Fiori di campo

Fiori di campo per giardini

Quali sono i fiori di campo primaverili ed estivi che con i loro colori vivaci naturalizzano le aiuole dei giardini?  Quali sono quelli più resistenti e quelli che si adattano al pieno sole, all’ombra parziale, totale e alle varie tipologie di terreno? Come coltivarli e come stimolare le loro fioriture?

Fiori di campo primavea-estate

Esistono infinite varietà e tipologie di fiori di campo, primaverili ed estivi, selvatici e non, che regalano stupende fioriture miste dalle tinte sgargianti, tra le aiuole dei giardini, nei campi, negli orti, lungo le scarpate e anche tra le fessure dei muretti.

Alcuni sbocciano al pieno sole, altri a mezz’ombra e altri ancora all’ombra totale. Crescono in varie tipologie di terreno da quelli umidi a quelli aridi; resistono imperturbabili anche alle avverse condizioni climatiche, dalle gelate tardive al caldo afoso.


Leggi anche: Come realizzare campo da golf in giardino in poche mosse

Fiori di campo

Fiori di campo primaverili

I fiori di campo primaverili che segnalano la fine dell’inverno e l’arrivo della bella stagione sono tanti e tra quelli più diffusi e coltivati a scopo ornamentale ricordiamo alcune specie conosciute anche dai profani del giardinaggio.

Primula o

Primula

Le primule come  dice il loro stesso nome, sono i primi fiori della primavera. Abbelliscono aiuole, terrazzi, balconi con i grandi fiori dai petali  i sgargianti e festosi, ma anche tenui e delicati. vaso.

tulipano

Tulipano

I tulipani sono i fiori simbolo della primavera. Esistono varietà con quelli fiori singoli o doppi e tripli con corolla semplice o composta con petali monocromatici o screziati. Tra le tante varietà molto apprezzato per il suo alto pregio ornamentale è il tulipano nero.

crochi


Potrebbe interessarti: Fiori secchi come essiccare i fiori

Croco

I crochi primaverili con i loro bellissimi e svariati colori che vanno dal bianco al giallo oro dal malva al lilla, dal viola porpora fino al blu, sono tra i primi fiori che annunciano l’arrivo della primavera. Fanno  capolino tra le erbacee infestanti e tra le foglie secche che li hanno protetti durante il freddo dell’inverno. Esistono anche varietà di crochi autunnali.

Fresia

 

Fresia

Una pianta erbacea perenne composta da piccoli bulbi bianco perlacei resistenti e generosi.  Produce fiori profumatissimi a forma di piccole trombe con petali bianchi, gialli, verdi, porpora e talvolta anche con screziature contrastanti. Sbocciano ogni anno nei luoghi soleggiati o ombrosi nei campi aridi o umidi, tra gli sterpi e lungo le scarpate.

Anemone

Anemone

Una pianta erbacea perenne tappezzante con radice rizomatosa che appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee. La parte aerea della pianta, alta circa 15 cm, è composta da numerosi rametti ricchi di foglie lobate di colore verde scuro. La varietà Anemone blanda produce fiori a profusione fino all’estate.

fiordaliso-fiore

Centaurea o Fiordaliso

Una pianta erbacea che produce caratteristici fiori di colore azzurro molto decorativi e persistenti. A causa della raccolta indiscriminata per usi erboristici, allo stato spontaneo il Fiordaliso è in via di estinzione. Si coltiva facilmente anche in vaso.

Fiori di campo selvatici

Fiori di campo selvatici

Un mix di semi di fiori selvatici per naturalizzare le aiuole dei giardini con le stesse macchie di colore dalle più svariate tonalità del blu, del rosso, del rosa, del giallo, del rosso e del fucsia che madre natura ci regala generosamente nei campi incolti, negli orti, ai margini delle strade. Uno spettacolo floreale sorprendente per la gioia degli occhi con questi protagonisti dei campi che praticamente si disseminano da soli e fioriscono puntualmente ogni anno resistendo alle avversità climatiche.

Tarassaco

Tarassaco

Una pianta erbacea perenne che produce bellissimo fiori con corolla composta da numerosi petali ligulati di colore giallo carico. Cresce spontanea ovunque ben radicata al terreno grazie ad una radice a fittone molto robusta. Le foglie, ricche di vitamine (A, B, C, D) e sali minerali, hanno proprietà depurative, lassative, diuretiche  e vengono consumate crude in insalata o come ripieno di torte rustiche. I boccioli floreali si possono conservare sott’aceto o sotto sale e utilizzare come i capperi.  Il Tarassaco, comunemente chiamato dente di Leone, soffione o cicoria selvatica, è considerata una pianta infestante dei prati.

Centella asiatica-Tigre del prato

Centella

E’ una pianta spontanea selvatica a portamento tappezzante che produce piccolissimi fiori bianchi   fino all’autunno inoltrato. Trova largo impiego nel trattamento delle ferite, delle cicatrici e dlle smagliature.

viola-mammola-foto

Viola mammola

Una piantina spontanea presente su quasi tutto il territorio italiano. Ha foglie cuoriformi e produce  fiori profumatissimi nelle tonalità del blu, viola, lilla e azzurro.

Come non citare, infine, il mughetto, fiore delicato ma anche velenoso che inizia a sbocciare a inizio marzo. Intorno a questa pianta aleggia una leggenda molto particolare: si narra che i fiori siano nati dalle lacrime delle Vergini ai piedi della croce di Gesù.

Assieme al bucaneve, alle giunchiglie e al biancospino e ad altri fiori bianchi è uno dei candidi protagonisti delle nostre primavere.

Colchico-autunnale-fioritura

Colchico

cresce nei prati e nei pascoli delle zone submontane e montane dell’Europa centrale e meridionale. È spesso coltivato come pianta ornamentale.

pianta erbacea perenne, alta fino a 30 cm. Il bulbo, oblungo e avvolto da una tunica bruna, è costituito da due parti: il vecchio fusto e quello nuovo in vegetazione.
Le foglie sono avvolgenti, lanceolate, parallelinervie, di colore verde scuro. In Autunno, dallo stesso bulbo, in successione da 1 a 7, spuntano i fiori, rosa-viola, lungamente tubolosi, formati da 6 petali.
Il frutto è una capsula ovoidale allungata, deiscente, appena sporgente dal terreno, contenente numerosi semi rosso-bruni.

Giunchiglia-narciso

Giunchiglia

Una piccola bulbosa primaverile con lunghe foglie nastriformi sottili e fiori profumatissimi simili ai narcisi ma molto più piccoli da utilizzare anche recisi in composizioni floreali. I piccoli bulbi della giunchiglia possono essere lasciati sempre a dimora.

Bellis-perennis-pratolina

Pratolina

La margherita dei prati o Bellis perennis è una piantina erbacea spontanea presente in molte regioni d’Italia,. Cresce nei campi incolti, nei prati, lungo i margini delle strade, sentieri di campagna, nelle radure montane noncurante delle erbacce.

In primavera forma tappeti verdeggianti che contrastano con il bianco candido e il giallo del bottone centrale. I boccioli della pratolina vengono conservati sotto aceto e consumati come i capperi.

Adonis vernalis-Adonide

Adonide

La pianta ha un portamento cespitoso ed è provvista di una robusta e corta radice rizomatosa nerastra ipogea da cui si origina la parte epigea composta da più fusti esili, glabri di colore brunastro alti circa 30 cm, semplici alla base e ramificati verso le sommità. I fiori, portati all’apice degli steli, sono solitari e molto appariscenti; hanno  la corolla composta da lunghi petali di colore giallo-lucido e come quelli del ranuncolo selvatico, hanno forma ovale-lanceolata con la base stretta e parte mediana leggermente più larga. Fiorisce all’inizio della primavera, tra febbraio e aprile.

Linaria-Linaria vulgaris

Linaria

La Linaria o linaiola è una pianta perenne, erbacea, che in pieno sviluppo vegetativo raggiunge mediamente i 25 centimetri di altezza anche se non mancano esemplari alti circa 1 metro. E’ dotata di una radice rizomatosa con varie radici secondarie o avventizie da cui si dipartono numerosi stoloni che, in breve tempo generano nuove piante anche a distanza dal luogo di produzione. In tarda primavera produce  fiori gialli e raggruppati in dense infiorescenze a racemi o a spighe.

Ficaria-fioritura

Ficaria

La Ficaria una geofita bulbosa a portamento tappezzante composta da fusticini a portamento prostrato-ascendente aventi una forma tubulosa. In primavera forma un tappeto fitto e compatto con le sue numerose foglie verdi e coriacee. In primavera  produce moltissimi fiori simili a margherite aventi la corolla formata da 8-11 petali ligulati nettariferi di colore giallo lucido.

Malva-foto

Malva

La malva è un classico fiore di campo a 5 petali che cresce spontaneamente nei campi, punteggiandoli con il suo bel colore lilla e rosa.

fiore-bianco-trifoglio

Trifoglio

Anche il trifoglio bianco è molto semplice da mettere a dimora,

Come coltivare i fiori di campo?

Questi fiori si possono coltivare nei vasi, nelle fioriere, nelle ciotole e soprattutto in piena terra nei giardini e anche negli orti domestici.

Quando seminare i fiori di campo?

Il momento migliore per seminare i fiori di campo selvatici dipende dal clima: fine inverno se il clima locale è mite in primavera se il rischio delle gelate non è definitivamente scongiurato.

Come fare?

Per prima cosa si sceglie dove effettuare la semina o l’impianto dei bulbi e poi si prepara il terreno lavorandolo ben bene in modo da renderlo soffice soprattutto se è duro e compatto.

  • Si eliminano tutte le erbe infestanti e si bruciano.
  • Si mescola nel terreno soprattutto se povero del concime organico per arricchirlo dei nutrienti indispensabili alla germinazione dei semi, alla crescita delle piante e alla produzione dei fiori e lo si livella.
  • Si procede con la semina a spaglio se si tratta di un mix di semi; si compattano con un rullo per farli aderire al terreno.
  • Se si intende piantare le bulbose si fanno buche larghe e profonde il doppio delle dimensioni dei bulbi, distanziate tra loro a seconda della crescita della lor parte aerea.
  • Infine si annaffia per i primi giorni preferendo un’irrigazione a pioggia.

Potatura

Per prolungare le fioriture vanno eliminati, quando è possibile, anche i fiori appassiti.

Parassiti e malattie dei fiori di campo

Sono quasi tutti resistenti agli attacchi dei comuni parassiti animali e alle malattie fungine.

Cure

Durante il periodo vegetativo dei fiori di campo, vanno fatti controlli continui per evitare che le infestanti abbiano il sopravvento. Per prolungare le fioriture vanno eliminati, quando è possibile, anche i fiori appassiti.

Galleria foto fiori di campo

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.