Marmellata di cachi

Marmellata di cachi

Sommario

Come preparare con la ricetta della nonna una deliziosa marmellata di cachi ottima per la prima colazione, per costate alla frutta, torte, biscotti e strudel: ingredienti, dosi, procedimento e calorie.

Tempo di preparazione:
30 minuti
Tempo di cottura:
2 ore
Quantità:
8

Ingredienti Ricetta

  • Cachi 1 kg
  • Zucchero semolato 700 g
  • Succo di limone 1
  • Scorza di limone 1
  • Vaniglia 1 pizzico
  • Rum 100 ml
  • Mela 1

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 300

Marmellata-cachi

Preparazione della marmellata di cachi – kaki

Per la preparazione di questa buonissima confettura occorrono cachi ben maturi ma sodi e privi di spaccature o macchie nere, una mela e un limone non trattato.

Per prima cosa sterilizzate i barattoli e poi fateli asciugare capovolti su un canovaccio pulito.

Cachi-Kaki

Lavate i cachi sotto il getto dell’acqua e asciugateli con un carta assorbente da cucina.

Sbucciateli, eliminate i semi ed eventuali filamenti bianchi e poi riduceteli a pezzetti.

Cachi-maturo


Leggi anche: Marmellata di mele cotogne

Versate i pezzetti di cachi in una pentola d’acciaio.

Cachi-marmellata

Lavate la mela, sbucciatela, eliminate il torsolo, tagliatela a dadini e unitela ai cachi insieme al succo di limone e alla scorza grattugiata.

Cottura della marmellata di cachi

Mettete la pentola sul fuoco, a fiamma moderata e fate bollire per circa 5-10 minuti. Togliete la pentola dal fuoco e setacciate o frullate il composto. Rimettetelo nella pentola.

Unite lo zucchero, la vaniglia e mescolate il tutto con un cucchiaio di legno.

marmellatata-prova-consistenza

Rimettete la pentola sul fornello del gas e fate cuocere a fiamma bassa per altri 40-50 minuti. 

Mescolate e schiumate di tanto in tanto aiutandovi con un passino.

Fate la prova del piatto freddo, se la marmellata cola facilmente lasciate cuocere ancora in caso contrario spegnete il fuoco.

A cottura ultimata aggiungete il rum e mescolate bene per amalgamare il tutto.

Marmellata

Invasate la confettura di cachi bollente.

Marmellata di Cachi


Potrebbe interessarti: Cachi conservazione

Tappate i barattoli e poi capovolgeteli per alcuni minuti.

Lasciate raffreddare, mettete l’etichetta con data e il nome della confettura di cachi e poi conservateli in luogo buio e asciutto.

Marmellata di cachi con il bimby

E’ possibile preparare la confettura o marmellata di cachi anche con l’aiuto del bimby.

I passi sono analoghi alla ricetta senza bimby, ma prima della cottura è possibile fare amalgamare il tutto azionando il Bimby a velocità 6 per circa 10 secondi.

La cottura invece in questo caso sarà fatta direttamente nel bimby a 100 gradi con velocità 2 per circa 40-50 minuti.

Se durante la cottura la marmellata di cachi tende ad uscire dal bimby, abbassate la temperatura di cottura a 90°.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Varianti della marmellata di cachi

Confettura di cachi senza zucchero

E’ possibile fare in casa la Marmellata di cachi senza zucchero aggiungendo ogni 500 g di frutta una mela.

Confettura di cachi e noci

Una confettura più corposa. Si prepara come le altre aggiungendo però  50 g di noci spellate e tritate grossolanamente per un kg di cachi a fine cottura insieme ad un goccino di Marsala.

Consigli

La marmellata di cachi fatta in casa può essere insaporita anche con l’aggiunta di un pizzico di cannella o zenzero fresco grattugiato.

Potete confezionare i barattoli e regalarli a parenti e amici come gradito regalo di Natale.

Come frutta secca potete utilizzare anche nocciole e mandorle tritate.

Potete utilizzare questa deliziosa marmellata autunnale a colazione, spalmate sulle fette biscottate ma anche per preparare dolci, crostate e crostatine.

Cachi-frutti

Cose da sapere sui Cachi o Caki

Per conservare i cachi per lungo tempo ecco come fare: consevazione cachi

E’ un frutto dalle notevoli proprietà benefiche : Cachi proprietà

La pianta è di facile coltivazione nel frutteto : Cachi coltivazione

Cachi

Curiosità

I cachi nei paesi orientali erano simbolo di longevità ed erano chiamati con il nome di Mele d’Oriente. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’albero dei cachi è diventato il simbolo della pace: si dice infatti che a Nagasaki, dopo il bombardamento nucleare del 1945, gli unici superstiti nel terreno devastato e contaminato, furono soltanto alcuni alberi di cachi che, curati amorevolmente dal botanico giapponese Masayuki Ebinuma, si ripresero dalle loro ferite, infondendo nei cuori di chi era sopravvissuto alle radiazioni un segnale di speranza di vita che riprende dopo la guerra.

Galleria foto ricette marmellate Cachi

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica