Marmellata di pesche


Marmellata di pesche

Sommario

Una marmellata genuina con le pesche dolci e profumate appena raccolte nel frutteto o nell'orto. La marmellata di pesche è tra le tante quella che piace di più ai bambini ed è ottima su fette biscottate per la prima colazione, per la preparazione di torte di pan di Spagna, strudel, crostate, biscottini e dessert vari: ingredienti, dosi, procedimento e calorie.

Tempo di preparazione:
2 ore
Tempo di cottura:
1 ora
Quantità:
8

Ingredienti Ricetta

  • Pesche 3 kg
  • Zucchero 2 kg
  • Scorza di limone 1

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 225

marmellata-pesche



Preparazione della marmellata di pesche

Per preparare questa deliziosa marmellata occorrono pesche gialle ben mature ma sode e prive di ammaccature (non devono essere toccate).

pesche

Lavate le pesche sotto il getto dell’acqua corrente, asciugatele e poi sbucciatele.

Pesche-pezzi


Leggi anche: Pesche al rhum

Tagliate le pesche a fette o a pezzetti, eliminate il nocciolo e pesate solo la polpa.

limone

Lavate un limone non trattato, spazzolate la buccia del limone per una perfetta pulizia dei pori.

Asciugatelo con un canovaccio pulito e poi con il pelapatate asportate la buccia senza la parte bianca (amara).

Cottura della marmellata di pesche

Pesatele (la quantità di zucchero dovrà essere proporzionato al peso netto della frutta: circa 700 gr di zucchero per ogni chilo di frutta) e poi mettetele a cuocere, a fiamma bassa, con la scorza di limone biologico in una pentola di acciaio per circa 10 minuti.

Marmellata-cottura

Aggiungete lo zucchero, mescolate e fate cuocere a fiamma bassa  fino a quando la marmellata non si addensa al punto giusto (prova del piatto).

Mescolate continuamente perchè la marmellata di pesche tende ad attaccarsi al fondo della pentola.

barattoli-sterilizzazione-casalinga

Nel frattempo sterilizzate i barattoli, poi metteteli capovolti su un canovaccio pulito per farli asciugare.

sterilizzazione

Riempite i barattoli sterili con la marmellata ancora calda, tappate e metteteli raffreddare capovolti.

Marmellata-casalinga

Il giorno dopo attaccate l’etichetta con la data e il tipo di confettura e conservate i barattoli in  in dispensa o in un luogo fresco e buio.

Confettura di pesche senza zucchero

Per chi è a dieta ecco una ricetta altrettanto buona della confettura di pesche che non prevede l’aggiunta di zucchero e sostituire lo zucchero con una mela e aggiungere del succo di limone.

Gli ingredienti sono:

  • 1 kg di pesche mature
  • 1 bicchiere di acqua
  • Succo di 1 limone
  • 1 mela

Lavare e pulite  le pesche come nella ricetta precedente e tagliate a pezzi anche la mela.

Mettete in una pentola di acciaio le pesche, la mela, il succo del limone e lasciate macerare per 3 ore.

Trascorso il tempo indicato mettete la pentola sul fuoco e fate cuocere a fiamma bassa per circa 50 minuti. Mescolate di tanto in tanto.

Per saggiare la giusta consistenza della marmellata fate la prova del piattino freddo.

A cottura ultimata versate la confettura di pesche in piccoli barattoli nei barattolini e lasciatela raffreddare.

La marmellata di pesche senza zucchero è pronta per essere consumata.

Consigli

Potete gustare il  sapore delle pesche estive anche in inverno a colazione, a merenda, nella preparazione di strudel, biscotti ripieni, crostate o per farcire su brioche calde o semplicemente spalmata su fette di pane o fette biscottate.

Assicuratevi sempre che i barattoli si sia creato il perfetto sottovuoto: premete al centro del tappo e, se non sentirete il “click-clack” allora il sottovuoto è avvenuto in modo corretto.

Conservazione

Conservate la marmellata di pesche per 4 – 5 mesi circa in luogo fresco e, una volta aperto il vasetto mettetela in frigo e consumatela entro una settimana.

Per farvi un’idea del procedimento date un occhio alla video ricetta della marmellata di albicocche:

Se vi piace la marmellata fatta in casa sempre sul nostro sito troverete tante altre ricette di gustose marmellate o confetture di frutta di stagione.

Curiosità

La pesca oltre a essere un frutto succoso molto buono, saporito e rinfrescante, è ricca di vitamine (soprattutto A, B1, B2, C e PP), di oligoelementi (fosforo, potassio, magnesio, zolfo, ferro, manganese) e fibre. Possiede anche molte proprietà benefiche e preziose per il nostro corpo: è
depurativa, diuretica .

In Oriente, fin dai tempi antichi, la pesca viene considerata il  “frutto dell’immortalità” e come in tanti altri Paesi, Italia compresa viene largamente impiegata nella preparazione di dolci e conserve dal sapore inconfondibile: marmellata di pesche, crostata, clafoutis, vino ecc.

Le nostre nonne conservavano questo delizioso frutto  per tutto il periodo invernale: le pesche sciroppate. Per aromatizzare lo sciroppo aggiungevano come spezia aromatica lo zenzero o il  cardamomo oppure il rum oppure le conservavano in uno sciroppo preparato con il vino bianco o rosso, le classiche pesche al vino.

In Oriente, fin dai tempi antichi, la pesca viene considerata il  “frutto dell’immortalità” e come in tanti altri Paesi, Italia compresa, viene largamente impiegata nella preparazione di dolci e conserve dal sapore inconfondibile: marmellata di pesche, crostata, clafoutis, vino ecc.

Galleria foto ricette pesche

LauraB

Commenti: Vedi tutto