Tasso – Taxus baccata – coltivazione


Tasso


Caratteristiche generali del Tasso

Si tratta di una conifera sempreverde molto longeva che appartiene alla famiglia delle Gimnosperme (Taxaceae o Tassacee).

La pianta, originaria dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, è alta mediamente 10 metri , non mancano esemplari che superano anche i 20.

L’apparato radicale è robusto, il tronco rugoso e profondamente inciso è di colore rossastro negli esemplari giovani, mentre in quelli adulti, invece, tende al grigiastro.

pianta-foto-tasso-taxus

Le foglie aghiformi di colore verde intenso, molto simili a quelle dell’abete, sono piatte e traslucide. Il tasso è una pianta sia dioica (a sessi separati) sia monoica.

foto-bacche-tasso-taxus

I frutti, gli arilli, che si originano dalla maturazione degli ovuli, sono bacche rosse e carnose commestibili che però avvolgono un piccolo seme scuro e velenoso.

bacche-di-tasso-taxus

Fioritura: la fioritura avviene tra gennaio – maggio. Sui maschi, alla base delle ascelle fogliari, compaiono i coni maschili, amenti gialli, contenenti sacche piene di polline. Sugli esemplari femminili invece, agli apici dei rametti, compaiono dei coni  verdi, portanti un ovulo ciascuno.

L’impollinazione è anemofila (operata dal vento), mentre i semi vengono trasportati a distanza dagli animali, soprattutto dagli uccelli.

Tasso-Bacche

Coltivazione del Tasso – Taxus baccata

  • Esposizione: anche se si sviluppa abbastanza bene anche in luoghi semi-ombrosi, predilige quelli luminosi e soleggiati. Resiste bene all’inquinamento atmosferico, non sopporta i venti freddi.
  • Terreno: si adatta a qualunque tipo di terreno ma preferisce quello ricco di sostanza organica e ben drenato.
  • Annaffiature: è una pianta che non teme la siccità e si accontenta delle acque piovane.
  • Concimazione: a fine inverno interrare ai piedi della pianta del concime organico ben maturo.

Tasso-foglie-bacche

Moltiplicazione del Tasso

La propagazione avviene per seme in autunno, per talea a fine estate e anche per propaggine. La semina si effettua mettendo a germinare i semi in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali.

La propagazione per talea va fatta a fine estate prelevando, con cesoie disinfettate e ben affilate,  germogli laterali lunghi 10 cm con una porzione di ramo portante. Le talee si mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia.

Impianto del Tasso

Le nuove piantine, ottenute per semina o per talea, vanno trasferite in vasi singoli e allevate in essi per almeno 2 anni. La messa va fatta in autunno nel mese di ottobre oppure in primavera. Per realizzare siepi di Tasso ideali anche come frangivento, occorrono piantine alte 50 – 70 cm da impiantare a distanza di circa di 40 cm l’una dall’altra.

Tasso-coltivazione

Potatura del Tasso

Si cimano i rami principali per stimolare la ramificazione e si recidono completamente i polloni basali.

Malattie e parassiti del Tasso – Taxus baccata

Deperimenti possono verificarsi in inverno o in altri momenti nel corso dell’anno a seguito di cambiamenti improvvisi di temperatura, specialmente situazioni estreme nel corso dell’inverno: ad esempio il fogliame può diventare marrone in inverno se esposto ai venti secchi invernali.

Usi e proprietà fitoterapiche

Il tasso viene utilizzato come pianta da siepe o come albero solitario nei parchi e nei giardini.

I principia attivi sono molto efficaci nella cura del cancro delle ovaie.

Il Tasso è velenoso?

Tutte le parti del Taxus baccata, corteccia, foglie e semi sono velenosi e nei casi più gravi risulta essere mortale. Eccezione fatta per i frutti, che a maturazione diventano di colore rosso e sono ottimo alimento per gli uccelli, detti arilli.

Non a caso è detto albero della morte e la sua tossicità risiede nella presenza di taxina, un alcaloide diterpenico che se ingerito provoca nausea, vomito, problemi cardio-respiratori e in dosi elevate coma e persino la morte.

Foto ed immagini del Tasso Taxus baccata



Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta