Salice piangente coltivazione


Salice-foto

Il salice piangente o Salix babylonica, è un albero coltivato a scopo ornamentale nei parchi pubblici, e nei grandi giardini privati.


Caratteristiche generali del Salice piangente

Il Salice piangente è un albero caduceo appartenente alla famiglia delle Salicaceae.

L’albero, alto mediamente circa 10 metri, presenta un robusto apparato radicale.

Salice-Salix-babylonica

Il fusto principale è grosso ma breve. La chioma larga e di forma ovale è composta da numerosi rami penduli che, molto spesso, raggiungono il terreno.

Le foglie allungate e lanceolate sono di colore verde brillante nella pagina superiore, mentre in quella inferiore stendono al grigio. In autunno, prima della caduta le foglie del Salice assumono un bellissimo colore giallo dorato.

Salice-foglie

Il salice è una pianta dioica ovvero a sessi separati e pertanto sui rami, nel periodo della fioritura, spuntano due tipi di fiori detti amenti.

Salice-fiori-maschili

I fiori maschili sono infiorescenze allungate di colore giallo; quelle femminili, invece, sono più piccole e di colore verde chiaro.

Fioritura: il salice fiorisce in primavera.

Salice-chioma

Coltivazione del Salice piangente – Salix Babylonica

Clima: il Salice piangente è un albero che si adatta a tutti i tipi di climi anche quelli caratterizzati da basse temperature e da gelate notturne.

Esposizione: ama i luoghi luminosi e soleggiati per molte ore al giorno.

Terreno: cresce forte e vigoroso nei terreni umidi, poco drenati e ricchi di sostanza organica come quelli prossimi alle rive dei fiume e dei laghi.

Annaffiature: è un albero che teme fortemente la siccità e per questo motivo richiede enormi e costanti annaffiature soprattutto durante i lunghi periodi di siccità.

salice-piangente

Moltiplicazione del Salice piangente

La pianta viene riprodotta quasi sempre per per talea semilegnosa o legnosa praticata quasi sempre nel mese di aprile.

Le talee prelevate con cesoie ben affilate e disinfettate, vengono messe a radicare in terriccio universale misto a sabbia. Dopo circa 1 mese dall’avvenuta radicazione avvenuta (presenza di nuovi germogli), le nuove piantine vanno messe a dimora e allevate come la pianta adulta.

Ormone radicante di Salice

Potatura del Salice piangente

La pianta non va mai potata. Gli interventi di potatura vanno praticati solo in casi eccezionali: rami infestati da parassiti, danneggiati dal freddo o spezzati dal vento.

foto-salice-piangente

Malattie e parassiti del Salice piangente

E’ un albero sensibile all’attacco da parte di parassita animali come afidi e pidocchi. Tra le malattie teme maggiormente il cancro e la ruggine.

Varietà di Salice

A scopo ornamentale, vengono coltivate soprattutto due varietà ibride: il Salix x sepulcralis e il Salix x pendulina. La varietà ornamentale attualmente più diffusa in Europa è Salix x sepulcralis ‘Chrysocoma‘, indicata anche come Salix x chrysocoma.

Usi, curiosità e cose da sapere sul Salice

Con i rametti di Salice piangente si prepara l’ormone radicante per stimolare la radicazione delle talee.

Galleria foto Salice

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta