Corineo sintomi e cure


Che cos’è il Corineo? Quale piante attacca? Quali danni provoca? Come e quando combatterlo o prevenirlo?

Ciliegio-malattie


Che cos’è il Corineo

Il Corineo è una malattia fungina nota anche con il nome di vaiolatura che colpisce le drupacee come pesco, albicocco, susino, ciliegio e mandorlo producendo essudati resinosi ed appiccicosi sul tronco e sui rami delle piante colpite.

Corineo-sintomi

Sintomi da infestazione da Corineo

Le foglie colpite presentano tacche circolari di 1.2 mm  di colore rosso- viola con alone giallino che col tempo diventa poi rossastro.

corineo-foglie

Le tacche circolari si distaccano dalle foglie lasciando dei fori, la cosiddetta “impallinatura“.

Corineo-malattia-fungina

I frutti più piccoli presentano dei crateri, butteratura, quelli maturi invece piccole macchie rossastre dalle quali fuoriescono secrezioni gommose.

Corineo-danni

I rami colpiti da questa malattia fungina manifestano delle lesioni  più o meno profonde dalle quali esce una sostanza gommosa simile alla resina.

Periodo d’infezione

La malattia si manifesta quasi sempre in primavera ma se il clima è eccessivamente umido o troppo siccitoso gli attacchi si manifestano anche in estate.

Danni provocati dal corineo

Le foglie colpite rallentano la fotosintesi seccano e man mano la pianta perde vigore fino a morire. I frutti gravemente infetti non sono più commestibili.

Pesco-malattia

Come prevenire le infestazioni del Corineo

A sopo preventivo si trattano le Drupacee con sali rameici due volte l’anno: in autunno quando la pianta si spoglia delle foglie e in primavera quando le gemme incominciano ad ingrossarsi.

Prugno-malattia

Trattamenti e cure

Se le piante attaccate dal corineo mostrano una lieve infezione bisogna effettuare solo dei trattamenti anticrittogamici con lo lo ziram.

Se, invece, l’attacco è grave le Drupacee vanno trattate con la Dodina un fungicida organico che oltre a controllare il corineo è efficace anche sulla ticchiolatura, sulla monilia e sulla bolla del pesco.

Corineo-Drupacee

Evitare i ristagni idrici e le potature drastiche; limitare le concimazioni azotate; potare e bruciare i rami infetti.

Avvertenze: quando si effettuano i trattamenti anticrittogamici non mescolare mai fra loro i principi attivi.

Galleria foto malattie Drupacee e Corineo

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta