Hovenia dulcis – Albero dell’uva passa

Laura Bennet
  • Dott. in scienze biologiche

Albero dell’uva passa- Hovenia dulcis

L’albero dell’uva passa è un fruttifero che può essere coltivato anche come ornamentale da ombra in tutti i giardini anche in quelli delle regioni caratterizzate da climi invernali molto rigidi.

Caratteristiche generali dell’albero dell’uva passa – Hovenia dulcis

L’Albero dell’uva passa, nome scientifico Hovenia dulcis, appartiene alla famiglia delle Rhamnaceae ed è originario dell’Asia. E’ diffuso fino a 2000 metri di altitudine in Cina, Corea e Giappone del Nord. E’ naturalizzato anche in molti Paesi europei mentre in Italia è poco conosciuto e rari esemplari sono presenti solo in Campania e in Sicilia.

Hovenia-dulcis-pianta esotica

La Hovenia Dulcis è un albero che in buone condizioni pedoclimatiche può raggiungere i 10 metri di altezza. Ha un apparato radicale espanso e profondo che la mantiene ben salda al suolo. Presenta un tronco eretto, rivestito da una corteccia grigiastra spessa e rugosa; chioma ramificata, per lo più globosa, molto frondosa nel periodo vegetativo.

Le foglie sono caduche, peduncolate, con lamine lanceolate-cuoriformi coriacee e lucide con marcate nervature. Sono di colore verde scuro ma nei mesi estivi prima di cadere dai rami assumono un colore violaceo.

I fiori, ermafroditi e bianchi, sono riuniti in grappoli sugli apici dei rami, portati da piccioli penduli che si dividono in maniera quasi esponenziale: da un picciolo ne partono altri due che a loro volta ne formano altri due fino a creare un disordinato intreccio. I fiori della Hovenia dulcis sono ricchi di nettare ed emanano un profumo intenso e dolce che attira le api ed altri insetti impollinatori.

I piccioli, la parte edule della Hovenia dulcis, a maturazione si ingrossano diventano morbidi e  assumono il colore e il sapore dell0uva passa

I veri frutti della Hovenia dulcis sono invece piccole bacche sferiche non commestibili che crescono sulle diramazioni dei piccioli . I frutti contengono due semi avvolti da hanno un guscio coriaceo sottile e biancastro. Generalmente maturano a fine agosto  nelle regioni con clima caldo, in autunno in quelle temperature più miti, lasciando cadere sul suolo i piccioli belli gonfi e dolci che possono essere agevolmente raccolti.

Hovenia dulcis-foglie -frutti

I semi dell’Albero di uva passa sono piccoli, piatti, lenticolari e non commestibili; sono durissimi, lucidi e rivestiti da un tegumento di colore marrone. La disseminazione avviene prevalentemente ad opera degli animali, soprattutto uccelli e formiche.

Fioritura

L’Albero dell’uva passa fiorisce dalla tarda primavera fino all’inizio dell’estate, generalmente da maggio ai primi di luglio.

Hovenia dulcis -coltivazione

Coltivazione dell’albero dell’uva passa – Hovenia dulcis

Esposizione

Questo bellissimo albero frondoso un albero per svilupparsi in modo vigoroso ha bisogno di molta luce, sole, una buona ventilazione e di molto spazio. Resiste ai venti forti e freddi e, se ben acclimatato, sopravvive a temperature invernali molto basse, fino a -25° C. I germogli teneri prodotti dalla pianta alla ripresa vegetativa vengono però danneggiati dalle gelate tardive primaverili.

Terreno

L’albero dell’Uva Passa anche se cresce ben in qualunque tipo di terreno per poter produrre frutti in abbondanza necessita di un terreno profondo fresco, sciolto, ricco di sostanza organica, a pH subacido e soprattutto ben drenato poichè, come tante altre piante, teme i ristagni idrici.

Annaffiature

La pianta adulta e ben stabilizzata si accontenta delle piogge mentre quella ancora giovane va annaffiata regolarmente per i primi due anni soprattutto in estate, generalmente ogni 15 giorni , quando il terreno è asciutto da più giorni per evitare pericolosi ristagni idrici.

Concimazione

In autunno, per aiutare la pianta a sopportare meglio il freddo, si consiglia una somministrazione di un concime a lenta cessione specifico per piante verdi ma non troppo ricco in azoto.

Moltiplicazione dell’albero dell’uva passa – Hovenia dulcis

La riproduzione avviene per seme in primavera e per via agamica o vegetativa nuove piante si possono ottenere per talea in tardo autunno.

Semina

Per ottenere con successo nuove piante di Hovenia dulcis è preferibile utilizzare i semi freschi, appena raccolti, in quanto a differenza di quelli secchi germinano facilmente e in breve tempo. Se invece si seminano quelli dormienti bisogna prima scarificarli con carta vetrata e aspettare almeno un anno prima di vedere spuntare i primi germogli.
La semina va fatta in primavera mettendo a germinare i semi in un substrato specifico mescolato a sabbia e tenuto umido fino alla comparsa dei germogli. Le nuove piante vanno fatte irrobustire singolarmente in vaso per almeno un anno e poste a dimora definitiva nella primavera successiva.

Moltiplicazione per talea

Un esemplare di Albero di uva passa identico a quello originale si può ottenere praticando talee semilegnose prelevate dagli apici dei rami, tra luglio e agosto,.

Impianto

La pianta di Hovenia dulcis si mettete a dimora in primavera in una buca avente dimensioni doppie del pane di terra che avvolge l’apparato radicale. Anche se resiste a venti intensi nei primi anni è bene sostenerla mettere un tutore. Dopo l’impianto si bagna ben bene il terreno e solo dopo 10-15 giorni si arricchisce di nutrienti con una somministrazione di concime minerale a lento rilascio. All’inizio dell’inverno, durante la fase giovanile della pianta, si può distribuire un concime organico utile a proteggerla dal freddo intenso e dalle gelate.

Hovenia dulcis – piccioli maturi-raccolta

Raccolta

I piccioli, ovvero la parte commestibile della Hovenia dulcis, si raccolgono maturi a fine agosto o all’inizio dell’autunno. Possono essere essiccati e conservati per tutto l’inverno.

Potatura

La Hovenia dulcis è un albero che non richiede interventi di potatura. Generalmente però alla fine dell’inverno, si consiglia di eliminare tutte le  parti secche o danneggiate dal freddo, utilizzando un attrezzo ben affilato e disinfettato con la candeggina o alla fiamma.

Parassiti e malattie dell’albero dell’uva passa – Hovenia dulcis

La Hovenia dulcis teme il marciume delle radici e la ticchiolatura una malattia fungina che forma macchie scure sulle foglie provocandone la caduta precoce.  . Se il clima è molto umido viene attaccata dagli afidi minuscoli parassiti animali che colonizzano la pagina inferiore delle foglie, i peduncoli e i fiori ancora in boccio.

Cure e Trattamenti

L’ Albero dell0uva passa non ha bisogno di cure particolari, praticamente cresce senza problemi anche nei periodi siccitosi.

Le infestazioni da afidi e le malattie fungine vanno contrastate con trattamenti specifici,  antifungini e antiparassitari a largo spettro, prima dell’arrivo dei mesi freddi.  Le foglie delle piante piante che sono state colpite da ticchiolatura  vanno raccolte e bruciate.

Usi in cucina

I frutti freschi, particolarmente dolci, della Hovenia dulcis vengono consumati prevalentemente nelle macedonie di frutta acidula; quelli essiccati trovano largo impiego nelle preparazioni di succhi, creme e paste, creme o succhi.

Usi commerciali

Il legno duro e compatto dell’Albero dell’uva passa, viene utilizzato in falegnameria per la produzione di mobili, strumenti musicali, utensili, manici per attrezzi, ecc.

Usi medicinali

Nella medicina popolare cinese i frutti vengono impiegati come antispasmodici, lassativi e febbrifughi. I semi macinati, invece, vengono utilizzati per favorire la diuresi e per neutralizzare gli effetti di ubriachezza ed intossicazione da alcool.

Usi in giardinaggio

La Hovenia dulcis viene coltivata  per il suo alto valore estetico come albero ornamentale da ombra nei giardini privati e nei parchi pubblici e anche come albero frangivento in molti Paesi europei. E’ una pianta ideale anche per consolidare terreni e pendii franosi.

Hovenia dulcis- Albero uva passa-piccioli e frutti

Nome inglese dell’Hovenia dulcis

In Inghilterra la Hovenia dulcis viene chiamata Chinese raisintree o Japanese raisintree, nomi che fanno riferimento ai luoghi di provenienza.

Tossicità della Hovenia dulcis

Questa pianta esotica non è tossica per l’uomo e neanche per gli animali domestici.

Curiosità

La Hovenia dulcis o Albero dell’uva passa porta il nome  in onore di David Hoven, un illustre  botanofilo olandese.

La pianta di Hovenia dulcis, comunemente conosciuta anche come Albero giapponese della resina, appartiene alla stessa famiglia del Giuggiolo.

Galleria foto Albero dell’uva passa – Hovenia dulcis