Irrigazione del frutteto

Patrizia D'amora
  • Dott. in Giornalismo e Cultura editoriale

Irrigazione del frutteto: quali sono i metodi più pratici ed economici? Scopri come irrigare gli alberi del frutteto o del giardino nel modo giusto. Consigli utili per risparmiare acqua, tempo e denaro.

nebulizzatore-giardino (12)

L’irrigazione del frutteto è un’operazione fondamentale e non va mai improvvisata. L’acqua è la risorsa più importante per le piante, un mezzo tecnico che bisogna saper gestire durante tutto l’anno, attraverso modalità e tempistiche precise.

Tra periodi di prolungata siccità e situazioni caratterizzate da acquazzoni e tempeste sempre più violente, è necessario saper dosare l’acqua da dare alle nostre coltivazioni arboree. Anche perché, con l’avvicinarsi dell’estate, le piante esigono più acqua del previsto; questo comporta un notevole consumo delle risorse idriche e, di conseguenza, bollette più care da pagare.

Ma è possibile irrigare il nostro frutteto senza sprecare acqua, tempo e denaro? Scopri i metodi e le tecniche più utilizzate per l’irrigazione degli alberi da frutto.

lavori frutteto maggio 5

Come si irriga un frutteto: tecniche e sistemi irrigui

lavori frutteto maggio 4

Le moderne tecniche di irrigazione si sono evolute in favore di sistemi più efficienti, che puntano principalmente al risparmio delle risorse idriche.

Esistono diversi metodi per dare acqua agli alberi da frutto, e le tecniche variano in base al tipo di impianto utilizzato, che può essere mobile, semifisso oppure fisso.

  1. I sistemi mobili sono i più economici, ideali per giardini o frutteti di piccole dimensioni. Si avvalgono di tubi collegati a un irrigatore, che va trasportato manualmente nelle diverse zone da irrigare.
  2. I sistemi semifissi risolvono il problema del trasporto, perché si avvalgono di una tubazione interrata che può supportare differenti tipologie di erogatori. Un impianto del genere può essere anche automatizzato in parte, rendendo quindi l’irrigazione più proficua per giardini o aree verdi di grandi dimensioni.
  3. I sistemi fissi sono più dispendiosi dal punto di vista economico e indicati per servire frutteti molto vasti. Garantiscono una distribuzione uniforme dell’acqua e consentono di ottenere un notevole risparmio idrico, perché dotati di sensori, centraline e temporizzatori. Il sistema fisso si avvale di impianti di  micro-irrigazione dotati di manichette forate, ali gocciolanti (interrate, fuori terra o appese a un filo) o di tubi in polietilene che integrano gocciolatori a distanze regolari.

Quali sono i sistemi di irrigazione?

Tubi, Giardino

Le tecniche di irrigazione non sono tutte uguali e la scelta dell’impianto migliore per il frutteto varia in base alle proprie esigenze. L’impianto va scelto considerando il tipo di terreno, l’apparato radicale e le esigenze della pianta e, infine, i consumi di acqua previsti per quelle specifiche colture.

Sulla base di tutti questi fattori vediamo quali sono i principali sistemi di irrigazione, mettendo a confronto le varie tecniche utilizzate per irrigare gli alberi da frutto.

  • Irrigazione sopra chioma: tecnica che consiste nell’irrigazione continua e controllata dall’alto, utile soprattutto durante le gelate invernali e primaverili; è in grado di prevenire i danni causati dalla brina che si deposita sulla pianta e sul terreno
  • Nebulizzazione: consiste nella scomposizione dei liquidi in micro-goccioline ed è impiegata per irrigare in maniera mirata delle aree specifiche, oppure per effettuare trattamenti antiparassitari
  • Aspersione, ovvero irrigazione a pioggia: la distribuzione dell’acqua avviene sotto forma di goccioline, che bagnano le piante in maniera continuativa. Indicato per le piante tropicali ma valida anche per l’annaffiatura di ortaggi, piante a foglia verde e mais
  • Irrigazione a spruzzo: tecnica che si avvale di microspruzzatori (fissi o mobili) che lanciano microgetti di acqua sulle piante
  • Irrigazione a goccia: l’acqua viene rilasciata lentamente sul terreno o nelle radici, accompagnando l’intero ciclo di sviluppo della pianta. Si avvale di valvole, condotti e gocciolatori predisposti in punti circoscritti del terreno. Questa tecnica è utilizzata principalmente nelle coltivazioni arboree, ma è valida anche per le colture ortive.

Come annaffiare gli alberi di un piccolo frutteto?

irrigazione-frutteto (6)

Per irrigare un frutteto di piccole dimensioni si potrà ricorrere a un tubo dell’acqua o a un’annaffiatoio manuale. Tuttavia questi sistemi non sempre tengono conto delle effettive esigenze delle piante e non garantiscono un’ottimizzazione delle risorse idriche.

Per prevenire inutili sprechi di acqua puoi impiegare il metodo del tubo di drenaggio. Quando si scavano le buche che dovranno accogliere a dimora gli alberi da frutto, si potrà collocare in ciascuna di esse un tubo di drenaggio dal diametro di circa 8 – 10 cm.

Poi si andrà a coprirlo con il terreno insieme all’albero, facendo però in modo che l’altra estremità del tubo esca fuori dal terreno di alcuni centimetri.

Quando giunge il momento di irrigare basterà versare l’acqua attraverso il foro per essere così sicuri che le piante abbiano ricevuto l’acqua indispensabile per le loro funzioni. Nello stesso tempo questo sistema azzererà gli sprechi, ottimizzando al meglio i consumi di acqua.

Quanto bisogna bagnare?

irrigazione-frutteto (2)

Non è facile stabilire l’esatta quantità di acqua che bisogna dare alle piante, anche perché essa varia in base alle condizioni climatiche e al tipo di terreno (sabbioso o argilloso) che ospita il frutteto.

Gli esperti consigliano di inserire a diverse profondità nel terreno delle sonde tensiometriche, in grado di misurare il grado di umidità della terra e, quindi, di indicare precisamente se è il caso di irrigare o meno.

Le sonde consentono di monitorare aree molto vaste, limitando i danni alle colture nei periodi più critici dell’anno. In più, consentono di razionalizzare e di ottimizzare la risorsa idrica, ottenendo un notevole risparmio sui consumi.

Come capire se si sta dando troppa acqua

irrigazione-frutteto (5)

L’osservazione dello stato delle piante aiuta a capire al volo se si sta dando troppa acqua. Se le foglie dell’albero si presentano di colore verde chiaro/giallo, oppure presentano delle macchie scure di colore marroncino, vuol dire che si sta esagerando con le irrigazioni.

Un altro segnale che indica abbondanza di acqua è dato dal suolo: se il terreno intorno all’albero è tendente al verde, vuol dire che nello strato sottostante si sono formate delle alghe, o che le radici sono ammuffite. Questo significa che la pianta ha subìto un forte stress idrico ed è vicina alla morte.

Per evitare il marciume delle radici è sempre bene effettuare un’irrigazione controllata, concedendo alla pianta poca acqua alla volta, ma in maniera frequente. Aumentare le irrigazioni soprattutto nei periodi di siccità aiuterà a mantenere il terreno umido fornendo all’albero i nutrienti necessari.

Irrigazione del frutteto: immagini e foto

Sfoglia la galleria per rivedere tutte le immagini dedicate ai sistemi e alle tecniche di irrigazione del frutteto.