Facelia coltivazione


facelia-phacelia-tanacetifolia

La Facelia è una pianta erbacea coltivata per fertilizzare il terreno, per la lotta alle erbe infestanti, per la produzione di miele e anche come pianta ornamentale per i suoi grandi e bellissimi fiori.

phacelia-steli-foglie-fiori


Caratteristiche Facelia – Phacelia tanacetifolia

La Facelia, nome scientifico Phacelia tanacetifolia, è una pianta annuale della famiglia delle Hydrophyllaceae (Boraginaceae) originaria dell’America diffusa soprattutto nel Messico del nord, in California, nelle zone temperate del globo terrestre, in Europa ed anche in Italia tranne nelle regioni meridionali e in Sicilia.

La Facelia è dotata di un robusto e profondo apparato radicale che genera numerosi fusti eretti alti circa 1 metro.

Facelia-Phacelia-fiori-steli

I fusti sono cilindrici, cavi, di colore verde intenso e ricoperti per tutta la loro lunghezza da una fitta e corta peluria biancastra. Alcuni peli sono ispidi altri, come nell’ortica, sono ghiandolosi.

Le foglie, simili a quelle del Tanaceto, sono alterne, pennate e profondamente  divise in segmenti lanceolati, lobati o dentati. Il picciolo delle foglie è corto e lievemente ingrossato alla base. Le foglie che ricoprono gli apici degli steli sono più piccole di quelle basali. Anche le foglie sono pelose.

facelia-fiore

I fiori della Facelia tanacetifolia, riuniti in grandi e decorative infiorescenze globose spiralizzate, sono di un colore blu-violetto. La corolla dei fiori è composta da cinque petali che contornano cinque lunghi stami sempre di colore blu – violetto. I fiori della Facelia per la oro bellezza e persistenza vengono utilizzati anche come fiori recisi.

facelia-api

Per la produzione di polline e nettare di alta qualità i fiori della Facelia sono una vera e propria fonte di attrazione e di nutrimento degli insetti pronubi soprattutto delle api che producono uno dei mieli tra i più richiesti e apprezzati al mondo per le sue caratteristiche organolettiche.

I frutti sono piccolissimi semi dotati di un’alta capacità di germinazione e infatti non appena cadono al suolo autoseminandosi generano nuove piante.

Fioritura Facelia: la pianta produce una copiosa fioritura a partire dal mese di giugno.

facelia-coltivazione

Coltivazione Facelia

Esposizione: è una pianta rustica che ama i luoghi luminosi e soleggiati per molte ore al giorno.

Resiste al freddo solo nei primi stadi di sviluppo, mentre le piante più sviluppate sono sensibili al gelo invernale. In inverno la pianta dissecca e muore.

Terreno: cresce e si sviluppa in tutti i tipi di terreno anche se predilige quelli ben lavorati e ben drenati.

Annaffiature: è una pianta che si accontenta delle acque piovane ma nei periodi di prolungata siccità va irrigata regolarmente irrigata.

Concimazione: la Facelia non necessita di essere concimata in quanto sfrutta i nutrienti presenti nel terreno anzi alla fine del suo ciclo vegetativo lo renderà più fertile.

facelia-moltiplicazione

Moltiplicazione Facelia

La Facelia si riproduce per seme. Nelle regioni meridionali, caratterizzate da un clima mite, la semina può essere effettuata anche alla fine di febbraio, mentre in quelle del Nord e del centro Italia, bisogna aspettare la primavera in quanto la temperatura ideale richiesta per la germinazione non deve essere inferiore ai 13° – 18 °C.

Semina della Facelia

La semina si pratica generalmente a spaglio e direttamente a dimora in un terreno soffice e ben lavorato. I semi, circa 10 Kg per ettaro, vanno interrati ad una profondità di circa 5 cm.

I semi di Phacelia tanacetifolia germinano solamente al buio e, infatti, è stato dimostrato che la luce ha un effetto inibitorio sulla germinazione.

Dopo la germinazione le nuove piantine di Facelia vanno diradate a circa 20 cm l’una dall’altra.

Quando le piante avranno raggiunto un adeguato sviluppo, circa 50 giorni dalla semina, produrrano fiori in abbondanza per circa 2 mesi.

Raccolta Facelia

La raccolta della Facelia si effettua da maggio a Ottobre trinciando le piante e interrandole,  mediante aratura, a  20 – 25 cm di profondità. .
La massa verde, una volta interrata, contribuisce alla formazione dell’humus, migliorando la fertilità del terreno.

phacelia-facelia

Parassiti e malattie Facelia

Si tratta di una pianta rustica che non teme gli attacchi dei parassiti animali. Talvolta però le gli steli e le foglie di Facelia appaiono di colore nerastro a causa della fumaggine una malattia di origine fungina che insorge come conseguenza di infestazioni da parte della cocciniglia.

Cure e trattamenti

La Facelia non necessita di particolare cure; si estirpano solo le piante infette per evitare la diffusione a quelle vicine. I soliti trattamenti a base di zolfo e olio minerale in caso di attacco di cocciniglia sono sconsigliati per non danneggiare gli insetti pronubi e la qualità del miele da essi prodotto.

facelia-phacelia-usi

Usi Facelia

La Facelia si usa in alternativa alle leguminose come pianta da sovescio per concimare il suolo durante il riposo vegetativo del terreno in quanto lo arricchisce di azoto (N) e ne migliora la struttura.

Viene utilizzata anche diserbante naturale contro le erbe infestanti in quanto  rilascia particolari sostanze chimiche in grado di inibirne la crescita.

Nell’agricoltura biologica viene impiegata negli orti e nei frutteti per attirare gli insetti fitofagi come i sirfidi, innocui per le colture e gli insetti utili ma attivissimi contro gli afidi di cui si nutrono.

miele

La Facelia è apprezzata anche e soprattutto come pianta mellifera che, per la sua prolungata fioritura e per l’abbondanza di polline e nettare, permette alle api di trovare nutrimento anche in estate un periodo in cui la maggior parte delle altre piante hanno sono già sfiorite.

Inoltre la pianta è un ottimo foraggio per bovini ed equini.

scarabeide-insetti

E’ bene evidenziare che la Phacelia tanacetifolia va coltivata lontano dai campi agricoli in quanto attira anche altri tipi di insetti polifagi come la mosca minatrice e la cetonia che provocano danni alle radici, ai fusti e ai fiori.

Significato della Facelia – Phacelia tanacetifolia

Il nome della Phacelia deriva dal greco ‘phákelos’, che significa fascio o mazzo, in riferimento alla disposizione dei fiori sugli steli.
L’epiteto tanacetifolia dal latino ‘tanacetifolius’, si riferisce alle foglie che come premesso sono simili a quelle del genere Tanacetum.

facelia-foglie-fiore

Curiosità e linguaggio dei fiori

La Facelia viene coltivata anche come pianta ornamentale per la produzione dei fiori recisi.

Nei luoghi di origine la Facelia, per il colore dei fiori e la loro persistenza, è simbolo di armonia, di lealtà e coraggio.

Galleria foto Facelia – Phacelia tanacetifolia



Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta