Malattie estive delle piante

I mesi estivi possono essere letali per molte piante che vengono attaccate da determinate malattie. Dentro casa piuttosto che sul balcone, sul terrazzo, in giardino oppure nei campi, la comparsa del fuoco batterico, della peronospora e dei nematodi unite alle condizioni climatiche stagionali sarà deleteria. Soffrono lo stesso problema anche molte piante da frutto a causa dei parassiti. Scopriamone le motivazioni.

dodder-parasitic-plant_1600

L’estate senza dubbio è il periodo dell’anno in cui piante e fiori esplodono in tutta la loro bellezza, un insieme di fiori e di colori che possono trasformare l’ambiente in qualcosa di unico ed originale. All’interno dei nostri appartamenti, sui balconi o terrazzi o anche per strada avremo la possibilità di ammirare veri e propri capolavori della natura.

Tuttavia, c’è sempre da tenere in considerazione l’aspetto della malattia di queste piante che in estate potrebbe avere lo sfogo maggiore, favorita dalle condizioni climatiche della stagione e anche dallo stress che le piante stesse vengono sottoposte nei campi con il problema della carenza di acqua.

Molti sono i parassiti presenti nelle nostre campagne, si pensi ad esempi agli afidi, tuttavia la malattia della piante non è dovuta soltanto agli animali parassiti: esistono, ed in special modo nelle calde giornate d’estate, malattie che sono conseguenza di funghi, virus e batteri vari.

1. Il fuoco batterico colpisce le pomacee ma anche piante ornamentali

popular-apple-varieties

Una delle malattie più conosciute e purtroppo più pericolose è il colpo di fuoco batterico causato dall’Erwinia amylovora. Essa fa parte delle malattie tipiche delle piante estive e vanno a colpire in maniera particolare le pomacee come il melo, il pero e anche il cotogno. Allo stesso tempo sono letali per le piante ornamentali e spontanee che appartengono alla famiglia delle Rosacee.

Il colpo di fuoco batterico è una malattia da quarantena e viene sottoposta a lotta obbligatoria: si manifesta in maniera particolare sui rami più giovani delle stesse pomacee appunto nelle giornate estive che partono dalla primavera fino ad arrivare alla fine dell’estate. Anche se si riconosce il tipo di malattia che sta colpendo una pianta in particolar è assolutamente vietato agire di iniziativa propria (grande pericolo diffusione batteriosi) ma è obbligatorio segnale il tutto al Servizio Fitosanitario Provinciale.

L’intervento successivo da parte di questo personale specializzato sarà atto a prevenire e limitare la diffusione di questa malattia in quanto non esistono prodotti fitosanitari che possano essere utilizzati per la cura diretta.

2. La Peronospora, malattia di origine fungina letale per i pomodori

tomatoes

Sempre in riferimento all’estate e alle malattie che questa stagione può portare bisogna parlare anche della peronospora, fungo agente patogeno che trova in questo periodo le condizioni ideali per rovinare uno dei simboli dei prodotti estivi ovvero il pomodoro.

Molti sono gli ortaggi che possono essere attaccati in maniera pericolosissima da questa malattia che ha un’origine fungina oltre, come abbiamo detto, le coltivazioni di pomodoro e anche le viti. Come se non bastasse l’azione della peronospora è accentuata anche da un fattore purtroppo attuale e pericoloso, la scarsa piovosità e il clima molto secco.

3. I nematodi possono colpire i meloni e le cucurbitacee in generale

zone-5-melons

L’estate ci fa pensare a diversi prodotti da mettere sulla nostra tavola come ad esempio il melone, pianta tipica dei climi caldi e che vuole la coltivazione durante i mesi estivi. Si pensi soltanto al fatto che la temperatura minima che è richiesta per la germinazione del seme è intorno ai 24° C e può vegetare tra i 25°C e i 30°C.

Uno dei principali nemici è rappresentato dalle gelate, molto al di sotto dei 15°C sotto i quali però entra in stasi vegetativa. I nematodi possono essere favoriti dalle condizioni climatiche che si combinano con i terreni leggeri, sabbiosi e con una temperatura del suolo appena sotto i 30°C. Se le il fogliame si presenterà ingiallito e con una crescita rallentata e se dovesse appassire nelle ore più calde della giornata ecco che scatta l’allarme per lo sviluppo dello stato di questa malattia.

I nematodi hanno anche un’altra caratteristica che è quella di trasferire i virus agenti di virosi. In più le radici delle piante colpite favoriscono le galle, irregolari e nodosi rigonfiamenti che possono emergere sia in forma isolata che in raggruppamenti.

4. Malattie che colpiscono anche gli alberi da frutto

lemon-tree

Anche molte piante da frutto possono essere colpite da diverse malattie. Prendiamo un esempio su tutti, la malattia del limone. I parassiti, infatti, non recano danno solo alle piante di limoni ma possono essere portatori di altre tipologie di malattie virali o batteriche.

Si parla tanto della mosca della frutta, forse il parassita più conosciuto per questa pianta: essa colpisce anche altri alberi da frutto, le femmine depongono le uova con piccole zone mollicce che marciscono e le larve che si sviluppano si nutrono della polpa e scavano buchi all’interno.

Le cocciniglie invece, che si suddividono in diversi gruppi, danneggiano le foglie con i rametti con la produzione di melata e fumaggini, causa anche di caduta di foglie. Il trattamento estivo contro queste malattie consiste in olii minerali leggeri con fosforganici o piretroidi adeguati.

Malattie estive delle piante: foto e immagini

Alcune tra le piante colpite dalle malattie nei mesi estivi. Come preservare la loro salute e quali trattamenti utilizzare.