Peperomia coltivazione


Peperomia-foto

La Peperomia è una pianta originaria del Brasile coltivata come pianta d’appartamento per il suo fogliame decorativo.

Peperomia-caperata-foto


Caratteristiche generali Peperomia

La Peperomia è una pianta erbacea di piccole dimensioni appartenente alla famiglia Piperaceae, una famiglia che conta circa 800 varietà di Peperomie che si differenziano per forma, colore e dimensioni delle foglie.

Peperomia-foglia

La cultivar più conosciuta è la Peperomia caperata, una piccola pianta erbacea perenne che, generalmente, si presenta ricca di foglie coriacee di colore verde carico solcate da nervature profonde e decorative di colore più scuro; i margini sono interi e ispessiti.

peperomia-pellucida

I fiori, vellutate e carnose infiorescenze a spighe di colore bianco -giallino, sono portati da steli carnosi che spuntano eretti dalla base delle foglie.

Peperomia-fiori

Fioritura: quasi tutte le varietà fioriscono nel periodo estate – autunno.

Peperomia-caperata

Coltivazione Peperomia

Esposizione: ama la luce ma non l’irraggiamento solare diretto; predilige le temperature intorno ai 18°e soffre le  le correnti d’aria fredda.

Terreno: anche se si adatta al comune terreno da giardino predilige un substrato misto con sabbia e torba, soprattutto ben drenato.

Annaffiature: annaffiare la pianta una volta a settimana immergendo il vaso direttamente in acqua e buttare via l’eventuale ristagno idrico raccolto dal sottovaso.

Concimazione: una volta la mese, da maggio a settembre, somministrare concime liquido per piante verdi opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature e in dose leggermente inferiore a quella indicata sulla confezione. In alternativa ogni 2 mesi distribuire ai piedi del colletto della pianta del concime granulare a lento rilascio equilibrato in macroelementi ed arricchito dei microelementi utili alla crescita e allo sviluppo della nostra peperomia.

Peperomia-tuisana

Moltiplicazione Peperomia

La Peperomia si propaga, come la violetta africana o Santapaulia, per talea di foglia, una tecnica di riproduzione molto semplice e sicura.

Nel periodo aprile – agosto, le foglie robuste e sane staccate dalla pianta madre si mettono a radicare, in una miscela di torba e sabbia, mantenuta umida, alla temperatura di 18-21 °C .

Talea-foglia-idroponica

Per favorire  l’attecchimento è consigliabile porre le talee in un luogo quasi al buio.
Dopo circa un mese comparirà un nuovo fusticino e, solo quando la piantina sarà abbastanza cresciuta potrà essere trapiantata in vaso e allevata con le stesse cure della pianta adulta.

Peperomia-obtusifolia

Rinvaso della Peperomia

Il rinvaso si effettua utilizzando un contenitore di qualche cm più grande del precedente. In genere va fatto quando le radici della pianta fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua di sgrondo. Il terriccio deve essere fresco e fertile e rinnovando il terriccio.

rinvaso

Cimatura o potatura

Per avere piantine di Peperomia cespugliose ricche e abbondanti di foglie, ogni tanto cimare i germogli vecchi per favorire l’emissione di quelli nuovi.

cocciniglia-cotonosa

Malattie e parassiti della Peperomia

Tra i parassiti animali, le Peperomie temono la cocciniglia cotonosa e il ragnetto rosso attaccano le piante quando l’ambiente è  eccessivamente caldo – secco.

La presenza dei parassiti viene rilevata da piccole ragnatele e fiocchi cerosi biancastri sotto le pagine inferiori delle foglie.

Cure e trattamenti

Eliminazione di foglie danneggiate; asportazione manuale dei parassiti con cotone idrofilo imbevuto in una soluzione di acqua ed alcool; eventuali trattamenti con prodotti specifici.

Peperomia-varietà

Varietà Peperomia

Tra le tante varietà ricordiamo le seguenti cultivar:

  • Peperomia caperata una pianta con caratteristiche foglie bollose;
  • la Peperomia pellucida con foglie luci, lisce e di colore verde brillante;
  • la Peperomia variegata, con foglie screziate di bianco;
  • la Peperomia tuisana con piccole foglie cerose.

Tossicità della Peperomia

Si tratta di una pianta erbacea che si può tranquillamente coltivare in casa in presenza di cani e gatti in quanto non rientra nella lista delle piante velenose per i nostri animali domestici e tra l’altro può essere maneggiata anche a mani nude poichè le sue foglie non sono taglienti e nè urticanti.

Curiosità

La peperomia (nome particolare e dal “retrogusto” piuttosto familiare, in effetti fu chiamata così nel passato per una certa somiglianza con il pepe ed altre spezie, soprattutto nelle foglie

Galleria foto Peperomia

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News
Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta