Papaccelle sott’aceto


Papaccelle sott’aceto

Sommario

Papaccelle sott'aceto: come conservare con la ricetta tipica napoletana i peperoni tondi per l'inverno, ingredienti, dosi , calorie e foto

Tempo di preparazione:
20 minuti
Quantità:
1 litro

Ingredienti Ricetta

  • Papaccelle o peperoni tondi 10
  • Aceto bianco 1 L
  • Sale fino 15 g

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 20

Papaccelle-pupacchielle-sott’aceto



Preparazione delle papaccelle o pupacchielle sott’aceto 

Le papaccelle sono tipici peperoni sferici e costoluti che i Napoletani chiamano comunemente pupacchielle. Sono peperoni con polpa carnosa e soda che si prestano molto facilmente ad essere conservati sott’aceto e sott’olio per periodi molto lunghi senza alcun problema.

Papaccelle sott’aceto-ingredienti

La preparazione delle papaccelle sott’aceto è davvero molto semplice, basta scegliere quelle prive di ammaccature, o lesioni e possibilmente provenienti da agricoltura biologica.

Barattolo-sterilizzato


Leggi anche: Papaccelle sott’olio

Per prima cosa bisogna sterilizzare i barattoli facendoli bollire in una pentola piena d’acqua per circa 10 minuti calcolando il tempo dal momento in cui l’acqua entra in ebollizione. Si spegne il fuoco e si lasciano raffreddare.

Si estrae i barattoli dall’acqua e si fanno asciugare capovolti su un canovaccio pulito.

Papaccelle-lavaggio

Lavate le papaccelle in acqua fredda.

Papaccelle-fresche

Poi fatele scolare ed asciugatele ben bene con un canovaccio pulito o carta assorbente da cucina  e poi recidete i peduncoli troppo lunghi.

Papaccelle-peperoni-pulizia

Prendete i barattoli sterilizzati e sistematevi le papaccelle intere, aggiungete il sale fino o quello grosso e poi coprite con l’aceto di vino bianco fino a 1 cm dall’orlo del barattolo.

Papaccelle-aceto


Potrebbe interessarti: Alchechengi sott’aceto

Per impedire che le papaccelle galleggino sull’aceto, conviene utilizzare una retina di plastica che poggiata su di esse le tiene completamente sommerse.

Pupacchielle sott’aceto

A questo punto, si tappano i barattoli con i tappi perfettamente sterilizzati. Si attacca l’etichetta con la data di preparazione e si conservano i barattoli in un posto fresco.

Pupacchielle-Papaccelle sotto aceto

Dopo circa due mesi, le papaccelle saranno pronte e potranno essere consumate per preparare piatti sfiziosi come la pasta con le pupacchielle, fritte per accompagnare la carne di maiale o tagliate a fettine per arricchire l’insalata di rinforzo, un’insalata a base di cavolfiore di antica tradizione napoletana che si prepara per le feste natalizie o per decorare il baccalà all’insalata.

insalata di rinforzo

Consigli sulle papaccelle

Le papaccelle si possono conservare anche tagliate a metà: in questo caso vanno ripulite dai semi interni.

Si prepara una soluzione calda di aceto e sale e con essa si ricoprono le papaccelle sempre fino a 1 cm dall’orlo del barattolo.

Si conservano in un luogo buio e fresco e in questo caso le pupacchielle o i peperoni sott’aceto potranno essere utilizzate anche dopo 1 mese dalla data di preparazione.

Papaccelle in agrodolce

Potete utilizzare le papaccelle anche per preparare questa deliziosa e sfiziosa ricetta: Papaccelle in agrodolce fritte con uva passa, zucchero e pinoli.

Papaccelle- ripiene

Curiosità sulle papaccelle

Le papaccelle fanno parte della famiglia dei peperoni, grandi quanto dei pomodori di medie dimensioni e possono possono essere consumate fresche, arrostite, saltate in padella, oppure al forno, fritte in padella e farcite con un ripieno che si usa anche per i classi peperoni: alici salate, olive, mollica di pane, uvetta, pinoli, aglio a pezzetti, pomodorini del Piennolo, capperi e formaggio pecorino romano grattugiato: Papaccelle imbottite.

Il consumo delle papaccelle sott’aceto (come altre varietà di sott’aceto), è consigliato in tutte le diete dimagranti in quanto stimolando il metabolismo, aiutano a bruciare i grassi, migliorano la digestione.

Inoltre  il consumo di questi alimenti viene consigliato anche per facilitare il transito intestinale, stimolare la motilità, per contrastare la fastidiosa flatulenza e i problemi legati al reflusso gastro-esofageo , per ripristinare l’equilibrio acido-base del nostro organismo e a limitare la comparsa di dolori a carico delle articolazioni.

papaccelle sott’aceto

Curiosità

Le papaccelle sono  particolari tipi di peperoni corti e polposi riconosciuti come prodotti agroalimentari tipici della Campania soprattutto delle zone del Napoletano dove vengono chiamate semplicemente Pupacchielle.

Papaccelle-pupacchielle-pianta

Come il classico peperone, la Pupacchiella o Papaccella, appartiene alla famiglia delle Solanacee.

Le piante di poco più piccole di quelle dei peperoni si possono coltivare nell’orto e facilmente anche in vaso e raccolte in piena maturazione da luglio ad ottobre.

Galleria foto ricette peperoni-papaccelle

LauraB

Commenti: Vedi tutto