Stoccafisso all’ anconetana


Stoccafisso all’ anconetana

Sommario

Lo stoccafisso all’anconetana è il piatto tipico della tradizione natalizia nelle Marche che potrebbe rientrare nel menù di Natale: ricetta, ingredienti, dosi, preparazione, calorie e foto.

Tempo di preparazione:
45 minuti
Tempo di cottura:
2 ore
Quantità:
6

Ingredienti Ricetta

  • Stoccafisso 1 kg
  • Carota 1
  • Sedano 1 costola
  • Cipolla 1
  • Pomodori pelati 500 g
  • Filetti di acciughe 4
  • Conserva di pomodoro 1 cucchiaino
  • Patate 300g
  • Sale e pepe q.b
  • Olio extravergine di oliva 8 cucchiai
  • Maggiorana 1 pizzico
  • Prezzemolo q.b

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 720

stoccafisso-all’anconetana-ricetta



Preparazione dello stoccafisso all’anconetana

Si tratta di un secondo piatto a base di pesce (lo stoccafisso) condito con patate e una salsina al pomodoro ricca di aromi (maggiorana, cipolla, sedano, prezzemolo).

stoccafisso-anconetana-ingredienti

Acquistare un bel filetto di stocco già ammollato.

stoccafisso-lavaggio

Eliminare tutte le spine dallo stoccafisso e tagliarlo a pezzi abbastanza grossi senza togliere la pelle. Risciacquare lo stoccafisso ben bene sotto il getto dell’acqua fredda e farlo sgocciolare.

Asciugare lo stocco con la carta assorbente da cucina o con un canovaccio pulito.

stoccafisso-asciugatura

Pulire la cipolla, eliminare le foglie esterne danneggiate e poi tritarla grossolanamente.

soffritto-cipolla-sedano

In una casseruola versare mezzo bicchiere d’olio d’oliva per soffriggere la cipolla.

Appena questa inizia a dorarsi aggiungere un trito di carota, sedano e prezzemolo, quindi unire anche la maggiorana, il sale, il pepe e la poltiglia di acciughe.

soffritto-pelati-sedano-cipolla

Far rosolare il tutto, poi unire il pomodoro passato al setaccio insieme alla conserva. Aggiustare di sale, mescolare e continuare la cottura anche mezz’ora dopo l’ebollizione.

stoccafisso-pomodoro

Prendere un tegame di terraglia e su di esso accomodarvi i pezzi di stoccafisso, versarvi la salsa, l’olio rimasto, le patate e inondare tutto con il latte (questo ingrediente serve a rendere la carne dello stoccafisso morbida e delicata, mentre dona un colore meraviglioso alla salsa).

stoccafisso-anconetana-cottura

Far prendere l’ebollizione, aggiustare di sale poi coprire il tegame con il coperchio e infornarlo. Scuotere il tegame di tanto in tanto prendendolo per i manici senza aprire il coperchio e rimestare.

A cottura ultimata e il sughetto si sarà addensato, estrarre il tegame dal forno, lasciare riposare qualche minuto, poi impiattare e servire lo stoccafisso in tavola ben caldo con qualche fetta di pane casereccio fresco o leggermente tostato.

stocco-stoccafisso

Consiglio

Se non piace il sapore delle acciughe si possono sostituire con un po’ di vino bianco secco che va irrorato sullo stoccafisso quando si aggiungono le patate.

stoccafisso-stocco

Curiosità e proprietà dello stoccafisso

Lo stoccafisso è merluzzo essiccato. Dopo la pesca il merluzzo viene pulito, lasciato intero e fatto essiccare su rastrelliere all’aperto per 90 giorni, poi l’essiccazione viene prolungata per altri 3 mesi in ambiente secco e ventilato. Il nome stoccafisso deriva dal tedesco Stock che significa pesce a bastone.

Anticamente ed ancora oggi in molte regioni italiane in particolare la Campania lo stoccafisso viene comunemente chiamato stocco e viene utilizzato per la preparazione di una famosa ricetta: Accio, stocco e patane che per antica tradizione rientra nel menù di Natale.

Lo stoccafisso come il baccalà, prodotto ricco di proteine, sali minerali e omega 3 ma povero di grassi e di sodio, viene importato soprattutto dalla Norvegia, la patria di produzione. Per l’elevato contenuto dell’amminoacido arginina (1,8 g per ogni 100 grammi) lo stoccafisso viene considerato un potente afrodisiaco.

Galleria foto ricette stoccafisso

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta