Lavori di Ottobre Frutteto

Revisore:
Laura Bennet
  • Docente sc. biologiche
Autore:
Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista

Il frutteto richiede sempre molta manutenzione, anche in autunno. Vediamo quali lavori mettere in pratica ad ottobre nel frutteto. 

Lavori frutteto ottobre
Lavori nel frutteto d’ottobre: togliere le foglie

Con l’arrivo dell’autunno, le temperature si fanno più rigide, il clima può essere più umido e gli sbalzi termici tra giorno e notte possono essere davvero forti. Si aggiunge una diminuzione considerevole e progressiva delle ore di luce. E’ proprio nel mese di ottobre che l’autunno da il meglio di se. Basta dare un’occhiata alla natura per rendersene immediatamente conto: le chiome degli alberi iniziano ad ingiallire e le foglie a cadere. Tutto si prepara all’arrivo dell’autunno ed al riposo vegetativo.

Nonostante questi cambiamenti ben visibili, anche ad occhio nudo, non ci si può esimere dal compiere numerosi lavori all’interno del proprio frutteto anche se molto inferiori rispetto alle due stagioni precedenti. Ad ottobre, infatti, si possono piantare alberi nuovi oppure occuparsi di quella che viene chiamata semina al rovescio. Tra i lavori, spiccano anche quelli di raccolta che vanno dai kiwi alle olive. Si tratta comunque, di lavori che andranno effettuati prima del freddo rigido, per assicurarsi una nuova stagione vegetativa prolifera. Dopo questa premessa, è giunto il momento di arrivare nel vivo della trattazione. Continua a leggere.

lavori frutteto ottobre (3)
Lavori nel frutteto d’ottobre: la raccolta dei kiwi

Lavori di ottobre nel frutteto: terreno e concimazioni

lavori ottobre frutteto
Lavori nel frutteto d’ottobre: zappare il terreno

Il terreno attorno alle piante, durante il mese di ottobre, andrebbe zappato. Inoltre, le erbe infestanti dovrebbero essere estirpate e rimossi tutti i frutti malati che sono caduti dagli alberi. Anche le foglie in eccesso dovrebbero essere tolte accuratamente. Lo scopo è quello di far sì che il terreno sia pronto alle nuove piantumazioni. In ogni caso, dato che in questo periodo l’assorbimento da parte delle radici è rallentato, sarebbe meglio evitare qualsivoglia concimazione.

Lavori di ottobre nel frutteto: piantumazioni ed impianti

lavori frutteto ottobre (1)
Lavori nel frutteto d’ottobre

Ottobre è il mese perfetto per impiantare le piante dai frutti piccoli tra cui spiccano i lamponi e le fragole rifiorenti.  Quando la luna sarà in luna nuova, invece, è consigliabile piantare, in terreni a medio impasto, gli alberi di pesco e, in generale, diverse tipologie di alberi di frutta che possono essere coltivati in vaso. In questo modo, la radicazione potrà essere stimolata dal tepore che caratterizza le giornate autunnali. In questo modo, il prossimo ciclo di fruttificazione potrà essere sfruttato grazie a delle piante che presentano delle radici già diventate robuste prima del freddo.

Ad ottobre, inoltre, si può procedere alla semina del sovescio tra i filari del frutteto. Si tratta di un’opzione particolarmente valida se si vuole essere ecologici. Si potranno scegliere le essenze che si preferisce. Il sovescio, quando sboccerà la primavera, si potranno interrare e la biomassa farà da concime. Grazie al sovescio si potrà mantenere il terreno coperto durante tutta la stagione fredda e, soprattutto in autunno, si immagazzinerà molta acqua, il che sarà molto utile in caso di siccità.

L’inerbimento non è escluso in caso di sovescio perché si potrà seminare lo stesso nel mese di ottobre e, come abbiamo detto, interrare le biomasse con l’arrivo della primavera. Dopo, la terra potrà essere lasciata libera e si ripopolerà di erbe spontanee.

Lavori di ottobre nel frutteto: cosa raccogliere

lavori frutteto ottobre
Lavori nel frutteto d’ottobre: la raccolta delle mele

Nel mese di ottobre si può procedere alla raccolta dell’ultima uva ma anche delle mele e delle pere che restano. Inoltre, non manca la raccolta delle noci, del melograno e delle nespole. Senza dimenticare che proprio ad ottobre si da il via alla raccolta delle castagne, dei cachi e dei kiwi, nonché quella delle olive prima che siano troppo mature.

Lavori di ottobre nel frutteto: potature e talee

Lavori frutteto ottobre (4)
Lavori nel frutteto in ottobre: talee

Prima di procedere ai lavori di potatura, bisognerà necessariamente aspettare che tutte le foglie siano cadute. In alternativa, si possono potare quelle piante che non producono frutti in autunno. Come sempre, bisogna fare attenzione a non praticare dei tagli troppo drastici per evitare di incorrere in infezioni della pianta. I tagli più di rilievo dovranno essere comunque trattati con del mastice che favorirà la cicatrizzazione del taglio ed eviterà lo svilupparsi di infezioni.

Per quanto riguarda le talee, via libera a quelle sul legno duro che dovranno essere lunghe almeno 25 centimetri. Ne sono un esempio quelle sull’uva spina, il ribes rosso e bianco. In questo caso, le talee dovranno essere i 2/3 della lunghezza totale e impiantate in un terreno drenante.

Lavori nel frutteto di ottobre: trattamenti

lavori frutteto ottobre (2)
Lavori nel frutteto d’ottobre: i trattamenti specifici

Le mele tardive andrebbero protette dalla scabbia con dei trattamenti anticrittogamici e, in generale, con prodotti specifici. Inoltre, anticrittogamici potranno essere usati anche dopo la caduta delle foglie sia degli alberi di pesco che di mandorli, noci e pesche. In questo modo, si contrasterà l’insorgere di malattie che favoriscono l’accartocciamento delle foglie. In aggiunta, andranno controllati tutti i legami delle piante.

Lavori di ottobre nel frutteto: foto e immagini

Ora che i lavori di ottobre nel frutteto per te non hanno più segreti, non ti resta che metterti al lavoro. Prima di indossare i guanti ed imbracciare il rastrello, però, se hai trovato utile questo articolo, condividilo con un amico. Buon lavoro!