendono sotto ai 5 °C, coltivate la plumeria in vaso.
La Plumeria acutifolia è una specie con lunghe foglie appuntite. Produce fiori molto profumati con petali ovati, carnosi e bicolori con fauci di colore giallo limone. E’ una varietà resistente al freddo e quindi adatta ad essere coltivata all’aperto anche nelle zone in cui le temperature scendono sotto ai 5° C.

Plumeria obtusa

E’ un piccolo albero originario delle Indie occidentali che raggiunge un’altezza da 3,0 a 4,6 m. Ha foglie di colore verde, lucide e lunghe circa 20 cm. I suoi fiori la corolla composta da cinque petali bianchi obovati bianchi con gola gialla. I fiori profumati sbocciano a grappoli, in estate dalla fine di giugno. E’ una pianta ornamentale dalla crescita rapida adatta alla coltivazione nei giardini mediterranei e in vaso. I rami spezzati producono un latice irritante per la pelle.

Plumeria pudica

Una specie di piccole dimensioni originaria dell’America diffusa in Panama, Colombia e Venezuela.
Ha una chioma compatta conica con foglie spatolate. lucide e di colore verde scuro. I fiori sono inodori con petali bianchi e fauci lievemente sfumate di giallo. Teme il freddo e per produrre fioriture abbondanti necessita almeno di 6 ore di sole. Nei luoghi di origine questa pianta viene chiamata “fiore di latte” in riferimento al candore dei petali dei fiori.

Plumeria-Pomelia

La Plumeria frangipani è velenosa?

La Plumeria come tutte le piante Apocinacee è caratterizzata da un lattice colloso, velenoso e tossico per ingestione sia per l’uomo che per cani e gatti. Per contatto provoca fastidiose irritazioni cutanee e per tale motivo si consiglia di maneggiare la pianta indossando guanti da giardinaggio specialmente quando la si pota.

Plumeria: significato

Nel linguaggio dei fiori la Plumeria ha significati diversi a seconda dell cultura locale: in molti Paesi è simbolo di pace e di amicizia in quelli orientali è considerata la pianta della rinascita e in Italia è simbolo di bellezza e semplicità.

Plumeria-frangipani-Pomelia

Curiosità

Il genere Plumeria porta il nome in onore di Charles Plumier di un missionario francese che per primo ha descritto le sue caratteristiche.

Anticamente gli apici vegetativi della Plumeria venivano protetti da freddo e dalle piogge con i gusci d’uovo.

Galleria foto Plumeria frangipani

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica