Drupacee difesa primaverile


Quali sono le malattie fungine che attaccano le drupacee in primavera? Quali sono i parassiti animali che arrecano danni alle piante e ai frutti del pesco, ciliegio, mandorlo susino e albicocco? Quali sono i sintomi? Quando e come intervenire? 

ciliegio

Le Drupacee alberi da frutto come il pesco, il susino, l’albicocco, il mandorlo e il ciliegio in primavera, a causa degli sbalzi termici e dell’eccessiva umidità dell’aria, sono facilmente attaccati da malattie parassitarie o fungine.


Parassiti delle drupacee

oidio-albicocco

Fra i fitofagi di maggior rilievo ricordiamo la tignola orientale del pesco, l’ Anarsia, la mosca mediterranea della frutta, gli afidi e le cocciniglie.

Ticchiolatura-prugno

Menzione a parte  merita la temibile Sharka o Plum pox meglio conosciuta come vaiolatura delle drupacee e la gommosi dell’albicocco.

La Sharka è un virus che attacca le foglie e frutti di queste piante in particolare il prugno o susino.

Sharka-vaiolatura-pesco

Sulle foglie la malattia si manifesta con piccole macchie clorotiche mentre sui frutti con la formazione di bitorzoli o depressioni.

Pesco-malattia

La gommosi che si manifesta sui rami e talvolta sul tronco delle drupacee, soprattutto dell’albicocco, con la produzione di gomma, resina o altri essudati simili a bolle di miele, in caso di riparazione di ferite da parte della pianta o peggio in caso di attacchi virali.

Se la gommosi è di natura virale va curata con preparati specifici per evitare la sofferenza delle parti colpite.

Gommosi-malattia

Quando effettuare i trattamenti primaverili delle Drupaceae

I trattamenti a difesa delle drupacee si effettuano in tre diversi periodi: dalla ripresa vegetativa fino alla raccolta dei frutti.

pesco-fiori

All’inizio della primavera, tra febbraio e l’inizio di marzo, quando compaiono i bottoni rosa o bianchi, le piante di susino, albicocco, pesco, ciliegio, vanno protette dagli attacchi di cocciniglie e afidi con prodotti anticrittogamici.

In caso di forte infezione o piogge continue si può ripetere il trattamento nella fase di “bottone rosa”, cioè quando le gemme si stanno aprendo e s’intravvedono i petali rosati, non ancora aperti.

Fioritura-ciliegio

Primavera fioritura: in questa fase non va praticato nessun trattamento per non danneggiare gli insetti impollinatori come le api, ma appena i petali sono caduti si può ripetere il trattamento.

Primavera immediata fioritura: trattamenti contro la bolla del pesco.

Bolla-pesco

Primavera inoltrata: ogni 15 giorni contro Cidia e oidio.

Prugno-malattia

Da frutti formati in poi: ogni 15 giorni contro afidi (se presenti), cidia, oidio e monilia (contro la monilia solo se il clima è molto umido).

Prugno-susino

I principi attivi dei trattamenti

Preparati a base di bicarbonato di sodio+equisetum+ortica nel caso di gommosi virali.

Prodotti rameici (poltiglia bordolese, ossicloruro, solfato ecc.) nel caso di infezioni da ferite.

Avvertenze: i principi attivi non vanno mai mescolati tra loro.

Galleria foto Drupaceae

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

  • andreas - - Rispondi

    Volevo sapere perche alcuni rami dell'albicocco si seccano.

    E' una malattia o un parassita? Altri rami sono verdi. Mi e' anche successo anche all'albero delle mele.

    Cosa puo' essere e cosa si puo' fare grazie .

    andreas

    • LauraB - - Rispondi

      Ciao, probabilmente i rami sono essiccati per l'attacco della cocciniglia un parassita che oltre ad infestarefoglie e teneri germogli si nutre anche di parti legnose come i rami.
      I rami attaccati deperiscono e disseccano (vanno potati).
      Si può intervenire spazzolando manualmente il tronco e i rami per eliminare eventuali dischi di cocciniglia; praticare potature verdi – estive di sfoltimento per favorire il soleggiamento e l'arieggiamento anche dei rami più interni.
      I rimedi: il rimedio biologico prevede l'impiego di insetti antagonisti come le coccinelle oppure affidarsi ai tradizionali trattamenti con prodotti chimici specifici(approvati) da effettuare secondo un preciso calendario.

    • leo carmine - - Rispondi

      Il seccume e dovuto dall’attacco della monilia laxa, malattia che attacca i rametti dell’albicocco. Trattare durante la fioritura con fungicida (folicur-o altro fungicida)leo c

  • SFARINOLA Domenico - - Rispondi

    Vorrei alcuni suggerimenti o consigli per l'uso dei principi attivi utili per la lotta fungina e parassitaria delle drupacee .

Lascia una risposta