Fico coltivazione

Il fico è un albero da frutto rustico e molto semplice da coltivare anche nel proprio giardino di casa. Originaria del Medioriente, ormai questa pianta è diffusissima in Italia per via del grande apprezzamento per i suoi dolcissimi frutti. Scopriamo quindi quali sono le sue caratteristiche e impariamo a conoscere i suoi bisogni.

fico-coltivazione-01

Il ficoFicus carica, è un albero da frutto di origine mediorientale, rustico, longevo e di facile coltivazione. Si tratta di una pianta con apparato radicale robusto e profondo. Il tronco corto e ramificato è ricoperto da una corteccia di colore grigio. Le foglie grandi e rugose a tre e cinque lobi hanno la pagina inferiore di colore verde più chiaro ricoperta da una fitta peluria.

Le infiorescenze che si formano all’ascella delle foglie apicali sono dette siconi. Il siconio con forma sferica o allungata presenta una buccia il cui colore varia dal verde chiaro al nero. Questo è un ricettacolo carnoso nel cui interno sono contenuti gli acheni, i veri frutti. I primi frutti raccolti tra maggio e giugno dalle varietà di fico “bifere” sono chiamati “fichi fioroni” mentre quelli raccolti tra agosto e settembre sono detti “fichi veri” e sono di pezzatura più piccola.

La coltivazione del fico non è affatto complessa e non richiede particolari conoscenze. Ovviamente, per far crescere al meglio l’albero da frutto è necessario sapere quali sono le sue esigenze principali. Vediamo insieme una guida completa per coltivare il fico senza alcun problema.

fico-coltivazione-02

Terreno

fico-coltivazione-03

Il terreno ideale per il fico è ben drenato perché la pianta non tollera molto i ristagni idrici. In generale, comunque, questo albero si adatta bene a tutti i tipi di substrato e dunque non ha grandi problemi.

Clima

fico-coltivazione-04

Questo albero da frutto si adatta abbastanza bene a tutti i climi anche se predilige temperature miti tutto l’anno. La pianta resiste bene ai freddi invernali e sopravvive anche a climi particolarmente rigidi senza grandi problemi.

Irrigazione

fico-coltivazione-05

Potrebbe interessarti Fico d’India Opuntia ficus indica

Il fico è una specie che resiste molto bene anche a terreni aridi e dunque non ha bisogno di molta acqua per sopravvivere. Nei primi anni dopo l’impianto, però, la pianta ha bisogno di irrigazioni di soccorso durante le estate molto siccitose. Questo è essenziale per permettere all’albero di crescere bene e di produrre frutti. Le cose cambiano invece per le piante adulte. In questo caso, sarebbe bene che non piovesse abbondantemente nelle due settimane che precedono la maturazione dei frutti. In tali circostanze, infatti, una pioggia eccessiva comprometterebbe la qualità dei frutti e la loro dolcezza.

Concimazione

fico-coltivazione-06

La concimazione del fico è indispensabile per mantenere la pianta in salute. Utilizzando compost o letame ben maturi è possibile infatti reintegrare l’albero delle sostanze organiche necessarie. Questo procedimento permette di migliorare la lignificazione del legno e di conseguenza la sua resistenza al freddo.

Pacciamatura

fico-coltivazione-07

Una buona pacciamatura è essenziale nei primi anni di vita delle piante. Suggeriamo quindi di distribuire uno strato di erba falciata appassita o di paglia intorno all’albero. In alternativa, è possibile anche utilizzare teli neri di plastica o biodegradabili.

Potatura

fico-coltivazione-08

La potatura del fico si effettua in inverno eliminando i rami secchi, i più lunghi, quelli disordinati e tutti polloni.

Moltiplicazione

fico-coltivazione-09

La tecnica più usata presso i vivai è la talea di ramo. Le talee di ramo, lunghe circa 30 cm, vanno interrate lasciando fuori dal terreno solo una gemma. Tale metodo vegetativo consente di ottenere degli individui con le medesime caratteristiche della pianta madre.

La propaggine si effettua fissando dei rami al terreno, mantenuto umido, staccandolo a radicazione avvenuta dalla pianta madre.

L’innesto a corona o a gemma è la tecnica più utilizzata nei frutteti al fine di produrre diverse varietà di fico. Questa tecnica di moltiplicazione è generalmente usata nel caso si intenda cambiare la varietà di frutto.

L’impollinazione del fico è entomofila, ossia avviene grazie a specie di insetti pronubi. Nonostante questo, la specie è in grado di produrre frutti anche partenocarpia, ossia senza fecondazione.

La messa in dimora del fico può avvenire anche con il trapianto che va eseguito a partire dall’autunno fino alla fine dell’inverno. La pianta, in questi casi, viene inserita direttamente nella buca, col colletto fuori dalla superficie del terreno.

Impianto

fico-coltivazione-11

L’impianto del fico si effettua fine inverno distanziando le piante tra loro da 6 a 10 metri a seconda delle cultivar. Dopo l’impianto la pianta viene capitozzata ad 1 metro e poi allevata in forma libera. Questo è un ottimo albero da sistemare in giardino, ma in questo caso si deve tenere il criterio di mantenere almeno 5 metri da pareti o altre piante.

Fruttificazione

fico-coltivazione-12

La produzione abbondante dei frutti avviene generalmente dal 5° al 40° anno di impianto dell’albero.

Fico coltivazione: foto e immagini

Il fico è uno degli alberi da frutto più amati in assoluto, ma per una sua corretta coltivazione è fondamentale conoscerne i bisogni. Prima di mettervi all’opera e iniziare a coltivare questa pianta, date un’occhiata alla galleria immagini che abbiamo realizzato.