Imu sul giardino privato e condominiale: ecco le regole e le eccezioni

Autore:
Laura Scarpellini

L’IMU è l’imposta che in particolari situazioni, può essere vantata anche in merito al giardino privato o condominiale. Certamente va fatta un po’ di chiarezza in merito ai suoi criteri di valutazione, quando entrano in gioco le aree verdi che dovranno essere in ogni caso parti integranti dell’unità immobiliare che si possiede. Cerchiamo di andare ad evidenziare quelle che sono le circostanze più diffuse di applicazione dell’IMU, ai giardini.

Giardino, Casa
Photo by Pexels – Pixabay

IMU sul giardino: quando e perché è da versare

Se al primo sguardo può sembrare che non sia fattibile la richiesta del pagamento dell’IMU sul proprio giardino o su quello condominiale, in  realtà le cose  non stanno affatto così. A quanto pare nel calcolo dell’IMUdi un’immobile, entrano in gioco anche le cosiddette pertinenze.

Con tale termine si vanno ad indicare strutture o spazi che malgrado siano indipendenti dall’unità immobiliare principale oggetto della tassazione, sono direttamente coinvolte nella definizione del suo valore totale. Solitamente con il termine pertinenza in ambito immobiliare si vanno a includere strutture come cantine, garage, soffitti e anche i giardini.

Pertanto il valore complessivo immobiliare dell’unità principale, di fatto viene dedotto anche andando a sommare le relative pertinenze.

Ma quando possiamo definire un giardino una pertinenza? Ciò si configura nel caso che l’area verde sia in funzione dell’immobile principale, e destinata ad uso privato o degli occupanti dell’immobile.

Giardino, Villa
Photo by lenalindell20 – Pixabay

L’attuale normativa fiscale in essere definisce che per ogni unità immobiliare possano essere ritenute complementari fino a 3 pertinenze (vengono chiamate in causa le categorie C/2, C/6 e C/7, che vedono la presenza di box auto, cantine e soffitte). Tali pertinenze avranno diritto alle stesse agevolazioni fiscali dell’unità immobiliare principale, e della stessa tassazione IMU.

Giardino, Condominio
Photo by Peggy_Marco – Pixabay

IMU: perchè è dovuta per il  giardino condominiale

In questo caso la tassazione IMU risulta essere un po’ più complicata. Da tenere conto che per il giardino condominiale ne è il diretto responsabile del pagamento, l’amministratore condominiale (come sancito nell’art. 1130 del Codice civile, modificato dalla legge 11 dicembre 2012, n. 220).

Il versamento IMU riguardanti le parti comuni del condominio, vede l’importo essere oggetto della ripartizione millesimale, per i condomini dello stabile.

Casi particolari per la definizione delle aree verdi

Spesso non risulta estremamente semplice riuscire a stabilire se il pagamento dell’IMU di un’area verde sia legittimo o meno, tanto da dover chiedere necessariamente aiuto ad un professionista di settore. Normalmente si dovrebbe tenere conto che la tassa è dovuta quando si tratta di aree edificabili non ancora rese urbane, per i terreni non lottizzati edificabili, i terreni edificabili destinati alla prima casa, e i giardini annessi agli immobili, andando di conseguenza ad essere conteggiati unitamente all’edificio.

Vi sono casi in cui il giardino pur non essendo annesso all’appartamento è oggetto di IMU (è il caso questo del condominio ad esempio).

C’è da dire a conclusione che d’altro canto sussistono anche delle condizioni particolari in cui per alcune categorie di contribuenti, l’ubicazione del terreno o il vigente quadro normativo, possono andare a determinare condizioni in cui il contribuente può essere sollevato dal versamento dell’IMU .