Oleandro rinvaso


Come e quando rinvasare l’oleandro o Nerium oleander? Come si effettua il rinvaso?

fiori-oleandro

L’oleandro è una splendida pianta ornamentale sempreverde che generalmente viene allevato in piena terra per siepi di separazione o per creare macchie di colori anche negli angoli smorti del giardino.

Per la facilità di coltivazione e per i suoi fiori molto decorativi con corolla semplice o composta, le cui tonalità di colore spaziano dal bianco al rosa, dal giallo al rosso, l’oleandro viene allevato in vasi e fioriere anche su balconi e terrazzi davanti casa.

pianta-oleandro

Rinvaso dell’oleandro

In questo secondo caso per la rapida crescita della pianta bisogna effettuare il rinvaso ogni anno per evitare che le radici occupino tutto lo spazio a disposizione impoverendo al massimo il terriccio che lo accoglie.

Rinvaso-pianta

Come effettuare il rinvaso dell’oleandro

  • Per effettuare il rinvaso per prima cosa bisogna acquistare un vaso più profondo e grande del precedente avente un diametro almeno di 80 cm.
  • Procurarsi del nuovo terriccio, il vecchio va sostituito del tutto in quanto troppo povero di elementi nutritivi; fornirsi di pezzi di terracotta e argilla espansa.
  • Aspettare l’arrivo della primavera e non annaffiare la pianta almeno per due giorni.
  • Munirsi di guanti perchè l’oleandro pur essendo una pianta molto bella è anche velenosa; soprattutto le foglie taglienti e i rami che spezzandosi lasciano fuoriuscire un lattice biancastro e vischioso altamente tossico.

rinvaso

Nell’effettuare il rinvaso è preferibile operare nelle prime ore del mattino e soprattutto in una giornata non ventosa.

Disporre sui fori di drenaggio dell’acqua del nuovo vaso, dei pezzi di terracotta; poi distribuire sul fondo uno strato di argilla espansa e uno strato di nuovo terriccio misto a torba e a stallatico maturo.

Torba-fibra

Dopo aver estratto l’oleandro dal  vecchio vaso, trasferirlo al momento nel nuovo e coprire tutto intorno l’apparato radicale con il terreno comprimendolo delicatamente per evitare la formazione di sacche d’aria dannose per le radici.

Dopo aver completato l’operazione del rinvaso dell’oleandro, annaffiare abbondantemente con acqua a temperatura ambiente; dopo 2 settimane somministrare del concime liquido specifico per piante da fiore diluito nell’acqua delle annaffiature secondo le dosi consigliate e riportate sulla confezione.

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta