Agrifoglio


Agrifoglio

L’agrifoglio è coltivato a scopo ornamentale come arbusto per siepi o come alberelli in vaso isolati per l’abbellimento di terrazze e balconi.

agrifoglio-mahonia


Caratteristiche dell’agrifoglio –  Ilex aquifolium

L’agrifoglio, Ilex aquifolium, detto anche alloro spinoso o aquifoglio o anche pungitopo maggiore è una pianta spontanea, per lo più arbustiva, perenne e sempreverde della famiglia delle Aquifoliaceae originario dell’Europa centro-meridionale.

Presenta fusti ramificati e nel suo habitat naturale può raggiungere i 10 metri di altezza come arbusto e 20 metri come albero.

Le sue foglie a contorni spinosi, sono di colore verde lucido nella pagina superiore e verde opaco in quella inferiore.

Agrifoglio-varietà

Alcune forme ibride di agrifoglio presentano i margini screziati di colore giallo paglierino.

agrifoglio-Ilex-aquifolium

I fiori, persistenti e riuniti in mazzetti, hanno la corolla composta da piccoli 4 petali il cui colore varia: quelli femminili sono bianchi o rosa mentre quelli maschili sono gialli. L’agrifoglio è una pianta di colore bianco o con sfumature di rosa i femminili e gialli i maschili, essendo una pianta dioica.

I frutti sono drupe di colore rosso rubino chiamate anche bacche e sono presenti solo negli esemplari femminili.

Agrifoglio-albero

Fioritura

L’agrifoglio fiorisce in estate e talvolta anche nella tarda primavera.

Coltivazione Agrifoglio – Ilex aquifolium

Esposizione

E’ una pianta molto diffusa nel sottobosco pertanto predilige le posizioni semiombrose nelle zone a clima caldo e posizioni soleggiate nelle zone con estati miti.

Terreno

L’agrifoglio ama i terreni leggermente acidi, misti a torba e ben drenati.

Annaffiature

Va annaffiato regolarmente in primavera ed estate solo in casi di prolungata siccità poiché cresce bene con le piogge naturali.

Concimazione

Va concimato al momento dell’impianto, per favorire l’attecchimento, con una somministrazione di  letame maturo. In seguito, dalla primavera alla fine dell’autunno, ogni 30-40 giorni, saranno utili per la fioritura e la crescita rigogliosa della pianta, somministrazioni di un concime granulare a lento rilascio specifico per piante verdi equamente bilanciato in macroelementi azoto (N), potassio (K), fosforo (P) e anche dei microelementi essenziali per il processo fotosintetico.

Agrifoglio: coltivazione in vaso

E’ una pianta ornamentale che cresce ben anche in vaso purchè molto capiente  e riempito con terreno misto a torba e sabbia e ricco di humus. A differenza della pianta coltivata in piena terra, va annaffiato con moderazione almeno due volte a settimana. Per quanto riguarda le annaffiature e la pianta cresce in vaso, la si dovrà bagnare circa due volte a settimana, senza utilizzare una quantità d’acqua eccessiva.

Rinvaso

L’agrifoglio non ama i trapianti quindi non va rinvasato. generalmente per non traumatizzare le sue fragili radici si rinnovano solo 3 cm di terriccio.

Fiori di agrifoglio

Moltiplicazione dell’agrifoglio

La riproduzione dell’agrifoglio avviene per seme, talea e margotta.

Moltiplicazione per seme

La semina si effettua quando le bacche hanno raggiunto la completa maturazione. Generalmente si mettono a germinare in un terriccio specifico composto da sabbia e torba.

Propagazione per talea

La talea semilegnosa viene effettuata di solito in primavera o a fine agosto. La talea legnosa in autunno.

In entrambi i casi, tagliare un rametto a livello di un nodo lungo circa 8 -10 cm, lasciare solo 2 – 3 foglioline e interrarlo in un contenitore con terriccio misto a sabbia.

Dopo l’attecchimento, circa 30 giorni, si effettua il trapianto in vaso o la messa a dimora definitiva in piena terra.

Impianto o messa a dimora Agrifoglio – Ilex aquifolium

L’ Ilex aquifolium ha un apparato radicale molto sensibile e mal sopporta il trapianto e pertanto si consiglia di metterlo a dimora con tutto il pane di terra che avvolge le sue radici

pianta-agrifoglio

Potatura

L’agrifoglio ha una crescita molto lenta e quindi non richiede interventi di potatura veri e propri. Di solito, leggeri interventi apicali sono richiesti per dare una forma armoniosa alla pianta e per eliminare rametti secchi o danneggiati.

cocciniglia-neadi

Parassiti e malattie dell’agrifoglio

L’agrifoglio è una pianta rustica molto resistente alle avversità climatiche ma molto sensibile come tantissime piante ornamentali all’attacco della cocciniglia un parassita animale che si annida sui rami e sotto la pagina inferiore delle foglie formando densi ammassi biancastri.

I rami giovani e i teneri germogli invece sono i preferiti dagli afidi.

Tra le malattie fungine o crittogame teme:

Cura e trattamenti

L’agrifoglio è una pianta a bassa manutenzione e non necessita di particolari cure.

I trattamenti per debellare gli attacchi dei parassiti vanno effettuati con prodotti specifici. f.

Agrifoglio

Usi e significato dell’agrifoglio

L’agrifoglio viene utilizzato in giardinaggio come pianta ornamentale da vaso o in giardino come elemento singolo,per realizzare siepi di separazione spinose e come arredo urbano per la sua elevata resistenza all’inquinamento. E’ facile da coltivare anche nei giardini costieri perch tollera bene il vento salmastro.

Il legno viene usato per lavori artigianali; le foglie servono per preparare tisane che aiutano a combattere l’influenza, il raffreddore e i reumatismi; le radici per la loro azione drenante e  diuretica.

Agrifoglio-varietà

Agrifoglio velenoso

Anche se usata in fitoterapia si tratta di una pianta velenosa. Ingerire le bacche può provocare vomito, diarrea, torpore e l’ingerimento di una moltitudine di bacche può rivelarsi mortale per via dell’ilicina, una sostanza tossica per l’uomo.

Tra i principi attivi annoveriamo i glucosidi simil-digitalici, le ilexantine, le saponine, la xantina, la ilicina e la teobromina.

Agrifoglio- usi

Linguaggio dei fiori e significato

Nel linguaggio dei fiori l’agrifoglio come il pungitopo, il vischio ed altre piante natalizie simboleggia la fortuna infatti non c’è pianta migliore dell’agrifoglio per augurare un anno nuovo positivo e generoso. E’ anche simbolo di vittoria, di forza e di vigore fisico.

agrifoglio-confezione-natalizia

I rametti di per abbellire le case durante le feste natalizie ad esempio nelle confezioni natalizie

Agrifoglio-usi

Varietà di Agrifoglio

Esistono molte specie di piante di agrifoglio  che differiscono per dimensioni, per colore del fogliame e velocità di crescita.

Agrifoglio crispa aurea picta

Un arbusto sempreverde con foglie spesse  e cuoiose. La pagina superiore delle foglie presenta una macchia centrale di colore giallo verde. Produce bacche rosse che maturano verso la fine di novembre.

Agrifoglio argentea marginata

Un arbusto sempreverde con  rami verdi, foglie rosate a margini bianchi, e bacche rosse che maturano in inverno e persistono sui rami fino alla primavera. E’ facile da coltivare anche in vaso.

Agrifoglio ferox

Una varietà non è adatta ad uno spazio ridotto. In pieno sviluppo vegetativo, 20.50 anni, raggiunge i 3,5 metri di altezza e 3 metri in larghezza.  Ha foglie persistenti dotate di spine sulla pagina superiore.

Agrifoglio variegato

Ilex aquifolium Ferox argentea, è un arbusto ornamentale sempreverde, con piccole foglie  molto spinose a variegatura bianco-crema o giallo-verde. Produce dei piccoli fiori bianchi che si trasformano in bacche rosse che maturano in inverno. Ha una crescita lenta, può raggiungere nel tempo un’altezza tra gli 1,5 e i 3 metri.  Ideale per siepi, bordure arbustive o come esemplare isolato. Ha un’elevata resistenza alla potatura e al freddo (-10°/-15°C). Cresce bene a mezz’ombra e in pieno sole. La distanza di impianto consigliata è di 50 – 70 cm.

Ilex verticillata

Questa specie perde le foglie e i frutti di colore rosso rubino sono quindi presenti sui rami nudi. I rami  simili a coralli vengono utilizzati per le composizioni natalizie

Galleria foto ed immagini dell’agrifoglio

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta