Lantana coltivazione


lantana-camara


La Lantana è una pianta ornamentale di facile coltivazione in piena terra e in vaso, utilizzata nei giardini non solo a scopo ornamentale ma soprattutto per  tenere lontane zanzare ed altri insetti fastidiosi.

Lantana-fiori -rossi


Caratteristiche generali della Lantana

Il genere Lantana comprende diverse varietà di piante perenni originarie dell’Africa e dell’America appartenenti alla famiglia delle Verbenacee.

lantana-bianca


Leggi anche: Piante antizanzare

La pianta,dotata di una robusta radice rizomatosa-fittonante, ha un portamento arbustivo ed è caratterizzata da una rapida crescita. I rametti o fusti da erbacei con l’età diventano legnosi.

Lantana-foto

Le foglie sfregate tra le dita emanano un profumo acre e pungente.

Lantana-fiori-viola

Sugli steli e alla base delle ascelle fogliari, durante il periodo della fioritura, sbocciano infiorescenze a corimbo composte da tanti piccoli fiori tubulari nelle diverse tonalità di bianco, giallo, arancione, rosso e viola.

Lantana-coltivazione

Alcune varietà fruttificano con drupe ovali di colore verde che virano al rosso. I frutti diventano neri a maturazione.

Lantana-bacche

I semi della lantana sono velenosi per l’uomo, mentre sono un alimento utile agli uccelli e roditori.

Fioritura

La lantana fiorisce dalla tarda primavera fino all’autunno inoltrato se il clima locale è clemente.

Lantana-coltivazione

Coltivazione Lantana

Esposizione

E’ una pianta esotica che predilige i luoghi soleggiati riparati dal freddo. Tollera abbastanza bene le basse temperature invernali se protetta alla base.

Terreno

Anche se è una pianta che si adatta a qualunque tipo di terreno per produrre fiori in abbondanza necessita di substrato soffice, ricco di sostanza organica e ben drenato.

Annaffiature

Le annaffiature devono essere regolari ed abbondanti per tutto il periodo vegetativo della pianta soprattutto in estate. Durante la stagione primaverile si interviene solo per mantenere il terreno di coltivazione appena umido soprattutto se la pianta è coltivata in vaso. opportuno intervenire per mantenere il terriccio costantemente umido, cercando di non creare pericolosi ristagni di acqua, che potrebbero provocare il marciume radicale.

Concimazione

E’ una pianta che spreca molta energia e pertanto va concimata dalla ripresa vegetativa fino alla fine dell’estate, ogni 12-15 giorni, con un fertilizzante specifico per piante da fiore. Il concime serve a stimolare l’emissione di nuovi getti e un’ abbondante fioritura.

Lantana-rinvaso

Lantana: coltivazione in vaso

E’ una pianta facile da coltivare in vaso sui balconi esposti a su e riparati dai venti.

Il vaso deve avere dimensioni adeguate al pane di terra che avvolge la pianta, generalmente deve avere un diametro di 20 cm e deve essere alto almeno 30 cm.  Come terreno si utilizza del terriccio universale misto a un po’ di terreno da giardino e del materiale drenante da mettere sul fondo, al fine di evitare il ristagno di acqua. Do l’impianto, il terreno va mantenuto costantemente umido senza esagerare nell’apporto di acqua. Va concimata e potata.

Rinvaso Lantana

In primavera effettuare il rinvaso della pianta allevata in vaso per consentire il regolare sviluppo dell’apparato radicale. Prima del rinvaso è opportuno porre a bagno la pianta in modo da poterla travasare con il pane di terra.Occorre un contenitore più grande, terriccio fresco e fertile e materiale drenante per il fondo, pezzi di coccio, argilla espansa o altro.

Lantana-moltiplicazione

Moltiplicazione della Lantana

La pianta si moltiplica naturalmente per seme, ma in campo vegetativo si preferisce propagarla mediante talea.

Moltiplicazione per seme

Come detto precedentemente la semina viene utilizzata raramente in quanto i semi impiegano molto tempo a germinare. La semina va fatta in semenzaio caldo e protetto con una temperatura non inferiore ai 16° C. Si utilizzano i semi delle bacche mature, di colore nero.

Propagazione per talea

In estate, si prelevano porzioni di rami legnosi, lunghi circa 15 cm, preferibilmente da quelli che non hanno prodotto fiori e si mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, in luogo ombreggiato con temperature intorno ai 10°C. A radicazione avvenuta le nuove piantine di Lantana vanno trasferite in vasi singoli e coltivate in essi, in un luogo fresco e luminoso, fino alla primavera successiva, ricordandosi di annaffiarle quando il terreno è asciutto. Le piante ottenute per talea saranno identiche alla pianta originale.

Impianto o messa a dimora

Solo nella primavera successiva le nuove piantine possono essere messe a dimora in piena terra o in vaso.

Abbinamenti

La lantana coltivata in vaso o in piena terra può essere abbinata ad altre piante che hanno le stesse esigenze colturali: Petunia, Geranio, Oleandro, ecc.

lantana-camara-potatura

Potatura della Lantana

Verso la fine di ottobre e comunque prima dell’arrivo dell’inverno potare i rami di circa 1/3 della loro lunghezza in modo da favorire lo sviluppo di una chioma densa e compatta nella primavera successiva.

La lantana si pota anche nel periodo della ripresa vegetativa, tra febbraio e marzo. Generalmente si accorciano i rami più lunghi e disordinati solo per conferire un’armonia di forma alla pianta.

lantana-potatura

La potatura va fatta con cesoie ben affilate e disinfettate per evitare che la pianta venga attaccata da malattie fungine come l’oidio o mal bianco, la maculatura fogliare, il marciume del colletto e delle radici.

lantana-ciotola

Parassiti e malattie della Lantana

La pianta è sensibile agli attacchi della mosca bianca che provoca l’ingiallimento delle foglie e la conseguente formazione della melata la predispone alla fumaggine.

oidio-mal bianco

E’ una pianta rustica che raramente soffre gli attacchi degli afidi e delle cocciniglie in quanto le foglie si comportano come repellenti naturali verso questi parassiti. Tra le malattie crittogame o fungine invece teme l’oidio  che imbratta le foglie soprattutto più giovani con densi depositi biancastri quando il clima è troppo umido o vengono bagnate con l’acqua di irrigazione. Inoltre, come la maggior parte delle piante soffre il marciume delle radici, causato dal ristagno idrico nel terreno di coltivazione o nel sottovaso.

I trattamenti antifungini o antiparassitari vanno fatti solo in caso di infestazioni , generalmente all’inizio della primavera, quando la lantana non è ancora in fiore in modo da non uccidere gli insetti pronubi che vengono attratti dal nettare dei suoi fiori.

Lantana-fiori-gialli

Cure e trattamenti

Nelle regioni con clima freddo riparare le piante allevate in vaso sotto le tettoie o in serra. Per quelle coltivate in piena terra effettuare alla base del cespo una leggera pacciamatura di paglia e coprire la parte aerea con tessuto traspirante.

Pacciamatura-di-paglia

Varietà di Lantane

Tra le diverse specie troviamo la:

Lantana camara

La varietà più coltivata alle nostre latitudini, una pianta a sviluppo arbustivo composta da un robusto e profondo apparto radicale.

La parte aerea della Lantana camara è formata da rami tortuosi e squamosi di colore marrone chiaro ricoperti da foglie pelose e urticanti di colore verde brillante con margini dentati.

Lantana selloviana

Detta anche Montevidensis, è una specie che fino all’autunno inoltrato produce fiori con tonalità di colore che vanno dal rosa-lilla.

Lantana involucrata

Il suo portamento arbustivo eretto la contraddistingue come specie sicura di sé, che sa bene come valorizzare un giardino e far innamorare chi nelle sue vicinanze passa. La Lantana involucrata può raggiungere anche il metro di altezza e superare anche tale misura. I fiori piccoli, che possono essere bianchi o color lavanda, sono disposti a grappoli e si affacciano tra un fogliame molto caratteristico. Le foglie hanno solitamente margini dentati. Cresce bene in regioni dal clima tropicale, ma riesce ad adattarsi, con qualche aiutino, anche in zone dal clima temperato.

Lantana mutabilis

così chiamata per il cambiamento di colore dei suoi fiori; i bianchi virano al rosa e quelli gialli al viola carico.

Lantana Crocea

Una specie che produce fiori di colore giallo zafferano.

Lantana Rose Quenn

Una specie che produce abbondanti fiori che dal colore giallo-arancione virano al rosa.

Lantana-linguaggio-fiori

Usi della Lantana

Le diverse specie di Lantana vengono utilizzate in giardinaggio per abbellire parchi pubblici, giardini privati, aiuole urbane e in vaso con altre piante da fiore per abbellire balconi e terrazzi e per tenere lontane le zanzare e altri insetti fastidiosi che mal sopportano il profumo delle loro foglie.

Lantana-proprietà

Proprietà e uso erboristico della Lantana

Alcune specie di Lantane vengono sfruttate per le loro proprietà fitoterapiche che trovano ampio  per la cura delle infezioni e le infiammazioni delle gengive; per alleviare i sintomi causati da asma e bronchite; per curare emorroidi, stitichezza e diarrea.

In passato, i fiori e le foglie venivano utilizzate per preparare infusi utili per alleviare i sintomi dell’influenza, ovvero per controllare spasmi muscolari e combattere il mal di stomaco.

Avvertenze: per l’assunzione di prodotti a base di Lantana va sempre consultato il medico di base.

Lantana e significato dei fiori

Nel linguaggio dei fiori la lantana simboleggia la ritrosità ma è anche simbolo di sorprese positive e inaspettate.

Lantana è velenosa o tossica?

I semi dei frutti della lantana sono velenosi per l’uomo. I sintomi da ingerimento sono vertigini e nausee.

Sono leggermente tossici e possono causare fotosensibilità agli animali domestici quali cani e gatti.

I frutti sono invece commestibili per gli uccelli e piccoli roditori.

Curiosità

Il nome generico della Lantana fa riferimento ai suoi rami flessuosi che si piegano facilmente.
Nelle zone di origine, la lantana è considerata una specie invadente e nociva per gli animali da pascolo, bovini e ovini.

Galleria foto Lantana

LauraB

Commenti: Vedi tutto