Amaryllis – Amarillis


Amaryllis-screziato

Gli amaryllis sono piante da appartamento dalla veloce crescita e dalla fioritura sicura, molto diffusi a scopo ornamentale e come fiori recisi.

Amaryllis-fioritura


Caratteristiche generali dell’amaryllis

L’amaryllis, detto anche BelladonnaAmarillide o Amarillis, appartenente alla famiglia delle Amaryllidaceae, è una bulbosa perenne facile da coltivare sia in vaso e sia in piena terra.

bulbi

Il bulbo, di grosse dimensioni, ha la forma sferica e quando riprende il ciclo vegetativo emette delle radici fascicolate ramificate e carnose; è rivestito esternamente da una spessa tunica di colore marrone simile a quelle del tulipano nella parte alta ha un colletto pronunciato.

Le foglie di colore verde scuro sono lunghe 15-20 cm; hanno consistenza carnosa, lamina glabra e margini lisci. Le foglie più grandi e più sviluppate tendono ad assumere un portamento arcuato  a causa del loro eccessivo peso. Le foglie generalmente compaiono dopo la fioritura.

Amaryllis-fiori

I fiori, simili a gigli,  sono molto vistosi e profumati. Sbocciano su sulle estremità terminali di  lunghi steli tubolari cavi di colore verde scuro, a gruppi di due o quattro. La corolla dal diametro di circa 20 cm, ha la forma di una grande tromba composta da grandi petali carnosi e morbidi di colore bianco, rosa, arancione, salmone, rosso intenso e talvolta anche screziati.

Fioritura

La fioritura avviene dalla tarda primavera fino all’autunno a seconda delle varietà.I fiori anche recisi persistono molti giorni anche nell’acqua.

Amaryllis-fiore

Coltivazione in vaso degli amaryllis

Esposizione

Ama i luoghi luminosi ma non il sole diretto. Teme il freddo e le temperature invernali inferioria

Terreno

Predilige i terreni soffici, umidi, ricchi di sostanza organica e ben drenati.Il substrato di coltivazione ottimale è un miscuglio di terriccio universale, pomice  un po’ di sabbia e del concime organico ben maturo.

Concimazione

Subito dopo la fioritura vanno effettuate concimazioni, ogni 20 giorni, con concime liquido specifico per bulbose  diluito nell’acqua delle annaffiature secondo le dosi consigliate. Dopo l’impianto dei bulbi concimare con concime a lenta rilascio o stallatico, mescolando il prodotto al terreno. L’ideale è distribuire anche un prodotto ricco di azoto e potassio nei mesi da luglio a ottobre.

Annaffiature

Vanno praticate con moderazione durante l’impianto del bulbo e con maggiore frequenza durante la fase della fioritura evitando i ristagni idrici. Dopo la fioritura sospendere del tutto le innaffiature.

Rinvaso

Si effettua generalmente una volta l’anno quando i bulbi hanno non hanno più spazio a disposizione. Si utilizza un vaso  o fioriera più grande, nuovo terriccio fresco e fertile misto sempre a materiale drenante.  In genere per ogni singolo bulbo occorre un vaso dal diametro di 20 cm.

amaryllis-foto

Moltiplicazione dell’amaryllis

L’amaryllis si riproduce per divisione dei bulbi e per seme.

Propagazione per divisione dei bulbi

Questa propagazione agamica va eseguita tra la tarda primavera o l’inizio dell’estate dopo il completo disseccamento delle foglie. Si estraggono i bulbi dal terreno e con molta accortezza e delicatezza si staccano i bulbi dalle aree laterali e si mettono a radicare subito in piena terra in un substrato fertile e arricchito con molta frequenza con un concime a base di fosforo. La produzione dei fiori richiede tempi abbastanza lunghi e generalmente non prima del terzo anno.

bulbi

Impianto bulbi di Amaryllis

I bulbi e i bulbilli si mettono a dimora, nel periodo autunno-inverno, da ottobre a febbraio, in buche profonde il doppio delle loro dimensioni e in vasi aventi un diametro di circa 20 cm riempiti con un  composto da parti uguali di terra da giardino, terriccio, sabbia e un po’ di materiale drenante (ghiaia o argilla) da stratificare  sul fondo del vaso. Il bulbo si impianta raso al terreno in modo da lasciare libero il colletto. Dopo la messa a dimora si annaffia moderatamente per far assestare il terreno.

pianta-dell-amaryllis

I bulbi maturi produrranno i fiori fin da subito mentre per la fioritura dei bulbilli bisogna attendere almeno 2 anni.

Amaryllis-Belladonna

Varietà di amaryllis

La specie più nota è l’Amaryllis Belladonna nota come Amarillide, ma troviamo anche l’Amaryllis:

  • advena,
  • atamasca,
  • vittata,
  • Minerva,
  • Black pearl,
  • zeylanicum,
  • punicea.


cociniglia-parassiti

Malattie e parassiti dell’Amaryllis

Gli amaryllis temono la cocciniglia e alcune malattie fungine come la muffa verde. I teneri germogli invece sono appetiti dalle lumache.

Cure e trattamenti

A fine fioritura, eliminare le foglie secche, riporre il vaso in un luogo buio e asciutto. Riprendere la coltivazione l’autunno seguente o dopo tre mesi. Contro le lumache sono efficaci le trappole, la cenere e anche la birra.

amaryllis

Amaryllis linguaggio dei fiori

L’amaryllis è il simbolo dell’eleganza e della timidezza.

L’Amaryllis è una pianta velenosa?

E’ una pianta velenosa sia per l’uomo che per gli animali domestici e da pascolo perchè le sue parti ed in particolare i bulbi contengono alcaloidi che fanno insorgere vomito, nausee, diarrea e convulsioni.

Non a caso le popolazioni indigene utilizzavano nelle soluzioni per avvelenare le frecce, anche il succo dei bulbi di questa pianta.

Galleria foto Amaryllis

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta