Trifoglio coltivazione ed usi

Trifoglio-trifolium

Il Trifoglio, Trifolium, è un genere di pianta erbacea appartenente alla famiglia delle leguminose comprendente circa 300 specie diffuse in tutte le regioni temperate.

trifoglio

Caratteristiche generali del Trifoglio

foglie-trifoglio


Leggi anche: Trifoglio campestre – Trifolium campestre

Il Trifoglio è una pianta erbacea perenne alta circa 30 cm.  Come le altre leguminose ha radici capaci di fissare l’azoto atmosferico .

Ha steli lunghi con foglie foglie trilobate  a bordi interi o leggermente dentellati.

trifoglio-rosa

fiori del trifoglio sono riuniti in infiorescenze a capolino portate sugli apici degli steli. Il colore dei fiori è bianco, giallo, rosa carico o rosso porpora a seconda della varietà.

trifoglio-bianco

Fioritura

Le piante di trifoglio coltivate a scopo ornamentale come il Trifoglio purpureo i cui fiori in boccio sono di colore indaco fioriscono nel periodo giugno – agosto.

fiore-bianco-trifoglio

Coltivazione del trifoglio

Esposizione

Il trifoglio è una pianta che cresce un po’ ovunque e senza problemi, in luoghi soleggiati e semiombrosi. Sopporta il caldo ma non resiste bene al freddo.

Terreno

Questa pianta spontanea si adatta a qualsiasi tipo di suolo, purché ben drenato anche se preferisce quelli a medio impasto, freschi e poco calcarei, con un pH che varia tra il 5 e il 7,5.

Annaffiature

Necessita di regolari annaffiature soprattutto durante la fase di germinazione dei semi e nei mesi estivi.


Potrebbe interessarti: Primula coltivazione

Concimazione

Per favorire la germinazione dei semi e la crescita delle piantine il terreno di coltivazione va arricchito di nutrienti con un fertilizzante organico.

Trifoglio: coltivazione in vaso

Questa pianta erbacea è facile da coltivare anche in vasi o lunghe fioriere rettangolari con terriccio specifico ben drenato.  Sarà sufficiente seminarlo, bagnare il terreno di tanto in tanto per godere di un mini prato fiorito.

trifoglio-foto

Moltiplicazione del trifoglio

Il trifoglio è una pianta che si riproduce molto facilmente e velocemente per seme.

Semina

La semina del trifoglio si effettua in primavera nelle regioni caratterizzate da un clima invernale rigido, tra settembre-ottobre in quelle in cui le temperature minime non scendono sotto i 4° C e tutto l’anno in quelle con inverni miti.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

I semi, piccoli e leggeri, vanno prima mescolati a sabbia o a terriccio e distribuiti a spaglio sul terreno ben lavorato, privo di erbe infestanti e poi ricoperti con un leggero strato di terreno mantenuto umido.
I semi germinano dopo solo 2 giorni. Dopo 48 ore dal terreno spuntano i germogli composti da 2 lobi e 2 lobi, un terzo dopo 5-6 giorni e piantine vigorose dopo 15 giorni .

trifoglio-selvatico

Malattie e parassiti del Trifoglio

E’ una pianta rustica che solitamente non agli attacchi dei comuni parassiti. Tra le malattie fungine è sensibile alla Ruggine, una malattia che si manifesta a carico delle foglie con la formazione di antiestetiche macchie marrone-rossicce. Teme anche la sclerotinia o mal dello sclerozio , una malattia causata da un fungo della famiglia degli Ascomiceti che porta alla morte delle piante per necrosi e che si manifesta in condizioni climatiche caldo-umide.

Cure e trattamenti

Il Trifoglio non richiede particolari cure manutentive necessita di trattamenti fitosanitari solo se affetto da malattie fungine.

Varietà di Trifoglio

Trifoglio rosso

Il Trifolium pratense, conosciuto anche come trifoglio violetto, è una piantina erbacea perenne alta 30-50 cm, diffusa allo stato spontaneo nei terreni incolti, nelle praterie e nei pascoli. Ha piccoli fusti ascendenti con foglie alterne trifogliate, con il margine leggermente dentellato. La foglia mediana ha il picciolo più lungo delle altre. Da aprile ad agosto, sui fusti compaiono 1 o 2 capolini di colore rosso-porpora. Generalmente viene seminato in autunno perchè è resistente al freddo. Viene utilizzato come erba da foraggio e come pianta officinale per lenire i sintomi della menopausa, per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, per prevenire l’osteoporosi, ecc.

Trifoglio-rosso

Trifoglio bianco o ladino

Il Trifolium repens, detto anche trifoglio rampicante, è originario dell’Europa, del Nordafrica e dell’Asia occidentale, coltivato a pascolo. E’ una pianta erbacea con foglie alterne,  trifogliate ovoidali e lisce, con bordi finemente dentati. Durante il periodo della fioritura, da aprile ad ottobre, produce infiorescenze a capolino di colore bianco, talvolta con sfumature color crema, verdastre o rosate che essiccando diventano brunastre.

Le foglie del Trifoglio bianco raccolte prima della fioritura, sono apprezzate in cucina come ingrediente di insalate e di minestre di verdure miste. Dai capolini e dai baccelli essiccati si ricava una farina assai nutriente e anche una profumatissima e benefica tisana.  Anche le radici sono commestibili, ma solo dopo essere state cotte.

Trifoglio-bianco

Trifoglio alessandrino

E’ una pianta annuale diffusa in tutte le regioni mediterranee. Ha steli eretti e cavi con foglie trifogliate, lungamente picciolate. Produce infiorescenze a capolino composte da piccoli fiori bianchi. La fioritura ha inizio dopo 120-150 giorni dalla semina nelle semine autunnali e dopo soli 40-60 giorni in quelle primaverili. Viene utilizzato prevalentemente come foraggio e la raccolta
viene effettuata quando la pianta ha appena emesso i germogli basali.

Il Trifoglio alessandrino  per crescere correttamente necessita di un clima temperato con temperature medie che si aggirano intorno ai 15-20 gradi. Resite fino ai 40 gradi e a lunghi periodi di siccità.

La semina va fatta in autunno o alla fine dell’inverno, interrando i semi in buche di massimo 1 cm di profondità, a file distanti almeno 15 cm.  Il Trifoglio alessandrino viene utilizzato anche per la produzione di semi. E’ pianta mellifera molto visitata dalle api.

Trifoglio alessandrino

Usi

Le sue radici ospitano dei batteri simbionti capaci di fissare l’azoto atmosferico e di conseguenza viene utilizzato nel sistema di rotazione delle colture per migliorare la fertilità il suolo.

Per la ricchezza di proteine viene seminato come foraggio per il bestiame di allevamento.

In molte regioni d’Italia viene seminato nelle zone agricole per sterminare le erbe infestanti in particolare l’Ambrosia di cui è antagonista.

In giardinaggio il Trifoglio è coltivato come pianta ornamentale per la formazione di tappeti erbosi.

Il trifoglio è una buona pianta mellifera e come officinale esplica una funzione diuretica.

foto-trifoglio

Trifoglio nel linguaggio dei fiori

Il trifoglio nel gergo dei fiori simboleggia la laboriosità.

Nomi inglesi del Trifoglio

In Inghilterra il Trifoglio bianco, Trifolium repens, viene chiamato White clover;  quello rosso, il Trifolium pratense, Red clover.

Curiosità

Il nome generico trifolium deriva dal latino e fa riferimento alle foglie ternate, il nome specifico  indica il suo habitat naturale o il colore dei fiori.

Galleria foto del trifoglio

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica