Piante anti topo


Piante anti topo


Quali sono le piante ornamentali, aromatiche, sempreverdi che tengono a distanza topi e altri roditori poco graditi dalla casa, dal giardino, dall’orto domestico e anche dalle terrazze? 

Ecco un elenco delle piante che funzionano da repellenti naturali contro i topi e i roditori in genere che si aggirano indisturbati un po’ dappertutto nelle aiuole del giardino e finanche sui tetti e nelle grondaie dell’acqua piovana.

La presenza dei topi viene svelata da squittii, fruscii di foglie e sulle superfici da piccoli escrementi  nerastri o dalla presenza di urine maleodoranti.

Topi

Le infestazioni di questi fastidiosi animaletti tra l’altro molto proliferi possono essere contrastate colpendoli o ferendoli nel loro olfatto sviluppato ma delicato e sensibile ai profumi emanati dalle foglie di piante ornamentali e piccole aromatiche senza a far ricorso a trappole, a veleni o ad apparecchi che emettono ultrasuoni fastidiosi anche per l’orecchio umano.


Leggi anche: 10 piante anti smog: come combattere l’inquinamento col green


Piante aromatiche anti topo

Menta

La menta una piccola aromatica che viene coltivata per il suo largo impiego in cucina per l’aroma intenso e penetrante che emana. E’ una pianta odiata dai topi ma molto utile anche contro le zanzare, le mosche e le formiche.  Si coltiva facilmente in vaso, in piena terra e con le sue foglie fresche o essiccate potete prepara dei macerati intensamente profumati da nebulizzare nelle zone più strategiche della casa, del giardino, terrazzo, cortile e persino nel vostro orto domestico.

Menta

Lo so, per un’amante della campagna, della natura e l’aria aperta è un bel problema! Nelle mie zone si trovano non di rado, topolini di campagna ma anche ratti.
Sono una di quelle cose che mi mandano davvero nel panico: sia che siano vivi, sia che siano già morti.
A casa mia, dove cani e gatti vivono armoniosamente in giardino, la caccia al topo è all’ordine del giorno.
Quindi si vedono necessarie alcune idee “allontana topo”, per chi, come me, non ha nessuna intenzione di fare del male ai topolini, ma tifa per metodi più civili della serie: “ognuno a casa sua”!
In particolare, in giardino, ci sono alcune piante e tuberi che possono aiutarvi nell’impresa.

Non risolveranno il problema, ma lo diminuiranno sensibilmente!

Cominciamo dai narcisi, il bulbo del narciso, emana un odore davvero molto sgradevole per i topi, ma renderà sempre più romantiche le vostre bordature. Il bulbo del narciso infatti, naturalizza molto facilmente e lasciandolo in terra, anno dopo anno avrete sempre più fiori a colorare il vostro giardino.

Parlando di piante aromatiche ecco le quattro piante più odiate dai topi!

assenzio

Assenzio – Artemisia absinthium

Un’altra pianta che i contadini coltivano dalle loro coltivazioni serpenti, topi e talpe,  è l’Assenzio Maggiore, Arthemisia absinthium, una pianta vigorosa a portamento cespuglioso con fogliame grigio argentato, molto frastagliato e fortemente aromatico. Molto efficaci a respingere i topi sono soprattutto i germogli teneri e freschi dell’assenzio. Questa pianta è facile da coltivare al pieno sole nelle aiuole del giardino e anche in vaso. in estate produce spighe di fiori biancastri.


Potrebbe interessarti: 10 idee per realizzare un orto con materiali da riciclo

Camomilla

Camomilla – Matricaria chamomilla

Un aiuto gradito ci viene dato anche da questa  piantina officinale erbacea presente nei campi incolti, lungo i bordi delle strade, dei sentieri montani e vallivi. Con il suo odore tanto piacevole per l’uomo riesce invece ad allontanare i topi. E’ una pianta che si riproduce  per seme e che cresce bene in qualunque tipo di suolo.  Una volta coltivata nei luoghi desiderati si autosemina ogni anno grazie ai suoi piccoli semi fertilissimi. s

Ruta-pianta-aromatica

Ruta graveolens

Una pianta le cui proprietà repellenti, naturali ed efficaci nel tenere a debita distanza i topi vengono sfruttate fin dai tempi antichi. I contadini la coltivavano ai bordi deli campi di grano e mais e mettevano mazzetti di ruta nei granai o nelle cantine. E’ una pianta erbacea che cresce allo stato spontaneo nei terreni umidi dalle pianure  e delle montagne. Forma un folto cespuglio con foglie profondamente incise che impregnano l’aria di un odore acre, pungente molto sgradito ai roditori , agli insetti e alle vipere. Questa pianta perenne è anche molto decorativa con  fiorellini di colore giallo oro.

Euphorbia
Euforbia

L’Euphorbia characias o Efurobia cespugliosa è una pianta ornamentale che viene coltivata in tutti i giardini pubblici e privati per il suo portamento elegante, per la sua fioritura particolare e altamente decorativa allontana le talpe e i roditori grazie all’odore pungente ed acre emanato da steli e foglie.  I topi la odiano non solo per lo sgradevole odore ma anche perchè il lattice che fuoriesce dalle foglie danneggiate e dagli steli spezzati provoca estese ustioni alla loro pelle. La pianta va maneggiata indossando guanti da giardinaggio perchè provoca irritazioni cutanee molto fastidiose. E’ mal vista anche dai nostri animali domestici, cani e gatti.

Eucalipto

Piante ornamentali anti topo

Eucalipto

Anche questo splendido albero ornamentale molto longevo, dal portamento elegante con chioma ricca di fogliame intensamente profumato. Tenerlo in giardino o anche in vaso sarà un ottimo repellente. Particolarmente efficace è l’olio essenziale: ne bastano poche gocce nei punti di afflusso e il problema viene risolto senza problemi. L’olio di eucalipto inoltre è efficace anche contro gli insetti fastidiosi e contro alcuni parassiti come zecche e pulci.

bulbose-narciso-giallo

Narciso

I topi non sopportano neanche l’odore acre dei bulbi del Narciso motivo per cui è bene piantarli in gruppi nelle aiuole del giardino, ai bordi delle colture orticole e sui davanzali delle finestre. Nel pieno della fioritura regaleranno anche splendide macchie di colore e renderanno l’aria gradevolmente profumata.

Incenso-pianta-aromatica

Pianta dell’ incenso – Plectranthus coleoides

Una bella piantina erbacea  a portamento di cespuglio ricadente con foglie variegate che profumo l’aria d’incenso, un aroma non gradito ai topi e ad altri roditori. Si possono utilizzare secche negli anche all’interno della casa.

Peperoncino

Un altro repellente naturale molto efficace è la polvere ottenuta dai peperoncini piccanti secchi. Si sparge in ogni angolo più a rischio di infestazione senza alcun problema per gli altri animali che frequentano la nostra casa, il cortile e il giardino.

Alloro

Alloro – Laurus nobilis

Una pianta con foglie aromatiche molto longeva coltivata come albero o in filari per realizzare profumate siepi di recinzione è  un ottimo deterrente naturale per i roditori di città e di campagna. Questa antica pianta, diffusa in natura in tutte le aree del Mediterraneo, è da sempre apprezzata in cucina per aromatizzare piatti di carne, ragù, castagne e anche un famoso liquore digestivo ma pochi sono a conoscenza che le sue foglie, fresche e ancora meglio essiccate, con il loro intenso profumo allontano i topi ed evitano che essi possano invadere la nostra casa e i mobili.

Cosa fare?

Per prima cosa coltivare l’alloro in vaso o fioriere sui davanzali delle finestre e nei punti più a rischio del giardino. Secondariamente e per maggiore sicurezza è consigliabile spargere delle foglie nella dispensa e all’interno degli armadi.

pepe-rosa-bacche

Pianta del pepe

Anche la Pianta del falso pepe o Schinus molle è un’ottima pianta anti topo. Viene coltivata come ornamentale, per l’utilizzo delle sue bacche rosate in molti settori industriali, in cucina e come insetticida naturale nei parchi pubblici, nei giardini privati.

Consigli

I profumi delle piante elencate svolgono la loro funzione anti topo anche se le foglie sono secche o con le stesse si preparano macerati da spruzzare nelle zone in cui si ha il sospetto di infestazioni.

Si possono usare anche le essenze o gli oli facilmente reperibili in erboristeria o in qualunque vivaio.

Al di là dell’utilizzo di piante, essenze, oli è opportuno anche ricordare che i topi vengono attratti dai rifiuti organici e dalla sporcizia quindi risulta lampante e chiaro che ”prevenire è meglio che curare”.

Come ?

Bloccare le vie di accesso ai topi con l’ordine, la pulizia e buttando la spazzatura regolarmente nei contenitori appositi e chiusi ermeticamente. L’osservanza di queste semplici regole ci mette al riparo delle infestazioni da topi  o ratti  preservandoci da serie malattie e dal panico che destano da morti e da vivi anche se piccoli.

Galleria foto Piante anti topo

Laura Bennet
  • Scrittore e Blogger

Commenti: Vedi tutto

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.