Rami da frutto: tipologie, quando fare la potatura

Autore:
Laura Bennet
  • Docente sc. biologiche

Quali rami potare e quali no quando si effettua la potatura degli alberi da frutto? Come riconoscere i vati tipi di rami?  

Albero, Giardino
Photo by GregMontani – Pixabay

Tipi di rami

Per eseguire una perfetta potatura degli alberi da frutto è importante riconoscere la diversa tipologia dei rami:  rami a legno, rami a frutto, rami misti, dardi, lamburde, branche, brindilli, vermene, mazzetti di maggio e rami anticipati.

Ogni tipo di pianta presenta caratteristiche particolari e conoscerle fin nei dettagli consente di sapere esattamente quando sia il momento di effettuare la potatura.

Rami a legno

Si tratta di rami non fruttiferi che incrementano le parti legnose della pianta e si distinguono in polloni e succhioni.

Polloni di melograno
Photo by Apiweb

Polloni

Sono chiamati polloni quei rami che spuntano dalle radici o dalle ceppaia della pianta. Nascono quindi direttamente dalle radici. Il taglio dei polloni è quasi obbligatorio, al fine di evitare che la piante sprechi le sue energie. Vi sono casi in cui è possibile effettuare il prelievo col cespo di radice per far fiorire nuove piante.

Leggi anche Gemme tipi

rami-rosa
Photo by Paul Maguire – Shutterstock

Succhioni

I succhioni si originano invece dalle branche o dalle gemme latenti del tronco. Sono anch’essi rami a legno.

Pesco-potatura
Photo by Apiweb

Rami a frutto

Sono i rami che portano le gemme che daranno origine ai frutti.

rami-frutto
Photo by encierro – Shutterstock

Rami misti

Sono rami caratterizzati dalla presenza contemporanea di gemme a frutto e di gemme a legno.

Dardo-ramo
photo by Apiweb

Dardi

Sono i rami corti delle drupacee come susino, albicocco, pesco e ciliegio che possono terminare o con molte gemme a fiore disposte a mo’ di corona intorno ad una gemma apicale oppure terminano con gemme a legno.

Ogni anno il dardo fiorifero produce un’ombrella di fiori, mentre la gemma apicale germoglia facendo crescere il dardo in lunghezza.

La produzione dei dardi cambia di specie in specie: ad esempio, il pesco produce quasi esclusivamente brindilli, mentre il ciliegio e diverse varietà di susino producono principalmente dardi.

ciliegio
Photo by Nitr – Shuttertock

Lamburde

Si tratta di rami di due anni, corti, lunghi circa 2 cm, terminanti con gemme a legno o gemme a fiore come i caratteristici rami del melo.

albero-di-melo
Photo by Serhii Hrebeniuk – Shutterstock

Brindilli

Sono rami lunghi e sottili che nelle drupacee portano gemme apicali a legno mentre nelle pomacee gemme apicali miste. Il brindillo  è un ramo sottile infatti il suo spessore è compreso tra i 10 e i 30 cm.

Branche

Le branche sono rami di due o più anni e si distinguono in:

  • primarie quelle inserite direttamente sul fusto;
  • secondarie quelle che si originano dalle primarie;
  • terziarie invece quelle inserite sulle secondarie.
Potatura del Nespolo
photo by Apiweb

Vermene

Sono i rami a frutto delle piante di olivo.

Olivo di Boemia – Olivagno
photo by Apiweb

Mazzetti di maggio

I Mazzetti di maggio sono dardi fioriferi che si presentano con raggruppamento di gemme all’apice; sono tipiche delle drupacee.

Consiste in un rametto lungo 3/6 cm e che presenta numerose gemme a frutto ravvicinate mentre in punta vanta una gemma a legno.

albero-di-pesco
Photo by Crisp0022 – Shutterstock

Rami anticipati

Il ramo anticipato ha origine da gemme pronte che già nello stesso anno creano il germoglio. Il pesco è uno di quegli alberi che, per i rami vigorosi, presenta questa caratteristica. Ha dimensioni ridotte e questa caratteristiche può essere sfruttata per la formazione (precoce) dello scheletro durante la fase di crescita dell’albero.

pesco-4 (1)
pesche

Come e quando potare

La potatura secca si effettua nel periodo di riposo vegetativo della pianta fino alla comparsa dei primi germogli. I rami dovranno essere sempre spuntati tenendo conto i nuovi rami verranno prodotti nelle ultime gemme a legno sorgeranno nuovi rami.

In estate, nel mese di luglio, si esegue la potatura verde al fine di aumentare l’arieggiamento della chioma, favorire la penetrazione della luce nelle parti più interne da evitare l’insorgenza di malattie fungine,  limitare l’attacco dei parassiti e  migliorare l’efficacia dei trattamenti fitosanitari.

Attrezzi

Per effettuare in maniera corretta la potatura, occorre dotarsi di una serie di attrezzi fondamentali quali:

  • forbici (o cesoie)
  • troncarami
  • svettatoi 
  • seghetti.

Per sapere come e quali acquistare, vi rimandiamo alla nostra guida dove troverete tutti i consigli.

Tipologia di rami: foto e immagini