Ippocastano coltivazione


ippocastano-fioritura

L’ippocastano noto anche come castagno d’India è una pianta molto decorativa coltivata nei parchi, nei giardini pubblici e privati per la bellezza del suo fogliame e per i suoi bellissimi fiori.

aesculus-hippocastanum-ippocastano


Caratteristiche generali Ippocastano – Aesculus hippocastanum

L’ippocastano, nome scientifico Aesculus hippocastanum, è un albero deciduo della famiglia delle Sapindaceae diffuso in tutto Europa e facile da coltivare.

L’albero che supera anche i 30 metri di altezza è formato da un robusto e profondo apparato radicale a forma di cuore, da un tronco elegante ed eretto con corteccia di colore grigio scuro che da liscia negli esemplari giovani diventa rugosa e squamosa in quelli adulti.

Ippocastano-tronco

Dal tronco si sviluppa una grande chioma espansa dalla forma piramidale.

Ippocastano- coltivazione

I rami variamente lenticellati (strutture lenticolari), presentano grandi gemme opposte, rossastre, ed una terminale di notevoli dimensioni, ricoperte da una pellicola collosa.

ippocastano-gemme

Le foglie, inserite sui rami mediante un picciolo lungo  10–15 cm, hanno forma palmato-settata.

Ciascuna foglia è infatti costituita 5-7 lamine obovate con apice acuminato.

La parte centrale delle foglie è solcata da una nervatura molto marcata di colore giallo paglierino mentre il margine è doppiamente seghettato.

foglia-ippocastano

Le foglie dell’ippocastano sono di color verde brillante nella pagina superiore e verde chiaro in quella inferiore. Le nervature della pagina inferiore delle foglie sono vellutate al tatto per la presenza di una leggera peluria.

Ippocastano-foglie-decidue

Il fogliame dell’ippocastano prima di cadere, regala uno spettacolo unico assumendo un bellissimo colore giallo intenso.

Ipoocastano-fiore-rosa

Durante il periodo della fioritura sull’albero compaiono numerose ed enormi infiorescenze a pannocchie costituite da circa una cinquantina di piccoli fiori la cui tonalità di colore varia dal bianco al rosa a seconda della varietà.

I fiori, costituiti da un piccolo calice a 5 lobi, una corolla con 5 petali e gola gialla, sono ermafroditi.

frutti-ippocastano

I frutti sono grandi capsule sferiche e aculeate di colore verde chiaro contenenti 1 -3 semi di colore marrone lucido non commestibili chiamate comunemente con il nome di castagna matta.

ippocastano-seme-castagna

Fioritura: l’ippocastano fiorisce in primavera  nei mesi di aprile – maggio.

ippocastano-fiori-bianchi

Coltivazione Ippocastano

  • Esposizione: predilige il luoghi soleggiati per molte ore al giorno e le zone caratterizzate da un clima caldo – umido. Non tollera le temperature troppo basse, la salinità e l’inquinamento atmosferico.
  • Terreno: si adatta a qualunque tipo di terreno, ricco di sostanza organica e ben drenato.
  • Annaffiature: gli esemplari giovani vanno annaffiati regolarmente una volta al mese mentre quelli adulti si accontentano delle acque piovane.
  • Concimazione: ogni anno, nel periodo autunnale, somministrare alla base dell’albero un concime organico.

ippocastano-semina

Moltiplicazione dell’ippocastano

La pianta si propaga per seme. I semi ovvero le castagne matte si seminano in autunno subito dopo la raccolta in semenzai protetti o direttamente a dimora. La germinazione dei semi avverrà in primavera.

Ippocastano-foglie

Impianto dell’ippocastano

Il trapianto definitivo dell’ippocastano si effettua generalmente in autunno dopo 3 anni di coltura protetta.

parassiti-ippocastano

Parassiti e malattie dell’ippocastano

Teme l’attacco delle cocciniglie e degli afidi che generalmente si annidano nelle intersezioni fogliari.

Tra le malattie cui va soggetto l’ippocastano ricordiamo l’antracnosi, che causa disseccamento delle foglie.

Negli ultimi anni 20 anni, l’ippocastano è soggetto alle infestazioni delle larve della Cameraria (una piccola farfalla).

L’ippocastano infestato se non viene trattato tempestivamente muore in breve tempo.

Ippocastano cose da sapere e proprietà

Le castagne matte, simili al frutto del castagno, non sono commestibili e presentano tossicità per l’uomo: l’ingestione provoca diarrea, vomito e nei casi più gravi emorragie.

Non sono invece tossiche per gli animali domestici.

Hanno però molte proprietà fisioterapiche e pertanto sono presenti come ingrediente di alcuni prodotti erboristici.

Galleria foto Ippocastano

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News
Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta