Orto irrigazione

Paola Palmieri
  • Dott. in Scienze della Comunicazione

Orto irrigazione: come irrigare in modo adeguato il tuo orto e poter così godere di un buon raccolto? Te lo spieghiamo noi di Casa e giardino nel corso dell’articolo. Metodi, consigli e opportunità. Leggi di più. 

A midsection of portrait of cute small child outdoors gardening.

Quando si decide di realizzare un orto in giardino, piccolo o grande che sia, prima ancora di sapere cosa piantare, quando farlo e come fare occorre prevedere un impianto di irrigazione. Perché?

L’irrigazione rappresenta, infatti, un discorso di vitale importanza ed è un fattore chiave offrire all’orto la giusta quantità di acqua. Fonte di vita, fondamentale e preziosa per la crescita e la sopravvivenza delle verdure e degli ortaggi del tuo orto.

Prendersene cura nel modo giusto vuol dire anche fornire la quantità di acqua indispensabile. Parola d’ordine efficienza. Scopri con noi di Casa e giardino come creare un impianto di irrigazione ideale, stagione dopo stagione. Iniziamo la lettura: è tempo di rimboccarsi le maniche e mettersi a lavoro!

orto in balcone cosa piantare a novembre 2

Orto irrigazione: la tecnica migliore

orto in balcone cosa piantare a novembre 1

Come abbiamo già detto, gli ortaggi per poter germogliare, svilupparsi e fruttificare richiedono regolari e costanti irrigazioni soprattutto durante i periodi particolarmente siccitosi. Vediamo insieme qual è il sistema di irrigazione più adatto.

Non esiste, infatti, un solo modo per irrigare le piante e, per decidere, bisogna prima rispondere ad alcuni interrogativi: che acqua abbiamo a disposizione? Quella di un pozzo, di un’antica fonte sorgiva, un fiumiciattolo o un ruscello limitrofo al campo? O ancora bidoni per la raccolta dell’acqua piovana o acqua del rubinetto? Partendo da qui stabiliamo quali sono le tecniche principali d’irrigazione.

  • Sistema d’irrigazione a goccia. Con l’impianto a goccia non si spreca acqua: si montano, infatti, manichette ad ala gocciolante che rilasciano l’acqua esattamente dove noi vogliamo.
  • Sistema d’irrigazione a scorrimento (nei solchi): una tecnica classica spesso usata proprio dai nostri nonni. Da una fonte veniva irrigato gradualmente tutto il terreno dell’orto, facendo scorrere l’acqua all’interno di solchi creati ad arte con la zappa.
  • Sistema d’irrigazione a pioggia. Dare l’acqua a pioggia vuol dire usare un irrigatore che bagna dall’alto le piante. Per irrigare l’orto nel suo complesso, però, risulta poco efficiente e per di più l’acqua viene dispersa sulla vegetazione e arriva poco sul terreno.

Scegli quella più idonea al terreno del tuo orto e procedi alla realizzazione dell’impianto senza dimenticare che, per le piante in vaso, la tecnica giusta resta quella del classico innaffiatoio. Per le colture più delicate, invece, meglio procedere con un sistema di nebulizzazione.

Stabilito ciò, vediamo insieme qual è il periodo ideale in cui dare acqua al nostro orto: in modo uniforme e senza sprechi!

Quando irrigare l’orto?

Orologio

La scelta del momento in cui irrigare è esso stesso fondamentale: è necessario farlo agli orari giusti per non rovinare il raccolto. A seconda del clima, delle stagioni e del tipo di pianta che stiamo coltivando ci sono orari in cui è preferibile irrigare e altri no.

Studia il momento ideale e così consentirai alla pianta di assorbire al meglio l’acqua e prevenire anche la formazione di muffe e funghi. Ricorda che non devi mai bagnare l’orto nelle ore calde e assolate: eviterai così che i raggi solari brucino le foglie e buona parte dell’acqua vada sprecata per evaporazione.

Si consigliano, invece, irrigazioni la mattina presto oppure la sera tardi. Segna in agenda e passiamo alla quantità ideale. Pronto a prendere appunti?

La quantità ideale di acqua per il tuo orto

Acqua del rubinetto perché non usarla per le piante 5

Una volta compresa l’importanza di dare acqua in momenti precisi della giornata, proviamo a chiarire insieme un altro concetto fondamentale: i tempi di irrigazione. Essi possono variare in base a determinate variabili:

  1. le dimensioni dell’orto
  2. il tipo di colture ortive.

In generale, per conoscere il giusto quantitativo di acqua da offrire alle nostre colture, è necessario osservare l’aspetto delle piante e tenere sotto controllo l’umidità del terreno. Questi elementi saranno la nostra bussola nell’orto.
In caso di piogge eccessive, per evitare danni alle colture, è buona norma sospendere le irrigazioni e riprenderle solo se il terreno è completamente asciutto.

Consigli utili

come-fare-raccolta-differenziata-4
Fai tesoro delle utili indicazioni che ti abbiamo presentato nel corso dell’articolo e prenditi cura del verde nel migliore dei modi. Ricorda, infine, che l’acqua è un bene prezioso che non andrebbe mai sprecato e ci sono diversi accorgimenti per risparmiare acqua nell’orto

Un terreno ben preparato, tanto per cominciare, aiuta da un lato a drenare l’acqua in eccesso e dall’altro a trattenere al meglio l’umidità. Volendo irrigare meno e coltivare meglio bisogna quindi curare molto la preparazione del terreno.

Anche la pacciamatura aiuta a ridurre il fabbisogno idrico delle colture: pacciamando a dovere, infatti, si riduce l’evaporazione e di conseguenza bagnerai meno le piante del tuo orto.

Orto irrigazione: foto e immagini

A questo punto non ti resta che mettere in pratica i consigli che ti abbiamo fornito nel corso dell’articolo e creare il tuo impianto di irrigazione in giardino. Lasciati ispirare da altre immagini che abbiamo inserito nella galleria fotografica che segue e mettiti al lavoro!