Ferocactus coltivazione


ferocactus-succulenta


Il Ferocactus è una pianta succulenta facile da coltivare in appartamento e nei giardini rocciosi.

Ferocatus-succulenta


Caratteristiche generali del Ferocactus

Il Ferocactus è una pianta succulenta che appartiene alla famiglia delle Cactacee e come il conosciutissimo Cuscino della suocera ha una forma di palla con superficie appiattita dal quale si differenzia per il colore rossastro delle sue lunghe spine presenti in gran numero sulle diverse costolature.

Le spine robuste, fitte e uncinate sono foglie modificate.

Ferocactus-spine


Leggi anche: Ferocactus gracilis consiglio

La pianta adulta, circa 20 anni, può avere un diametro di 2 m. Tra le diverse specie i più diffusi sono: il Ferocactus latispinus e Ferocactus histrix.

Ferocactus-spine

Quando la pianta raggiunge la maturità (10 -20 anni di vita) produce i fiori, infiorescenze apicali, simili a quelli del Fico d’India, che si aprono di giorno e il cui colore varia a seconda della specie.

fiori hanno la forma di una campanula, dai colori vivaci, e si aprono di giorno per poi chiudersi al calar del sole.

+Ferocactus-fiore

Fioritura: alcune specie fioriscono in estate altre in autunno verso la fine dell’estate.

Gli esemplari coltivati in vaso fioriscono raramente.

Ferocactus-fioritura

Compaiono sulla parte apicale della pianta: i fiori hanno la forma di una campanula, dai colori vivaci, e si aprono di giorno.

Ferocactus-coltivazione

Coltivazione del Ferocactus

Esposizione: come tutte le piante succulente ed il Cuscino della Suocera, il Ferocactus ama le posizioni luminose e soleggiate per diverse ore del giorno.

In estate le piante allevate in piena terra richiedono leggere protezioni dai raggi diretti del sole. Le specie coltivate in vaso, nel periodo aprile- settembre, possono essere portate all’aperto.

La temperatura ideale di coltivazione dovrà aggirarsi tra i 20 e i 22°C.

Ferocactus-vaso

Terreno: predilige terreni sciolti e ben drenati, ideale il terriccio mescolato con sabbia e lapillo.

Annaffiature: scarse, in media 1-2 volte al mese oppure quando il terreno è completamente asciutto. Durante la stagione invernale, basta nebulizzare la pianta ogni 15 giorni.

Concimazione: in primavera, periodo della ripresa vegetativa, fornire del concime specifico per cactacee a basso tenore di azoto ( N) .

Ferocactus

Moltiplicazione del Ferocactus

La moltiplicazione del Ferocactus avviene per divisione dei cespi e per seme.

Ferocactus-divisione cespi

La  moltiplicazione del Ferocactus per divisione dei cespi è abbastanza semplice: basta indossare un paio di guanti di cuoio, prendere un fogli di giornale e poi con delicatezza tirare la piantina presente alla base della pianta madre ed interrarla subito in un vaso di piccole dimensioni.

La semina si effettua nel periodo marzo – aprile, interrando i semi in un terreno sabbioso.

Ferocactus-rinvaso

Rinvaso del Ferocactus

Gli esemplari giovani vanno rinvasati ogni anno mentre quelli adulti ogni 2 – 3 anni. Nell’effettuare tale operazione bisogna fare attenzione a non spezzare le spine (non ricrescono più) per non compromettere lo sviluppo della pianta.

Ferocactus-malattie

Parassiti e malattie del Ferocactus

Teme gli attacchi della cocciniglia un parassita che formano cuscinetti cotonosi tra le costolature, alla base della pianta e tra le spine;

ragnetto-rosso-tetranychus_urticae_with_silk_threads

il ragnetto rosso che tesse  delle ragnatele tra le spine; il marciume radicale causato dai ristagni idrici e dalle eccessive annaffiature.

Cure e trattamenti

Nebulizzare il Ferocactus ogni 15 giorni; rimuovere con un bastoncino imbevuto di alcol eventuali ammassi cotonosi; spolverare la pianta una volta al mese con un pennello o con l’aria fredda del fon.

Galleria foto Ferocactus

LauraB

Commenti: Vedi tutto