Potunia – Petunia Hybrid


Potunia-fiori neri

La Potunia è una pianta ornamentale simile alla petunia facile da coltivare in vaso e in piena terra nelle aiuole dei giardini ed è apprezzata per la sua copiosa fioritura che perdura fino all’inizio dell’autunno e per la resistenza alle avversità.

Potunia-Petunia Hibrid


Caratteristiche generali della Potunia

La potunia, nome scientifico Petunia Hybrid, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Solanaceae, originaria del Brasile e ottenuta per ibridazione delle pianta di petunia è forse la pianta di aiuola, da bordura, da terrazzo e da balcone più diffusa, più conosciuta e maggiormente coltivata in Italia. Originaria del Brasile è una pianta perenne a portamento strisciante.

La pianta è provvista di una radice fascicolata abbastanza sviluppata che in poco tempo dà vita a un folto cespuglio dalla forma tondeggiante

I numerosi rametti variamente ramificati sono eretti, esili, sottili, pubescenti e di colore verde scuro.

Le foglie sono obovate-lanceolate con margini interi e pagina di colore verde chiaro. Anche le foglie sono ricoperte da una corta ma fitta peluria e appiccicose al tatto ma, a  differenza di quelle della petunia, sono gradevolmente profumate.

Potunia-ibrida

I fiori della pianta della Potunia, grandi e vistosi, sono imbutiformi con corolla composta dalla fusione di 5 petali di colore rosa, bianco, giallo-crema, rosso, blu scuro, lilla, nero vellutato talvolta screziato ai margini e quasi tutti con gola di una tonalità diversa. Anche i fiori sono appiccicosi e pelosi.

Potunia-fiori rosa

Fioritura

La fioritura avviene nel periodo primavera-autunno, generalmente da marzo fino ad ottobre a seconda delle condizioni climatiche.

Potunia-coltivazione

Coltivazione delle Potunia

Esposizione

E’ una pianta che per poter fiorire copiosamente va coltivata in luoghi riparati dal vento e soleggiati per molte ore al giorno. In luoghi semiombreggiati la potunia sviluppa in lunghezza steli poco ramificati e stenta a produrre i fiori. Tollera bene il caldo dell’estate ma non resiste alle temperature rigide invernali temperature al di sotto dei 5 ° C. Come la petunia classica teme la pioggia battente.

Terreno

Anche se si adatta al comune terreno da giardino, predilige terreni ricchi di sostanza organica e soprattutto ben drenati. Il substrato ottimale e un miscuglio di terriccio universale con l’aggiunta di una parte di sabbia o altro materiale drenante per scongiurare il rischio del marciume delle radici.

Annaffiature

La potunia è una pianta che ama il terreno leggermente umido e quindi va innaffiata regolarmente per tutto il ciclo vegetativo. Non sopporta l’aridità del terreno e quindi nei periodi di grande caldo va annaffiata con moderazione 1 volta al giorno, al mattino presto o la sera dopo il tramonto del sole avendo l’accortezza di non bagnare le foglie e i fiori per evitare l’insorgenza di malattie fungine. In autunno e in inverno le irrigazioni vanno diradate al minimo indispensabile qualora il terreno risultasse asciutto.  Un terriccio troppo umido provoca il marciume delle radici.

Concimazione

Come le altre varietà di petunie tipo la calibrachoa o petunia nana, necessita di nutrienti per tutto il periodo vegetativo quindi va concimata, ogni 15 -20 giorni , dalla primavera all’inizio autunno, con del concime liquido per piante fiorite  opportunamente diluito nell’acqua delle annaffiature e secondo le dosi consigliate dal produttore. Il fertilizzante specifico deve contenere azoto (N), fosforo (P) e potassio (K) in parti uguali.

Coltivazione in vaso della Potunia

Potunia-fiori-screziati

Coltivazione in vaso della Potunia

E’ una pianta adatta anche ad essere coltivata anche in vaso o in larghe fioriere di terracotta utilizzando della ghiaia sul fondo per favorire il drenaggio dell’acqua.

Come terriccio quello universale misto a una parte di sabbia.

La pianta acquistata in vivaio deve essere in perfetta salute con steli eretti, foglie brillanti e priva di macchie brunastre.

Quando si travasa, le radici vanno leggermente e delicatamente districate per eliminare l’effetto vaso.

Si mette la pianta nel vaso e si colmano gli spazi vuoti con terriccio fino al colletto. Si compatta il terreno con le mani e si annaffia per facilitare l’attecchimento nella nuova dimora.

Potunia-abbinamenti

Trapianto e abbinamenti

Prima di effettuare il trapianto, si inumidisce ben il terreno della piante. Si estraggono dal loro contenitore e dopo aver leggermente e delicatamente districate le radici per eliminare l’effetto vaso mettono in buche distanziate tra loro 30-40 cm. Si colmano gli spazi vuoti con terriccio fino al colletto. Si compatta il terreno con le mani e si annaffia per facilitare l’attecchimento nella nuova dimora.

Potunia-rinvaso-trapianto

Per  la coltivazione in un vaso di 30 cm di diametro si consiglia di trapiantare una sola specie per realizzare aiuole fiorite le piante di potunia possono essere intervallate con piante di Verbena. Dopo il trapianto irrigare per agevolare l’attecchimento della piantina nel nuovo substrato.

Potunia-moltiplicazione

Moltiplicazione della Potunia

La pianta si riproduce per seme all’inizio della primavera in semenzaio protetto e caldo o direttamente in piena terra quando il periodo delle gelate notturne è ormai passato.

Per la semina si utilizzano contenitori alveolati con terriccio specifico.

  1. Si mettono 1-2 semi per ogni alveolo ad una profondità di 0,5 cm;
  2. si compatta lievemente quello sovrastante e lo si inumidisce con leggeri spruzzi di acqua.
  3. Il semenzaio va posto in un luogo riparato e a temperatura costante di 18° C.
  4. Se la semina viene fatta a dimora, i semi di Potunia vanno coperti con un leggero strato di terriccio universale.
  5. La germinazione generalmente avviene dopo 12-15 giorni.
  6. Quando le piantine saranno abbastanza robuste da poter essere maneggiate vanno diradate a distanza di circa 15 cm l’una dall’altra o trapiantate in singoli vasi.

Potunia-ibrida-gialla

Potatura

La Potunia a differenza della petunia o della surfinia non va potata ma solo cimata. Si spuntano di poco solo gli steli con i fiori appassiti utilizzando forbici ben affilate e disinfettate. Si recidono alla base solo quelli eventualmente secchi o danneggiati dalle avversità climatiche. I rametti cimati ricacciano nuovi germogli e nuovi steli fioriferi.

Parassiti e malattie della Potunia

La potunia è più resistente agli attacchi degli afidi e del ragnetto rosso comuni parassiti animali che generalmente infestano steli, foglie e fiori di tante altre piante ornamentali quando il clima estivo è particolarmente afoso. Tra le malattie fungine è sensibile però al marciume delle radici causato dai ristagni idrici nel terreno o nel sottovaso.

Cure e trattamenti

Il marciume delle radici si evita assicurando alla pianta un buon drenaggio e svuotando sempre il sottovaso. I trattamenti vanno effettuati solo in caso di necessità nebulizzando la pianta con un antiparassitario all’aglio, all’ortica o al piretro, prodotti non inquinanti, non tossici per gli insetti utili e facili da preparare anche in casa.

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori la potunia come le parenti strette esprime l’amore incontenibile verso la persona amata.

La potunia è velenosa?

Come le altre varietà di Solanacee tutte le parti della pianta, stelo, radici, fiore sono tossiche sia per l’uomo che per gli animali domestici quali cani e gatti, per la presenza di tossine. L’ingestione può provocare diarrea, vomito, letargia, dolori addominali, problemi cardiaci. Il contatto diretto a mani nude  può essere causa di irritazioni cutanee associate a prurito.

Potunia-Petunia ibrida

Varietà di potunie

Tra le tante varietà segnaliamo quelle più ricercate e vendute a scopo ornamentale e di facile coltivazione in vaso o in piena terra.

Potunia Lobster

Una varietà di alto pregio ornamentale che forma folti cespi di foglie di colore verde brillante e fiori campanulati o a trombetta con corolla composta da petali di colore rosa intenso venati e molto venduta e di forte impatto, di una tonalità intensa di rosa quasi confetto ma con gola accentuata e petalo venato talvolta salmone oppure arancio. E’ perfetta sia in vaso sia per le bordure delle aiuole.

Potunia DarkRed

Potunia DarkRed

Una varietà cespugliosa alta circa 30 cm , con foglie di colore verde brillanti che creano effetti scenici con i fiori di colore rosso acceso. Fiorisce dalla primavera fino a inizio dell’autunno.

Potunia Plus Purple

Una varietà più alta che forma alti cespugli tondeggianti con grandi fiori tubulari di colore rosso porpora.

Potunia Cappuccino

Una pianta resistente alle piogge e alle malattie, perfetta per la coltivazione in fioriere o cesti e grazie al portamento elegante e alla sua splendida fioritura abbellisce terrazze e balconi. Produce bellissimi fiori di colore crema con nervature tra il porpora e il sabbia gola in marrone cioccolato.

Potunia-Cappuccino

Curiosità

La Potunia, è una petunia ibrida creata dalla Dummen, un’azienda tedesca leader nel settore floricolo.

Il nome della Potunia è una parola derivata dalla fusione  del termine inglese pot che significa vaso e petunia.

Galleria foto Potunia

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta