Cassia coltivazione


Cassia-foto

La Cassia è una pianta coltivata a scopo ornamentale nei parchi, nei giardini e in vaso per la  bellezza dei suoi splendidi fiori simili a quelli del glicine, della robinia e della ginestra.


Caratteristiche generali della Cassia – Senna

La Cassia angustifolia, comunemente chiamata Senna, è una pianta cespugliosa annuale o perenne, a seconda della specie, originaria dell’Asia e dell’Africa.

La pianta appartenente alla famiglia delle Cesalpinacee (Fabaceae) si presenta come un fitto cespuglio con rami eretti e chioma arrotondata.

Come in tutte le piante perenni, la chioma della Cassia nelle zone con clima molto rigido può disseccare completamente, per poi spuntare l’anno successivo. La pianta tende a crescere sia in altezza e sia in larghezza.

Tra i fusti eretti ricoperti da un fitto fogliame composto da foglie lanceolate opposte e di colore verde chiaro spuntano numerosi grappoli di fiori gialli, riuniti in racemi ascellari che regalano splendide macchie di colore ad iniziare dal mese di marzo fino ai primi freddi dell’autunno.

Ai fiori seguono i frutti dei baccelli contenenti piccoli semi.

Fioritura: la fioritura della Cassia avviene in  periodi diversi a seconda delle specie, di solito inizia dalla tarda primavera fino all’autunno.

Cassia

Coltivazione della Cassia o Senna

Esposizione:  la Cassia ama i luoghi in pieno sole, riparati dai venti. Sopporta anche temperature di alcuni gradi inferiore allo zero.

Terreno: predilige terreni sciolti, misti a torba e sabbia, ricchi di materia organica  e ben drenati.

Annaffiature: gli esemplari allevati in piena terra generalmente si accontentano dell’acqua delle piogge e vanno annaffiati solo durante i periodi di prolungata siccità; quelli coltivati in vaso richiedono abbondanti apporti idrici sopratutto durante il periodo vegetativo e in estate.

Concimazione: somministrare ogni 3-4 mesi ai piedi della pianta del concime granulare complesso. In primavera somministrare del concime specifico per piante da fiore.

Cassia-fiori

Moltiplicazione della Cassia – Senna

La Cassia si riproduce per seme e talea. La semina si effettua in primavera mentre la propagazione per talea di rametti dell’anno a fine estate.

Le nuove piante, ottenute per seme e per talea, vanno allevate in singoli contenitori almeno per due anni prima di metterle a dimora in piena terra,  in fioriere o vasi più grandi riservando loro le stesse cure della pianta madre.

Rinvaso-piante

Rinvaso della Cassia

Le piante allevate in vaso vanno rinvasate in contenitori più grandi almeno ogni 2 anni o quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua del vaso. Il rinvaso va effettuato in una bella e soleggiata giornata primaverile utilizzando un terriccio misto composto da terra, torba e sabbia in parti uguali.

Potatura della Cassia

La Cassia non richiede veri e propri interventi di potatura, generalmente si eliminano solo i rami secchi e quelli danneggiati dal vento.

Malattie e parassiti della Cassia o Senna

Teme l’attacco degli afidi quando l’ambiente è eccessivamente umido, della cocciniglia e di alcuni funghi come Cercospora e Cladosporium.

cassia

Cure e trattamenti della Senna

In inverno è opportuno riparare l’apparato radicale della pianta con una buona pacciamatura di paglia o foglie secche.

All’inizio della primavera effettuare trattamenti  preventivi con prodotti specifici contro funghi e parassiti secondo le dosi consigliate.

Cassia-corymbosa

Varietà e proprietà di Cassia o Senna

Alcune specie come la Cassia corymbosa e la Cassia fistula possiedono proprietà officinali e vengono utilizzate come lassativi nella cura della stitichezza.

Cassia-fistula-foto

Galleria foto della cassia

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta