More coltivazione


More-drupeole


Il rovo, Rubus fruticosus, è una pianta arbustiva coltivata un po’ ovunque, in giardino, nell’orto, nei frutteti e la varietà senza spine anche in vaso.

more-coltivazione


Caratteristiche generali della Mora selvatica

La pianta di more, un’arbustiva della famiglia delle Rosaceae, è costituita da una ceppaia perenne di polloni basali formati da lunghi tralci, dette femminelle, portanti germogli fioriferi e foglie di colore verde chiaro a margini seghettati.

More-fiori

I fiori riuniti in grappoli sono di colore bianco-rosato.

I frutti, le bacche o more, di colore nero lucente, sono costituiti da drupeole attaccate ad un ricettacolo conico.

Terminata la fruttificazione il tralcio secca.

More-raccolta

Fioritura: le more fioriscono nel mese di Maggio.

More-selvatiche

Coltivazione delle more in piena terra

Esposizione: le more preferiscono i luoghi soleggiati e riparati dai venti. La varietà senza spine estiva è sensibile al freddo invernale mentre la tardiva resiste bene alle basse temperature.

Terreno:  pur adattandosi ai comuni terreni preferiscono quelli leggeri, freschi e ben drenati.

Annaffiature: annaffiature regolari in prefioritura e durante l’ingrossamento dei frutti.

Concimazione: concimazioni a base di calcio per una maggiore consistenza dei frutti e a base di  potassio per la colorazione dei frutti.

insetti-more

Coltivazione delle more in vaso

Per la coltivazione delle more in vaso è importante la scelta dei contenitori.

I vasi devono essere di almeno 35-40 cm di diametro, in caso di cassette almeno 1 m in lunghezza, 40 cm di profondità e 15 cm in larghezza.

In primavera, effettuare rinvasi; potare le radici; ridurre i polloni e arricchire il terreno con concime stallatico; le innaffiature costanti e moderate.

Eventuali parassiti vanno eliminati con metodi manuali.

More-drupeole

Moltiplicazione delle more

Le more si riproducono per seme, talea, propaggine e per divisione dei polloni basali.

La tecnica più utilizzata è la separazione dei polloni basali che va effettuata in inverno o in primavera.

More-foto

Raccolta delle more

La raccolta delle more è scalare e generalmente si effettua quando i frutti pendono sui tralci neri e profumati.

Il periodo della raccolta si prolunga per circa 60 giorni tra luglio – ottobre secondo le varietà.

rovi-more

Video raccolta delle more

Impianto delle more

In primavera o in autunno dopo aver lavorato a fondo e arricchito il terreno con letame maturo con distanze di circa 2 m sulle file e 2,5 -3 m tra le file.

Varietà di more

Tra le diverse varietà di more le tre più coltivate sono: la precoce Thornless L, l’intermedia Loch Ness e Thornfree e la tardivaChester T.

More-frutti

Potatura delle more

In autunno – inverno si effettua la potatura dei polloni a pochi cm dal suolo e in primavera si pratica il diradamento dei nuovi getti  al fine di favorire il soleggiamento e la produzione di frutti di ottima qualità.

More-malattie

Malattie e parassiti

coccinella-more

Le piante di more soffrono attacchi da parte delle peronospora se il clima è troppo umido; soffre il marciume delle radici, teme alcuni funghi del suolo come VerticilliumFusarium, gli acari e il ragnetto rosso.

more-malattie

Usi, conservazione e calorie delle more

Le more sono frutti ricchi di vitamine con tante proprietà, vengono usati  freschi per la preparazione di succhi, gelati, torte, crostate, macedonie, marmellate, liquori, ecc.

Le more si possono conservare a lungo nel congelatore.

Calorie delle more

100 grammi di more forniscono 35 calorie.

Galleria foto More

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

    Lascia una risposta