Ceiba – Chorisia coltivazione


chorisia-ramo-fiori

La Chorisia Speciosa è un imponente albero ornamentale coltivato nei giardini e nei parchi pubblici per la sua straordinaria e bellissima fioritura.

chorisia-speciosa-albero-bottiglia


Caratteristiche Chorisia  speciosa – Ceiba speciosa

La Chorisia SpeciosaCeiba Speciosa, è un albero succulento alto più di 20 metri originario delle zone tropicali e sub – tropicali del Sud America (Brasile, Paraguay e Argentina) e, come il Baobab, appartiene alla famiglia delle Bombacaceae (Malvaceae).

ceiba

In Italia, la Ceiba speciosa viene coltivata nelle regioni meridionali ed è diffusa soprattutto in molte zone della Sicilia (orto botanico di Palermo e giardino della Cappella Palatina).

ceiba-tronco

L’albero è dotato di un robusto ma superficiale apparato radicale e da un tronco rigonfio come una bottiglia nella parte bassa, eretto e variamente ramificato nella parte alta.

chorisia-ceiba-albero

La particolare forma del fusto è dovuta al fatto che la Chorisia Speciosa immagazzina i liquidi necessari alle sue funzioni nelle fibre del fusto e per questo suo particolare aspetto viene chiamato comunemente albero bottiglia.

chorisia-spine

Tronco e rami della Chorisia sono ricoperti da numerose e robuste spine legnose che impediscono alla pianta di perdere la sua riserva d’acqua.

chorisia-speciosa-foglie

Le foglie della Chorisia Speciosa hanno un colore verde brillante, sono ovali con margine seghettato e composte a loro volta da 5 foglioline.

Chorisia-fiore

I fiori, grandi e molto decorativi, hanno la corolla composta da lunghi 5 petali che fanno da contorno a un grosso pistillo centrale. I fiori della Ceiba, simili a quelli dell’orchidea, sono di colore rosa chiaro talvolta tendente al rosa violetto.

Ceiba-speciosa-Chorisia-fiore

I frutti sono grandi capsule ovoidali di colore verde scuro che contengono numerosi semi scuri.

Chorisia Speciosa-frutti

I semi, dotati di alta capacità di germinazione, sono avvolti da una densa lanuggine bianca simile a quella del Kapok ma meno pregiata.

Ceiba-fioritura

Fioritura: la Chorisia nei luoghi di origine fiorisce in primavera; nelle nostre zone il periodo della fioritura varia in relazione al clima e generalmente la pianta produce i fiori in estate o in autunno.

chorisia-speciosa-ceiba

Coltivazione Chorisia – Ceiba

  • Esposizione: è una pianta molto esigente di luce, per cui va impiantata in zone soleggiate per molte ore al giorno. Teme le basse temperature e il clima rigido.
  • Terreno: predilige terreni profondi, fertili e ricchi di sostanza organica.
  • Annaffiature: gli esemplari adulti sono resistenti alla siccità e si accontentano delle piogge; le giovani piante vanno annaffiate invece almeno 2 volte a settimana.
  • Concimazione: va concimata con letame maturo al momento dell’impianto; fino all’autunno si può somministrare alla base della pianta del concime granulare a lenta cessione. In inverno è consigliabile sospendere le concimazioni.

Chorisia-moltiplicazione

Moltiplicazione della Chorisia

La pianta si propaga per seme. I semi sono duri e coriacei e, per questo motivo, prima di essere interrati nel letto di semina vanno fatti macerare in uno straccio umido o anche nel cotono idrofilo,  per almeno un giorno.

Per la semina si usa del comune terreno da giardino mescolato con torba e pomice.

Le nuove piante di Chorisia, ottenute dalla veloce germinazione dei semi, potranno essere allevate in vaso per  2- 3 anni prima di essere trapiantate in piena terra.

Potatura della Chorisia

La pianta va potata precocemente per favorire la formazione di un unico tronco principale.

Parassiti e malattie della Chorisia

La Chorisia è una pianta resistente agli afidi e alle malattie fungine in genere ma il clima è troppo umido le foglie possono essere attaccate dall’oidio o mal bianco.

chorisia-speciosa-falso-kapok

Usi e curiosità sulla ceiba

La Chorisia speciosa viene utilizzata come pianta ornamentale per l’arredo urbano.

Il suo legno bianco, poroso e molto leggero, viene impiegato per la fabbricazione di botti leggere.

La fibra lanuginosa del frutto, chiamata falso kapok, viene usata per la confezione di imbottiture.

Avvertenze: le radici superficiali della Chorisia possono compromettere marciapiedi, manti stradali e pavimenti, si consiglia la piantumazione in posti distanti da case, marciapiedi e strade.

La Chorisia è velenosa?

La pianta non è velenosa e quindi di per sè la puntura delle spine non è tossica, ma potrebbe risultare pericolosa per la presenza di batteri o tetano, proprio come avviene per la puntura di spine di rosa o limone.

Galleria foto Chorisia – Ceiba speciosa

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto