Piante ingiallite

Le vostre amate piante sono ingiallite e non sapete il perché? Scopriamo assieme quali possono essere le cause e anche i rimedi per farle tornare splendenti e in salute.

Agrumi-con-foglie-gialle-1280×720 (1)
Agrume con foglie gialle

Le piante sono una presenza importante ed essenziale per qualsiasi arredo: che si tratti di interno o esterno, di verande o terrazzi, la natura non deve mai mancare. Conferisce infatti freschezza e movimento agli ambienti, mantenendo alto il livello di ossigeno e depurando l’aria. può capitare, però, che le piante diventino gialle perdendo quella luminosità e quel colore che le contraddistingue.

Le piante ingiallite sono sempre sintomo di qualcosa che non va nella nostra cara amica verde: occorre porvi rimedio in fretta prima che la salute generale della specie vegetale sia compromessa. Il colore giallo delle foglie può indicare differenti patologie o aggressioni esterne: ecco come riconoscere i segnali di pericolo e le cure per restituire alle nostre piante vigore e salute.

foglia-ingiallita-pianta-di-appartamento
Foglia ingiallita di pianta da interno

1. Piante ingiallite: eccesso di acqua

Una delle cause più diffuse che rende le piante ingiallite è l’eccesso di acqua: al contrario di quanti pensano, bagnare troppo risulta spesso dannoso e fatale per molte specie che, non riuscendo a liberarsi dell’acqua in eccesso, possono andare incontro a pericolosi marciumi radicali.

Una condizione critica che porta a una asfissia vera e propria della pianta, strozzata e affogata. Essa dunque non sarà più in condizione di effettuare la fotosintesi e la traspirazione, fasi fondamentali del suo ciclo vitale, perché le sue radici saranno troppo bagnate.

Occorre provvedere in fretta a eliminare il ristagno di acqua e ridurre drasticamente le bagnature, verificando anche che nel frattempo non ci siano funghi su terreno o figlie. In tal caso, spruzzate acqua e bicarbonato di sodio per contenere e curare l’infezione.

foglie-gialle-e-piante-appassite-scaled
foglia ingiallita da eccesso idrico

2. Piante ingiallite: carenze nutritive

Un’altra possibile causa di piante ingiallite è dovuta a forti carenze nutritive che progressivamente indeboliscono l’esemplare, portandolo a uno stato di profonda sofferenza. Un pochino come per gli uomini, anche le piante necessitano di minerali, vitamine e zuccheri per mantenersi in salute.

Spesso le piante ingiallite mancano di azoto, reintegrabile con una robusta concimazione mirata ad alto titoli di questo minerale prezioso. Altra comune carenza nutritiva è legata al ferro: elemento essenziale per la salute radicale e per la produzione di clorofilla, in sua mancanza il colore delle foglie diviene giallo o, in casi gravi, bianco.

Integrate il ferro con soluzioni da spruzzare sulle piante che contengano ferro chelato, oppure optate per un terreno meno acido e più basico.

Schermata-2019-10-29-alle-13.19.09-1200×1200
foglie ingiallite da carenze nutritive

3. Piante ingiallite: bruciature da sole

Altro motivo di piante ingiallite sono certamente le bruciature da sole che sono il frutto di una eccessiva esposizione ai raggi solari. Esse agiscono sulla foglia come vera e propria scottatura solare: la causa molte volte è dovuta al fatto di aver posizionato le piante troppo vicino a finestre.

Il vetro fa quindi da effetto lente e scalda la temperatura e riflette i raggi, causando danni al fogliame. Una soluzione agile e veloce per risolvere il problema è spostare l’essenza vegetale in un luogo maggiormente fresco, lontano dai raggi diretti.

Se la pianta si trova all’esterno, o provate a trapiantarla (attenzione alle radici!) oppure se è troppo grande e non volete rischiare prevedete delle coperture (teli sospesi traspiranti, gazebi ad hoc.)

foglie-gialle-pomodori
danno da eccesso di sole

4. Piante ingiallite: eccessiva ombra

Così come il sole e il caldo, anche l’ombra eccessiva può causare ingiallimento delle foglie. Per fare fotosintesi, lo dice la parola stessa, le piante hanno bisogno di luce: essa può essere totale (es. gerani o oleandri) o alternata a ombra (ortensie, azalee). Ma ad ogni modo non dovrà mai esserci solo ombra.

Tale condizione impedirà le funzioni vitali della pianta, favorendone la diminuzione della clorofilla e di conseguenza la colorazione gialla del fogliame. Una soluzione ideale è dunque spostare la pianta in posizione più luminosa, facendo attenzione alla luce diretta se possibile, ma in un luogo che abbia sufficiente capacità di elaborare la fotosintesi.

WhatsAppImage2020-12-29at09.51.38
ingiallimento fogliare da eccesso di ombra

5. Piante ingiallite: parassiti

Una delle cause più comuni di piante ingiallite è poi costituita da un attacco da parte di parassiti. Essi si sviluppano da alcune larve e proliferano in particolari condizioni climatiche, legate a temperatura, umidità e fisiologico abbassamento delle difese della pianta stessa.

La cocciniglia è una delle più diffuse e aggressive sulle ornamentali e sulle orticole, in grado di riprodursi con estrema rapidità sino a minare le funzioni vitali della specie in questione. Altro ospite poco gradito è il ragnetto rosso, che negli ultimi anni si è diffuso anche nelle zone più temperate dove ha rovinato parecchie Palme e filari di piante da arredo urbano.

Per curare le piante aggredite dai parassiti occorre agire con tempestività e in modo rigoroso: potete avvalervi di metodi naturali che non rilascino sostanze tossiche nell’ambiente. Una soluzione con acqua e sapone di Marsiglia nebulizzata sul fogliame può essere ideale, così come l’olio di lino con il quale potete inumidire batuffoli di cotone e strofinarli sulle foglie.

Malattia-foglia
foglie gialle per attacco di parassiti

Piante ingiallite: immagini e foto

Ecco alcune immagini di piante ingiallite e di come curarle al meglio.