Bonus luce e gas: come ottenere gli arretrati

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista

Grazie al Decreto Ucraina Bis si potranno ottenere gli arretrati del bonus luce e gas, detto anche bonus bollette. Vediamo come fare. 

bonus gas e luce
Bolletta della luce e del gas

Il bonus luce e gas prevede uno sconto sulle bollette. Non tutti possono accedervi ma soltanto coloro che ne fanno richiesta e dichiarano un ISEE entro i 12 mila euro. Grazie al Decreto Ucraina Bis, inoltre, lo stato riconosce anche la retroattività del bonus. Ciò significa che, coloro che hanno i requisiti, possono accedere anche agli arretrati del bonus. Per ottenerli c’è una procedura da seguire che spiegheremo di seguito.


Bonus Luce e Gas
Come ottenere il bonus luce e gas

Cos’è il bonus luce e gas

Bonus Luce e Gas
Come risparmiare Luce e Gas

Il Decreto Ucraina Bis altro non è che il Decreto legge n. 21 del 21/03/2022. Esso prevede l’innalzamento a 12 mila euro della soglia ISEE con cui si può accedere al bonus sociale. Quest’ultimo è meglio noto anche come bonus luce e gas che è valido dal 1/4/22 al 31/12/22. Con il decreto è stato stabilito anche che il bonus è retroattivo. Ciò significa che, chi non fosse riuscito a presentare la documentazione ISEE nel corso del primo trimestre dell’anno, potrà ricevere i pagamenti eccedenti compensati in automatico in bolletta. L’automatismo sarà garantito una volta presentato l’ISEE.

Come si può dedurre da quanto detto sopra, questo bonus serve per agevolare le famiglie italiane più in difficoltà, agevolando i costi per pagare i consumi di gas e luce. I beneficiari, dunque, si trovano in una situazione di disagio economico. Tra gli altri requisiti necessari spicca il fatto che il beneficiario deve essere l’intestatario del contratto che gli permette di avere luce e gas. Inoltre, il nucleo familiare deve essere titolare di reddito o pensione di cittadinanza. Ricapitolando, oltre all’Isee che non supera i 12000 euro, il nucleo familiare può avere anche l’Isee non superiore a 20000 se ci sono almeno tre figli a carico.

Come ottenere gli arretrati

Come si è potuto intuire in precedenza, il bonus sociale luce e gas viene accreditato automaticamente. Esso si basa, infatti, sul Sistema Informativo Integrato nazionale. Per ottenerlo, dunque, bisognerebbe presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) al fine di ottenere un’attestazione ISEE. La DSA deve essere presentata da ciascun utente in modo autonomo attraverso il sito ufficiale dell’INPS dunque online, attraverso la sezione MyINPS relativa all’area personale. Lì si troverà la voce ISEE precompilato. Se si preferisce non fare da se, si può chiedere il supporto di un CAF qualunque della propria zona di residenza.

Nel momento in cui si acquisisce la DSU, sarà l’INPS ad occuparsi della selezione in automatico di tutte le famiglie che possono avere accesso al bonus e, dunque, allo sconto. Successivamente, sarà sempre l’INPS a trasmettere i dati all’ente che collabora con l’Autorità di regolazione per energia reti ed ambiente (ARERA). I dati sono naturalmente quelli dell’Acquirente unico.

Con il portale digitale SII, nella propria area personale, l’Acquirente Unico potrà comunicare, successivamente, i dati personali agli enti che gli erogano il gas o la luce. Questi enti potranno applicare lo sconto in bolletta, automaticamente, ai soggetti aventi diritto.

bonus luce e gas
Calcolo arretrati

Chi determina i prezzi

chi paga il bonus
Arera determina il prezzo del bonus

Il bonus ed il suo importo relativo viene determinato con una certa periodicità da ARERA che è l’autorità competente in materia. A farlo oscillare ci pensano i criteri che sono previsti dalla normativa. I valori sono aggiornati, generalmente, appena inizia l’anno.

Come è avvenuto per i primi tre trimestri, anche nel III trimestre del 2022, il Governo ha stabilito che il bonus luce e gas potesse essere rafforzato. Un rafforzamento fortemente voluto a causa dei rincari e, conseguentemente l’aumento delle spese da parte delle famiglie italiane.

Anche per il III trimestre 2022, l’importo del bonus terrà conto dell’andamento dei prezzi di mercato e della loro volatilità. Per questo motivo, ARERA ha deciso di rinviare l’adeguamento che ha cadenza annuale dei bonus per poter compensare gli aumenti e la loro incisione sulla spesa. Per tale motivo, è stato anche previsto un nuovo bonus straordinario CCI ovvero componente compensativa integrativa che si va ad aggiungere al CCE per la luce e CCG per il gas che sono ordinari.

In linea di massima, si può affermare che il bonus luce e gas è determinato dal numero di persone che compongono la famiglia che ne ha fatto richiesta. Stando ai valori in vigore a partire da luglio 2022, dunque, una famiglia composta da 1/2 persone potrebbe percepire un bonus luce e gas pari a 142,60 euro.

Bonus luce e gas: come ottenere gli arretrati – foto e immagini

Ora che sai qualcosa in più sul bonus luce e gas, non ti resta che vedere se rientri tra i soggetti che ne hanno diritto. Prima, però, gira questo articolo ad un amico a cui potrebbe essere utile.