Stromanthe – Stromanthe sanguinea


Stromanthe sanguinea

La Stromanthe sanguinea è una pianta ornamentale d’appartamento apprezzata per il suo fogliame variegato dal design decorativo.


Caratteristiche generali della Stromanthe sanguinea

La Stromanthe sanguinea è una pianta perenne, sempreverde della famiglia delle Amarantaceae originaria dell’America meridionale.

La pianta si presenta con una robusta radice rizomatosa strisciante e varie radici secondarie o avventizie che genera un folto cespuglio di foglie ornamentali. Gli steli fogliari, alti circa 60 cm, sono cilindrici, carnosi di colore rosso-verdastro e da eretti tendono, sotto il peso delle foglie, tendono ad assumere un portamento leggermente arcuato.

Stromanthe sanguinea-foglie

Le foglie hanno forma ovata o lineare-lanceolata, con pagina superiore lucida e glabra di colore verde intenso e variegature color crema. La pagina inferiore invece è opaca e di colore rosso sangue aspetto che ha conferito il l’epiteto specifico  alla pianta. I bordi o margini fogliari sono lisci.  Le foglie sono lunghe 25-30 cm.

Stromanthe-fiori

I fiori, raramente prodotti dalle piante coltivate in appartamento, sono riuniti in infiorescenze a pannocchie, portate alle estremità apicali degli steli. Ciascun fiore, a forma di coppa, è protetto da brattee simili a piccole spate di colore rosso, giallo o bianco . In inverno la Stromanthe entra in riposo vegetativo e, in primavera il suo risveglio viene annunciato dalla emissione di nuove foglie che si presentano accartocciate come coni di gelato.

Fioritura

La pianta in natura produce fiori a profusione, in appartamento solo di rado.

Stromanthe sanguinea -coltivazione

Coltivazione della Stromanthe

Esposizione

Va coltivata in un luogo luminoso ma non  esposta ai raggi diretti del sole che potrebbero causare bruciature vistose all foglie. In estate la pianta può essere portata all’esterno in un luogo riparato dai venti e dai raggi solari diretti. Non appena le temperature calano sensibilmente al di sotto dei 15-20° C, la Stromanthe va ricoverata nuovamente in appartamento. In inverno è consigliabile tenere la pianta anche lontano da fonti di calore (camino e termosifone o stufe) in locali a temperatura non inferiore ai 18° C. Teme anche le correnti d’aria.

Terreno

Ama il terreno sciolto, soffice, ricco di sostanza organica e ben drenato. o Il substrato ideale di coltivazione è un miscuglio composto da gran parte di terriccio universale e piccole quantità di cortecce sminuzzate e pietra pomice.

Annaffiature

E’ una pianta che ama il terreno costantemente umido ma non fradicio pertanto va annaffiata regolarmente con apporti idrici moderati almeno 1 volta a settimana da marzo a novembre. In estate, se tenuta all’aperto necessita di annaffiature  a giorni alterni e di nebulizzazioni fogliari con acqua preferibilmente piovana o potabile fatta però decantare almeno per un giorno. In inverno invece basta tenere il terreno umido senza farlo asciugare completamente e svuotare sempre il sottovaso dall’acqua di sgrondo per evitare il rischio del marciume delle radici.

Stromanthe-rinvaso

Concimazione

E’ una pianta che ama il terreno ricco di nutrienti e pertanto, dalla primavera all’estate, necessita di somministrazioni di un concime liquido a basso tenore di azoto diluito nell’acqua delle annaffiature secondo le dosi riportate sulla confezione del produttore.

Rinvaso

Il rinvaso  va fatto ogni anno, in primavera.durante la stagione primaverile. E’ necessario usare un contenitore più ampio e profondo per permettere alla pianta di sviluppare il suo apparato radicale.

Ecco come procedere:

  1. si estrae delicatamente la pianta dal terreno per non danneggiare la radice;
  2. con un coltellino ben affilato si eliminano eventuali radici secche o marce;
  3. si mette sul fondo del vaso del materiale drenante;
  4. si mettono dei pezzi di coccio sui fori di drenaggio dell’acqua delle annaffiature;
  5. si copre il fondo del vaso con una manciata materiale drenante;
  6. si aggiungono 4-5 cm di terreno adatto e poi inserisce la pianta;
  7. si aggiunge terreno fino al colletto e lo si compatta tutto intorno con le mani;
  8. si annaffia il terreno per favorire l’attecchimento della radice nella nuova dimora;
  9. si nebulizzano le foglie con acqua a temperatura ambiente, non calcarea;
  10. infine si rimette il vaso nello stesso posto di prima.

Stromanthe-potatura

Potatura

La Stromanthe non va potata. Si asportano solo le foglie secche per avere una pianta sempre esteticamente bella e cosa importante evitare che esse marcendo possano essere veicolo di infezioni fungine.

Stromanthe-moltiplicazione

Moltiplicazione della Stromanthe

La pianta in natura, nei luoghi di origine si riproduce per seme, da noi viene propagata per via agamica per divisione dei cespi o dei rizomi e per talea di steli.

Propagazione per divisione dei cespi

Questo metodo di propagazione agamica o vegetativa si effettua alla fine dell’estate o all’inizio della primavera prima del risveglio della pianta.

Quindi si procede come segue:

  1. si estrae la pianta dal vaso; si puliscono delicatamente i rizomi dal terreno;
  2. si tagliano quelli più sviluppati in più porzioni provviste di radici ben sviluppate;
  3. si mettono al momento stesso in vasi singoli aventi dimensioni adeguate al loro sviluppo e terriccio specifico;
  4. si mettono i vasi in un luogo luminoso a temperatura costante di 22-24° C;
  5. si mantiene il terriccio umido utilizzando acqua a temperatura ambiente;
  6. l’emissione di nuovi germogli è segno dell’avvenuta radicazione a radicazione e i nuovi esemplari vanno curati come la pianta madre.

Propagazione per talea

Nuovi esemplari di Stromanthe si possono ottenere anche per talea di steli, all’inizio dell’autunno.

In questo caso bisogna tagliare, con un coltello ben affilato e disinfettato steli forti e sani a livello di un nodo provvisto di un ciuffo di foglie. Le talee si prelevate, si mettono a  radicare, in un cassone contenete un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, mantenuto umido, coperto da una pellicola trasparente e alla temperatura di 24 °C. A radicazione avvenuta si rimuove la copertura; si lasciano irrobustire le nuove piante e solo quando le radici saranno ben sviluppate  potranno essere trasferite in vasi singoli.

ragnetto-rosso-tetranychus_urticae_with_silk_threads

Parassiti e malattie della Stromanthe

Tutte le specie di Stromanthe sono sensibili ad alcune malattie fungine come:

  • la ruggine, che forma vistose macchie brune sugli steli e soprattutto sulle foglie;
  • il marciume radicale, una malattie fungina che attacca le radici e ne provoca la marcescenza;
  • la fumaggine, una malattia che si manifesta come conseguenza agli attacchi parassitari, coprendo le foglie con ammassi di polvere nerastra simile alla fuliggine del camino.

Tra i parassiti animali le piante di Stromanthe temono:

  • la cocciniglia cotonosa e quella a scudetto (cocciniglia bruna), che generalmente si annidano sui nodi fogliari e la parte bassa degli steli. La prima forma ammassi cotonosi biancastri mentre la seconda un aspetto nerastro e appiccicoso causato dalla melata;
  • il ragnetto rosso, un acaro che si sviluppa facilmente in ambienti caldi e secchi, tessendo  c ragnatele scure sotto pagina inferiore delle foglie e tra gli steli.

Cure e trattamenti

Le foglie della Stromanthe vanno nebulizzate spesso e periodicamente spolverate con uno straccio umido per mantenerle sempre lucide e per prevenire l’attacco dei parassiti. Per rimuovere eventuali parassiti sono utili i lavaggi fogliari con una soluzione saponosa seguiti da abbondanti risciacqui. In alternativa cocciniglie o acari possono essere rimossi manualmente con un batuffolo di cotone intriso di alcool. In presenza di attacchi massicci, le parti colpite vanno rimosse e bruciate oppure trattate con  prodotti anticoccidici o antifungini. Gli attacchi da acari vengono contrastati invece  assicurando alle piante un adeguata umidità ambientale con frequenti nebulizzazioni o ponendo ne sottovaso una manciata di ciottoli tenuti sempre bagnati.

Stromanthe-varietà

Varietà e specie di Stromanthe

In natura si trovano 13 diverse specie di Stromanthe e tra le varietà più diffuse ricordiamo:

Stromanthe varietà Triostar

E’ la pianta più decorativa in assoluto. Forma folti cespugli di foglie di colore verde-azzurro striate di bianco. I teneri germogli sono rosso-porpora. E’ molto caratteristica anche nel comportamento: in assenza di luce e dopo il tramonto del sole, le foglie si chiudono per riaprirsi al mattino successivo.

Stromanthe jacquinii o Stromanthe  lutea

E’ una varietà originaria del Venezuela e della Colombia. Forma  cespugli alti 35 cm composti da steli molto ramificati, che portano foglie ovato-ellittiche appuntite di colore verde carico. In inverno o nel periodo primaverile, produce fiori di colore giallo arancio, avvolti da brattee della stessa colorazione.

Stromanthe porteana

Una specie nativa del Brasile. Presenta foglie cuoiose, di forma oblungo-lanceolata, con la lamina  superiore liscia e di colore verde scuro con macchie argentee tra le nervature. La pagina fogliare inferiore invece è leggermente rugosa e opaca.

Stromanthe ramosissima L.Anderson

E’ una specie originaria delle foreste dell’Ecuador. Presenta grandi foglie di colore verde pallido simili a quelle della canna indica e produce fiori gialli.

La Stromanthe è velenosa?

Questa bellissima pianta ornamentale non fa parte della lista delle piante d’appartamento pericolose per l’uomo e gli animali domestici. Non è velenosa neanche irritante per contatto.

Curiosità

Il nome della Stromanthe deriva dal greco stroma (letto) e anthos (fiore)  e si riferisce alla’infiorescenza bratteata.

Galleria foto Stromanthe

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta