Dicondra prato

dichondra

La Dicondra è un’erbacea perenne utilizzata per realizzare tappeti erbosi bassi, resistenti e calpestabili.

Tappeto-erboso-Dicondra

Caratteristiche della Dicondra o Dichondra

La Dichondra è un’erbacea alta all’incirca 3 cm a portamento strisciante e tappezzante con foglie tondeggianti piccole e carnose di colore verde chiaro. Le piccole piantine producono minuscoli fiori ascellari biancho -giallastri.

La Dicondra per il suo basso sviluppo non richiede interventi di tosatura.

dicondra


Leggi anche: Piante e fiori tappezzanti quali sono e come sceglierli

Coltivazione della Dicondra

Esposizione: è una pianta rustica molto resistente che ben si adatta anche ai climi rigidi pur temendo le forti gelate. Anche se cresce bene nelle zone ombrose, preferisce i luoghi soleggiati.

Terreno: per potersi svilupparsi in modo adeguato necessita terreni leggermente acidi e ben drenati.

Annaffiature: generalmente si accontenta delle acque piovane ma nei periodi di prolungata siccità è bene annaffiarla periodicamente.

Concime-granulare

Concimazione: concimazioni prima della semina e durante lo sviluppo vegetativo.

Terreno-lavori

Lavorazione del terreno

Il terreno atto a ricevere la semina della Dicondra deve essere lavorato a fondo mediante vangatura seguita poi da affinamento, rastrellamento, spianamento ed assestamento.

Moltiplicazione della Dicondra

La Dicondra si moltiplica per seme e per stoloni.

La semina della Dicondra

Dopo aver effettuato la lavorazione del terreno si passa alla semina e a tutte le operazioni necessarie per favorire la germinazione dei semi.

Ecco cosa fare, fase dopo fase:

  • seminare a spaglio, circa 1 kg di semi per ogni 100 mq;
  • copertura con un sottilissimo strato di terreno misto a torba;
  • compressione o compattazione mediante rullo;
  • innaffiatura subito post semina;
  • mantenere il terreno costantemente umido al fine di favorire la germinazione che di regola avviene nel giro di circa di 20 giorni;
  • dopo la germinazione diradamento delle irrigazioni.


Potrebbe interessarti: Agrostide stolonifera – Agrostis

Periodo della semina

La semina della Dicondra va fatta in primavera avanzata, quando le gelate notturne sono del tutto scongiurate.

Dichondra_stoloni

La propagazione per stolone, invece, si effettua con l’impianto di zolle precostituite che hanno modo di diffondersi tramite stolone in una o due stagioni.

Questa operazione consiste nella posa di ciuffetti di zolle 1-2 centimetri sotto il livello del prato, con aggiunta di torba leggera.

Erbe-infestanti


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Parassiti, malattie e cure

Si tratta di una pianta rustica abbastanza resistente agli attacchi parassitari di origine animale ma teme le malattie fungine.

Il tappeto erboso di Dicondra necessita di frequenti scerbature dalle erbe infestanti e pratoline.

Galleria foto Dicondra

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica